LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lecce. Museo aperto ma vuoto. Il professor DAndria: delusi i colleghi stranieri
Antonio Della Rocca
Corriere del Mezzogiorno - Puglia 21/8/2019

Molti amici e colleghi stranieri si sono lamentati. È quanto rivela il professor Francesco DAndria, noto archeologo dellUniversità del Salento, a proposito del caso del museo Castromediano di Lecce lasciato vuoto. Linaugurazione? Una beffa, dichiara.
Il noto archeologo dellateneo di Lecce: Potevano utilizzare le grandi collezioni. Inaugurazione beffa

Lecce. Ho saputo della inaugurazione del Museo Castromediano, a cui non ho potuto partecipare, però tanti amici mi hanno detto che è stata una cosa molto sontuosa, in pompa magna, con la partecipazione di personalità, ma questi stessi amici si sono lamentati con me, così come alcuni colleghi stranieri ai quali avrei voluto mostrare le collezioni che invece non ci sono, racconta larcheologo Francesco DAndria. Lo studioso, già direttore della Scuola di Archeologia dellUniversità del Salento, aggiunge il suo punto di vista critico alla dialettica sviluppatasi in questi giorni attorno al Museo Sigismondo Castromediano di Lecce, inaugurato il 22 giugno senza nulla al suo interno, se si esclude una colonnina messapica, unopera darte moderna e poco altro.

Professor Dandria, cosa pensa della situazione del museo?

Cè una delusione diffusa per il fatto che le collezioni non sono presenti, malgrado il museo sia aperto.

Lei è unautorità in campo archeologico. Tra le altre cose ha scoperto lanfiteatro romano di Rudiae e il santuartio di Atena sul capo iapigio di Castro, di cui parlano Strabone e Dionigi di Alicarnasso, ed è anche membro dellAccademia dei Lincei. Lhanno mai interpellata per sistemare le collezioni archeologiche del Castromerdiano?

Il direttore del Polo biblio-museale di Lecce, Luigi De Luca, mi aveva invitato circa due mesi fa chiedendomi di collaborare allallestimento, ma solo per quello che riguarda gli anfiteatri.

E comè andata?

Abbiamo fatto una riunione di carattere molto generale e poi basta. Non so cosa sia accaduto dopo. Non so assolutamente nulla neppure sullallestimento che riguarda i messapi.

Oggi lunica traccia del messapi nel museo è la Colonnina di Patù. Non le pare troppo poco?

Devo dire che, essendomi recato al museo, nel vedere quella colonnina come unica attestazione della civiltà messapica ho avuto la sensazione di una beffa, perché nessuno lha ancora studiata, non si sa esattamente cosa sia, non è stata letta. Sembra un feticcio inutile. È chiaro che tutte queste cose offrono il fianco a critiche che possono essere giustificate.

Secondo lei sarebbe stato possibile fare un allestimento almeno parziale, utilizzando anche una piccola porzione delle testimonianze antiche che giacciono nei depositi?

Sì, secondo me si potevano almeno presentare le grandi collezioni, per esempio quella della ceramica che vanta dei capolavori. Se mi avessero chiesto qualcosa lo avrei suggerito.

La Regione ha pianificato il rilancio del Museo provinciale Castromediano che rischiava la decadenza.

Dopo la riforma Franceschini che ha abolito di fatto larcheologia cancellando le Soprintendenze archeologiche, la legge Delrio ha fatto il resto dei danni senza spiegare da chi sarebbero state esercitate le funzioni delle Province. Queste sono riforme improvvide sui beni culturali, sulle quali anche lAccademia dei Lincei si è espressa con un documento caduto nel vuoto perché era indirizzato al ministro Bonisoli, il quale non ha risposto perché non conosce bene i problemi dei beni culturali essendosi sempre occupato di moda. La moda è parte dei beni culturali, ma esiste anche il David di Michelangelo. A Bari cè un polo museale del ministero del Beni culturali e un altro polo biblio museale della Regione e tutto questo crea unenorme confusione dalla quale non credo che usciranno dei buoni risultati.

Qual è stato finora il ruolo della Regione?

Lassessora alla Cultura, Loredana Capone, ha cercato di porre rimedio a tutto questo. Poi cè il discorso dellinaugurazione del museo Castromediano vuoto, cosa che non doveva avvenire. Loredana Capone ha proposto la gestione regionale e la collaborazione con lUniversità. Soprattutto dopo la morte del direttore del museo, Tonino Cassiano, la struttura era rimasta priva di qualsiasi interlocutore. Certo, oggi è triste che Lecce non abbia un museo, se si esclude il museo Faggiano sulla cui consistenza scientifica esprimo molti dubbi.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news