LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Le accuse di Schmidt al centralismo sul Financial Times: LItalia un caso unico
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 24/8/2019

Il direttore degli Uffizi e il suo futuro: il mio tempo qui si sta esaurendo

Così amaro, da quando è arrivato alla guida degli Uffizi a Firenze, Eike Schmidt non era stato. E non è detto, che non ci sia tempo per ripensarci. Però il dato di fatto è che in unintervista pubblicata ieri dal Financial Times, che ha mandato una sua inviata (non sappiamo quando visto che in questi giorni Schmidt è in ferie ma sicuramente dopo la Riforma Bonisoli), per cercare di dipanare la matassa della nostra politica sui Beni culturali, ha detto: Io adoro questo posto (gli Uffizi e Firenze ndr). Ma il mio tempo qui si sta esaurendo o si è esaurito. Troppa lincertezza politica, troppo brusco il dietrofront della controriforma del Governo giallo-verde che ha mandato in soffitta lautonomia dei musei voluta da Dario Franceschini ministro dei Beni culturali dei Governi Renzi e Gentiloni, con lultimo atto del 16 agosto che, abolendo i consigli di amministrazione dei musei autonomi, ha di fatto impedito loro di approvare i bilanci in loco. Troppi cambi di indirizzo politico nella gestione della cultura in Italia.

Roba non da poco, insieme a molto altro: il ritorno delle decisioni sui lavori anche di manutenzione alle soprintendenze, un maggiore controllo su prestiti e politiche culturali da parte di Roma e da parte dei comitati scientifici dei singoli musei solo per fare degli esempi. La situazione è ancora fluida e il suo eventuale addio a Firenze dipenderà dalle prossime mosse politiche a Roma che Governo verrà e come guarderà al tema della riforma dei musei ma sulloggi il direttore degli Uffizi, appena subentrato alla guida della Galleria dellAccademia e del Museo di San Marco sempre in forza della nuova riorganizzazione Bonisoli, è tranchant: Non credo che ci sia un Paese nel mondo libero e occidentale con un politica culturale così centralizzata come ora in Italia.

La collega inglese che lo ha incontrato Rachel Sanderson scrive testualmente nel suo lungo articolo, in cui parlano vari protagonisti della cultura italiana che, dopo aver insistito con Schmidt nel chiedergli un paragone tra la nostra politica culturale e quella di un altro Paese, lui abbia citato lArabia Saudita. Precisando poi che quello che più spiazza i direttori come lui nel lungo reportage parlano anche James Bradburne di Brera e Arturo Galansino al vertice di Palazzo Strozzi qui a Firenze è il continuo mutare delle regole, il costante ciclo di riforme che caratterizza la gestione dei Beni culturali in Italia. Pensiero condiviso anche dagli altri protagonisti di questo lungo articolo che il giornale economico più prestigioso del Regno Unito ha dedicato ai nostri musei.

Il ministero dei beni Culturali, probabilmente anche per rispondere alla versione del Financial Times, ieri ha inviato una lunga nota nella quale chiarisce che le cose stanno diversamente e che: Resta lautonomia speciale dei più importanti istituti statali. Il vertice della struttura rimane il Direttore del Museo, di norma scelto tramite procedura internazionale. Con la nuova disciplina, il museo mantiene inalterata la capacità gestionale e finanziaria E ancora: I limiti di spesa non mutano. I musei autonomi possono continuare a indire gare dappalto e stipulare contratti e portare a termine i contratti in essere. I direttori hanno il compito di predisporre il bilancio di previsione, delleventuale variazione e del conto consuntivo, previa acquisizione della relazione del Collegio dei revisori dei conti. Lapprovazione dei documenti contabili, infine, continua ad avvenire a cura della Direzione Generale Musei, su parere conforme della Direzione generale Bilancio. Subito dopo però conferma: I Consigli di amministrazione che non hanno mai avuto le funzioni e le responsabilità tipiche di tali organi decadranno dal 1 ottobre 2019.

Non convince tutti se è vero che Lorenzo Casini, professore ordinario di diritto amministrativo nella Scuola Imt Alti Studi di Lucca e membro del consiglio di amministrazione delle Gallerie degli Uffizi, interpellato anche lui dal Financial Times ha parlato di una controriforma quella di Bonisoli che ha azzerato il testo sullautonomia che prevede di restituire il controllo a Roma definendola un male in termini di immagine del paese.

È il modello Franceschini contro quello Bonisoli, insomma, a interessare e incuriosire il giornale doltre Manica che snocciola i dati portati a casa da Schmidt (abbattimento del tempo dattesa in coda a sette minuti grazie allintelligenza artificiale, quota 4 milioni e 200 mila visitatori nel 2018, raddoppio dei ricavi, sempre nello scorso anno, rispetto al 2017, che sono arrivati a 34 milioni di euro). E sposa la causa dei musei autonomi, senza se e senza ma, aggiungendo che con la gestione attuale la galleria fiorentina è arrivata a contenere anche 100 nazionalità contemporaneamente in un solo giorno. Agli Uffizi tutto tace. Schmidt non manda a dire niente, dal suo entourage arriva solo una nota in cui si specifica che agli Uffizi non è stato chiesto il prestito dellAutoritratto di Raffaello, dei ritratti di Agnolo e Maddalena Doni e della Madonna del Cardellino da parte delle Scuderie del Quirinale per la mostra dedicata a Raffaello in programma il prossimo anno, come avevamo scritto sul giornale di ieri e come aveva scritto anche il Giornale dellArte . Per il resto nessun commento. Restano le parole di Schmidt riportate dal Financial Times che si definisce oggi più pessimista di prima rispetto al futuro dei nostri musei, supportato da Bradburne qui a Firenze ha guidato Palazzo Strozzi prima di andare a Brera che ha definito la controriforma un ritorno a una gestione sovietica del sistema museale italiano e questo sebbene anche in Unione Sovietica abbiamo appreso che il controllo centralizzato non funziona. Non solo: ha fatto capire che le proposte stanno già avendo un effetto negativo sulla raccolta fondi, sugli eventi e su qualsiasi altra cosa che richiede pianificazione, perché i colpi di scena della politica italiana sono così imprevedibili. Per poi concludere: È una catastrofe di primordine. Anche se per Bonisoli si è trattato di salvare i musei dallanarchia.



news

20-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news