LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Barcellona. Casa Batlló recupera lintensità cromatica del 1906
Roberta Bosco
Giornale dell'arte n. 399, agosto 2019

Restaurati i colori originali di tutti gli elementi in pietra, legno e ferro, oltre agli stucchi, alle vetrate e ai mosaici



Rimasta nascosta dai ponteggi per più di sei mesi è ora di nuovo visibile una delle facciate più iconiche della capitale della Catalogna, quella della Casa Batlló di Gaudí, che ha recuperato i colori originali grazie a un restauro di tutti gli elementi in pietra, legno e ferro, oltre agli stucchi, alle vetrate e ai mosaici.

Secondo il direttore dei lavori Xavier Villanueva, il celebre edificio con il tetto che ricorda la coda di un drago ha ritrovato laspetto del 1906 quando Antoni Gaudí terminò la riplasmazione delledificio costruito nel 1875 da Emilio Sala Cortés. Finora era stato restaurato solo una volta nel 2001 poco prima di essere dichiarato Patrimonio Mondiale dellUnesco.

Tra i cambiamenti più sorprendenti il nuovo colore dei balconi di ferro, dipinti di piombo bianco, le due tonalità di verde delle finestre e la pietra della parte inferiore della facciata che è stata riportata allo stato originale con vapore, pennelli e molta pazienza.

I lavori, nel complesso costati oltre 1,3 milioni di euro, hanno tra il resto consentito di individuare alcuni spazi interni che consentiranno di modificare e razionalizzare il percorso di visita. Adesso si può entrare da una parte e uscire dallaltra spiega Villanueva, ricordando che le diverse fasi del restauro si possono seguire attraverso i video disponibili sia nella casa sia online.

Durante i lavori è stato ritrovato, smontato e completo al 90%, lenorme lampadario (un metro di diametro, 65 chilogrammi di peso, 3mila lacrime di cristallo) del salone principale, di cui non si avevano notizie dagli anni della Guerra Civile (lultima foto in cui appare è del 1927). È stato ricollocato nello spazio che occupava in origine: il centro di una conchiglia di gesso sul soffitto della sala in cui lindustriale tessile Josep Batlló riceveva le visite.

Si tratta di un lampadario in stile Impero probabilmente realizzato nel nord della Francia o nel sud della Germania, che Gaudí utilizzò per potenziare leffetto della sua conchiglia. Nel 2018, la Casa Batlló ha superato il milione di visitatori (senza contare tutti quelli che si fotografano davanti) e tra biglietti e merchandising ha fatturato più di 27 milioni di euro con un guadagno netto di 14.

https://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/casa-batll-recupera-l-intensit-cromatica-del-1906/131633.html


news

20-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news