LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bari. Altre due cause per Parco Perotti. I suoli sono nostri, ora pagate
Vito Fatiguso
Corriere del Mezzogiorno - Puglia 17/8/2019

Dopo la citazione di Iema, recapitate al Comune di Bari le lettere di Gafi e Istvan

BARI. Rivogliamo i nostri suoli perché sono occupati senza alcun titolo e chiediamo il pagamento per lutilizzo degli ultimi anni. Altre due lettere di messa in mora sono state recapitate al Comune di Bari. Loggetto? Il recupero della proprietà dei suoli di Parco Perotti che dai tempi dellamministrazione targata Michele Emiliano (attuale governatore della Puglia e magistrato in aspettativa da 15 anni) sono occupati dal Comune che non ne è proprietario. Circostanza che è proseguita nel primo mandato di Antonio Decaro (riconfermato al Comune con il 66% delle preferenze) e che dovrà essere risolta.

La prima istanza, che è sfociata nella causa che si terrà a febbraio prossimo, è stata presentata dalla Iema della famiglia Quistelli. La richiesta, per il solo mancato godimento del bene, è di un milione (altri 10 per modifica dellaspetto e destinazione duso). A questa si aggiungono le recenti lettere fatte recapitare allamministrazione locale dalla Gafi (famiglia Andidero) e dalla Istvan. Entrambe sono proprietarie di aree che ricadono nel parco. Il punto è che a Bari si è realizzato un caso (più unico che raro) fatto di errori e pasticci giuridico-amministrativi compiuti sulla pelle degli stessi interessi di pubblico e privato. Il parco, infatti, versa in condizioni igieniche alquanto precarie. E la situazione di abbandono è frutto evidentemente di questa incertezza. La responsabilità tra chi è proprietario e chi ha il possesso dellarea (il Comune) è indefinita. Infatti, la Multiservizi, società pubblica specializzata nella manutenzione del verde e degli arredi urbani, nel parco (ribattezzato della legalità) non può prestare lopera. La Cedu, che ha riconosciuto le ragioni dei privati dopo labbattimento disposto da Emiliano (si è sempre difeso dicendo che era obbligato a farlo da una sentenza) ha condannato nel 2012 lo Stato italiano a indennizzare le società private con un assegno da 49 milioni. Ovviamente il peso economico di tale provvedimento è stato scaricato sul contribuente italiano, mentre non si hanno tracce di responsabilità di singoli amministratori che hanno rilasciato le autorizzazioni. Nel caso specifico dal 2010 larea del parco è stata occupata dal Comune. Eppure, il 15 novembre del 2010 il giudice per ludienza preliminare del Tribunale di Bari, Antonio Lovecchio, aveva disposto la revoca della confisca dei suoli in favore dei legittimi proprietari. A quanto pare, dopo anni di promesse (era stato anche presentato un progetto per riedificare larea bocciato dalla Soprintendenza), a settembre Decaro dovrebbe riprendere in mano il dossier. Per quella data è fissato un incontro tra i proprietari dei suoli e il direttore generale del Comune, Davide Pellegrino. Questultimo dovrà sbrogliare una complicata matassa.



news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news