LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Urbanistica, fermi dossier per 700 milioni. E il Comune da un mese non ha lassessore
Giulia Ricci
Corriere della Sera - Torino 19/8/2019


Ricci

Circa 700 milioni di euro. È il valore degli investimenti per le riqualificazioni di aree della città che languono o rischiano di andare in fumo, dalle ex Ogm alla Manifattura Tabacchi passando per la Cavallerizza. È passato più di un mese da quando Chiara Appendino ha messo alla porta lassessore allUrbanistica Guido Montanari. La sindaca ha tenuto per sé queste deleghe, in attesa di trovare un successore per gestire i dossier di rigenerazione urbana, e varare un nuovo Piano regolatore. Ma ad oggi dellassessore allurbanistica non cè neanche lombra. E le imprese scalpitano. Senza regole certe non ci saranno investimenti, dice Marco Crespi di Aspesi Torino.

Circa 700 milioni di euro. È il valore degli investimenti in trasformazioni e riqualificazioni di aree della Città che languono o rischiano di andare in fumo. È infatti passato più di un mese da quando Chiara Appendino ha messo alla porta lassessore allUrbanistica Guido Montanari. La sindaca ha tenuto per sé queste deleghe, in attesa di trovare un successore, qualcuno in grado di mettere a terra un nuovo Piano Regolatore e far ripartire il mercato del mattone. Ma ad oggi del nuovo assessore allurbanistica non vi è neanche lombra, anzi: la prima cittadina si trova a navigare a vista. Quel che è certo, è che fuori da Palazzo Civico non cè la coda di professionisti che abbiano voglia di legare il proprio destino a quello di una giunta in perenne rischio caduta e di un Movimento 5 Stelle in crisi. Ma, intanto, ci sono milioni e milioni di euro di progetti urbanistici congelati e investitori che non hanno un interlocutore.

E così sono almeno cinque i principali interventi fermi al palo. Come quello sui 72 mila metri quadrati delle ex Officine Grandi Motori, nel quartiere Aurora, per i quali esiste un progetto da 60 milioni di euro di Esselunga per un magazzino e-commerce, negozi, residenza universitaria e area verde. Manca, però, lapprovazione di una variante urbanistica da parte della giunta e della Sala Rossa. E così è ancora una proposta progettuale da portare avanti quella di Ream sgr sullex Manifattura Tabacchi, dove dovrebbe nascere la nuova cittadella della salute, con residenze per anziani e case di cura, ma anche un piccolo albergo per i parenti dei pazienti. Mancava invece un soffio alla firma del protocollo di intesa tra Cassa depositi e prestiti e il Comune, prevista per settembre, per riqualificare una parte della Cavallerizza reale: una partita, questa, gestita tutta da Montanari in prima persona. E che rischia di naufragare. Come era nelle mani degli uffici dellUrbanistica la ricerca dei fondi necessari per la rinascita di Torino Esposizioni: il Politecnico ha già stanziato i 32 milioni per il proprio nuovo polo, ma ne mancano ancora circa 30 a Palazzo Civico per il trasferimento della biblioteca civica e i lavori al Teatro Nuovo.

Lavvio dei cantieri, quindi, si allontana sempre di più, e il destino del parco del Valentino continua ad essere targato da abbandono, buio e degrado. In trattativa anche un investimento da 20 milioni di euro sullarea Gondrand, in via Cigna, presentato da due impresari edili per far rinascere quel vecchio capannone da quasi 10 mila metri quadri. Da un mese, però, anche loro non sanno più con chi portare avanti il dialogo per dare concretezza al progetto. E il rischio ritardi e complicazione si fa sempre più concreto. Come per chi, come The Student Hotel, ha presentato una manifestazione di interesse per larea ponte Mosca dal valore di 7 milioni e mezzo di euro, dopo anni che la gara per lacquisto di quel bene in corso Giulio Cesare andava deserta. A settembre, invece, dovrebbero partire i lavori per mettere in sesto le arcate dellex Moi, in previsione di una loro rinascita, da tre milioni di euro: il dossier, che vorrebbe rendere quel luogo una nuova area della movida, ora sta prendendo polvere negli uffici di piazza Palazzo di Città.

E poi la rinascita di scalo Vallino in corso Raffaello targata Novacoop, che ha come dead-line linizio delle Atp Finals nel 2021, quella dellex porta Susa che si trasformerà in un albergo. E infine la maxi-riqualificazione di corso Romania, sulla quale sono stati però gli uffici allUrbanistica a lavorarci per anni. Uffici che, oggi, non hanno più una guida.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news