LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il Castromediano vuoto? Sì, ma ora spazio al futuro
Antonio Della Rocca
Corriere del Mezzogiorno - Puglia 23/8/2019

Larcheologo Volpe interviene sul museo di Lecce inaugurato senza opere esposte

Fa un esempio: Il museo Salinas di Palermo è stato chiuso per otto anni e i cittadini ne avevano perso memoria, perché se un qualsiasi luogo della cultura chiude e non vive, ovviamente, finisce per essere quasi dimenticato. È quello che poteva accadere anche al museo Castromediano di Lecce se fosse stato chiuso in attesa dellallestimento delle sue preziose collezioni, secondo Giuliano Volpe, professore ordinario di Archeologia alluniversità di Foggia. Lautorevole voce di Volpe, che è anche presidente della federazione delle Consulte universitarie di archeologia e membro del Consiglio superiore Beni culturali e paesaggistici del Mibact, si aggiunge a quelle di altri intellettuali e uomini di cultura che in questi giorni stanno animando il dibattito sulla scelta di aprire al pubblico gli spazi museali del Castromediano dopo la ristrutturazione e un pomposo evento inaugurale, malgrado siano quasi del tutto vuoti.

Professor Volpe, museo vuoto, visitatori delusi e tante critiche. Cosa ne pensa?

A fronte di situazioni di altre regioni che io conosco molto bene, dove i musei ex provinciali stanno facendo una vita davvero magra, come lo splendido museo di Capua, a Lecce la situazione è molto diversa. A me fa più tristezza citare il museo campano che non il Castromediano in cui cè stato il recupero della struttura. Ho apprezzato il fatto che la Regione, avendo preso in carico il museo, abbia pensato, come prima operazione, di costituire un gruppo di lavoro.

Il suo collega Francesco DAndria sostiene di essere stato chiamato a partecipare a quel gruppo di lavoro solo una volta e che se gli avessero chiesto un parere avrebbe suggerito di esporre almeno una collezione fra quelle rimaste chiuse nei depositi.

Non faccio parte di quel gruppo e non conosco i dettagli. A me interessa il fatto che il museo abbia un futuro e che sia stato bene impostato. La scelta poteva essere quella di tenerlo chiuso e sarebbe stata legittima, oppure quella di improvvisare. Ma a me questa cosa di prendere un pezzo e metterlo lì, francamente, non piace.

Ma alla fine è quello che è accaduto. Lunico pezzo archeologico esposto è la Colonnina di Patù.

Non conosco nel dettaglio la situazione, ma so che si svolgono tantissime attività. È stato detto anche allinaugurazione, alla quale io stesso ho partecipato, quindi, si tratta di cose note a tutti. È stato spiegato abbastanza bene che il museo sarebbe stato allestito in un secondo momento.

Resta il fatto che i visitatori che giungono anche dal Nord Italia e dallestero rimangono a dir poco sconcertati.

Lidea, forse non comunicata in maniera efficace, è che si voleva far conoscere un progetto in progress , mentre il comitato scientifico sta lavorando, sta selezionando non solo i pezzi ed elaborando un progetto che racconti i paesaggi del Salento in maniera diacronica, dallantichità più remota. Lidea è anche quella di arrivare alla contemporaneità e questo io lo trovo molto interessante. Nel frattempo vi è un contenitore rinnovato in maniera esemplare che viene restituito alla città.

Non è in discussione il progetto, quanto il fatto di tenere aperto per 15 ore al giorno un museo senza contenuti, con cinque dipendenti allinterno che subiscono le rimostranze dei visitatori.

Ripeto, probabilmente cè stato un problema di comunicazione poco efficace anche in questo senso. Va spiegato ciò che si vuole fare. Ma continuo a pensare che restituire alla città e ai visitatori uno spazio così bello anche dal punto di vista architettonico è un fatto molto importante. Ovviamente spiegando il perché della riapertura in questa forma, cioè, solo con due o tre elementi, la cui scelta è comunque emblematica di quello che vorrebbe essere il museo, un luogo che raccoglie la storia del Salento.



news

21-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news