LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bari. Altre due cause per Parco Perotti. I suoli sono nostri, ora pagate
Vito Fatiguso
Corriere del Mezzogiorno - Puglia 17/8/2019

Dopo la citazione di Iema, recapitate al Comune di Bari le lettere di Gafi e Istvan

BARI. Rivogliamo i nostri suoli perché sono occupati senza alcun titolo e chiediamo il pagamento per lutilizzo degli ultimi anni. Altre due lettere di messa in mora sono state recapitate al Comune di Bari. Loggetto? Il recupero della proprietà dei suoli di Parco Perotti che dai tempi dellamministrazione targata Michele Emiliano (attuale governatore della Puglia e magistrato in aspettativa da 15 anni) sono occupati dal Comune che non ne è proprietario. Circostanza che è proseguita nel primo mandato di Antonio Decaro (riconfermato al Comune con il 66% delle preferenze) e che dovrà essere risolta.

La prima istanza, che è sfociata nella causa che si terrà a febbraio prossimo, è stata presentata dalla Iema della famiglia Quistelli. La richiesta, per il solo mancato godimento del bene, è di un milione (altri 10 per modifica dellaspetto e destinazione duso). A questa si aggiungono le recenti lettere fatte recapitare allamministrazione locale dalla Gafi (famiglia Andidero) e dalla Istvan. Entrambe sono proprietarie di aree che ricadono nel parco. Il punto è che a Bari si è realizzato un caso (più unico che raro) fatto di errori e pasticci giuridico-amministrativi compiuti sulla pelle degli stessi interessi di pubblico e privato. Il parco, infatti, versa in condizioni igieniche alquanto precarie. E la situazione di abbandono è frutto evidentemente di questa incertezza. La responsabilità tra chi è proprietario e chi ha il possesso dellarea (il Comune) è indefinita. Infatti, la Multiservizi, società pubblica specializzata nella manutenzione del verde e degli arredi urbani, nel parco (ribattezzato della legalità) non può prestare lopera. La Cedu, che ha riconosciuto le ragioni dei privati dopo labbattimento disposto da Emiliano (si è sempre difeso dicendo che era obbligato a farlo da una sentenza) ha condannato nel 2012 lo Stato italiano a indennizzare le società private con un assegno da 49 milioni. Ovviamente il peso economico di tale provvedimento è stato scaricato sul contribuente italiano, mentre non si hanno tracce di responsabilità di singoli amministratori che hanno rilasciato le autorizzazioni. Nel caso specifico dal 2010 larea del parco è stata occupata dal Comune. Eppure, il 15 novembre del 2010 il giudice per ludienza preliminare del Tribunale di Bari, Antonio Lovecchio, aveva disposto la revoca della confisca dei suoli in favore dei legittimi proprietari. A quanto pare, dopo anni di promesse (era stato anche presentato un progetto per riedificare larea bocciato dalla Soprintendenza), a settembre Decaro dovrebbe riprendere in mano il dossier. Per quella data è fissato un incontro tra i proprietari dei suoli e il direttore generale del Comune, Davide Pellegrino. Questultimo dovrà sbrogliare una complicata matassa.



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news