LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Anno zero per la tutela del paesaggio
Antonio Bavusi
Terre di frontiera, 29/07/2019

Difesa dell'ambiente e parchi
La Convenzione europea del paesaggio, sottoscritta a Firenze dal Comitato dei ministri del Consiglio dEuropa il 20 ottobre 2000, si prefissava di promuovere la protezione, la gestione e la pianificazione dei paesaggi europei e italiani. I Piani paesaggistici regionali (Ppr), previsti dallex Codice Urbani (anche in base al primo e secondo correttivo al decreto legislativo n.42/2004) restano però ancora sulla carta, con sole tre Regioni italiane ad aver adottato il Ppr. Il caso Basilicata.

In attuazione dellarticolo 9 della Costituzione Italiana, La Repubblica tutela e valorizza il patrimonio culturale in coerenza con le attribuzioni di cui allarticolo 117 della Costituzione secondo le disposizioni del decreto legislativo n.54/2004. La tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale veniva enunciato nel decreto-legge concorrono a preservare la memoria della comunità nazionale e del suo territorio e a promuovere lo sviluppo della cultura. Lo Stato, le regioni, le città metropolitane, le province e i comuni assicurano e sostengono la conservazione del patrimonio culturale e ne favoriscono la pubblica fruizione e la valorizzazione. Gli altri soggetti pubblici, nello svolgimento della loro attività, assicurano la conservazione e la pubblica fruizione del loro patrimonio culturale. I privati proprietari, possessori o detentori di beni appartenenti al patrimonio culturale, ivi compresi gli enti ecclesiastici civilmente riconosciuti, sono tenuti a garantirne la conservazione (comma così modificato dallarticolo 1 del decreto legislativo n.62 del 2008).
Dopo diciannove anni dalla storica firma della Convenzione di Firenze e dopo quindici anni dallemanazione del Codice dellex ministro per i beni e le attività culturali, Giuliano Urbani la salvaguardia del paesaggio in Italia restano però ancora sulla carta. Troppi eventi celebrativi hanno accompagnato il trascorrere del tempo, non affiancati da atti concreti, ma soprattutto si è voluto far prevalere gli interessi economici che hanno finito per frenare lapplicazione della riforma che avrebbe dovuto tutelare il paesaggio e i beni della Nazione.

LA RIFORMA TRADITA
Dai passati Governi, fino allattuale, sono numerose le deregulation normative operate sullex Codice Urbani. Gli urbanisti imputano il fallimento proprio al Codice dellex ministro Giuliano Urbani, che avrebbe tenuto separati i beni culturali da quelli paesaggistici. Ma il vero motivo è invece un altro. È da ricercarsi nella volontà dei partiti politici di prevedere il coinvolgimento delle popolazioni locali, ma solo su basi economiche, utilizzando in modo ambiguo ed interessato il concetto di valorizzazione (in alcuni casi il coinvolgimento non è stato affatto perseguito). Si è alimentato così il germe del conflitto con una valorizzazione piegata allinteresse economico preminente, relegando la tutela del paesaggio e dei beni ambientali ad un ruolo marginale. La forte conflittualità ha inoltre generato lo stallo che ha bloccato ladozione dei Piani paesaggistici regionali, favorendo così gli interessi privati.

CONSUMO DI SUOLO
Lo stallo, però, ha prodotto risultati: dalla cementificazione selvaggia alla trasformazione dei suoli forestali e agricoli, dalleolico selvaggio alle infrastrutture industriali in aree protette e vincolate, nonché alla sdemanializzazione dei suoli. Su queste problematiche il Belpaese è capace ancora di esprimere il peggio di sé. Emergono da questo desolante panorama la mala gestio e ancora una volta gli affari. Si è così impoverito e snaturato, assieme al grande patrimonio ambientale, culturale e paesaggistico italiano, anche quello delle Soprintendenze regionali che da enti di tutela dei beni comuni, in base alla Costituzione, hanno finito per essere asservite alle scelte della politica e agli interessi di parte.

IL PAESAGGIO SECONDO LO SBLOCCA ITALIA E LO SBLOCCA CANTIERI
Lex Governo Renzi si è caratterizzato per aver applicato la deregulation dei principi dellex Codice Urbani, emendato da una serie di correttivi e successivamente con norme nazionali e locali settoriali. Si è passati dalla deregulation della legge Sblocca Italia (n.164/2014) al Codice dei contratti pubblici (decreto legislativo n.50) nel quale, con la cosiddetta archeologia preventiva (articolo 25), viene data alle società private la facoltà di assoldare archeologi e esperti (pagati tra laltro con tariffe irrisorie) per la redazione di studi e indagini sul territorio. Questi ultimi hanno altre finalità rispetto alla ricerca storico-scientifica.
Le Soprintendenze si sono viste, in questo modo, espropriare una delle funzioni preminenti, con laggravamento della problematica della gestione dei siti rinvenuti e del materiale archeologico scavato, durante la fase di cantiere, spesso da personale inesperto e non qualificato delle ditte interessate. Il recente decreto Sblocca Cantieri (n.32 del 18 aprile 2019) per la realizzazione delle infrastrutture prioritarie e il completamento di quelle ferme, reintroduce inoltre il silenzio-assenso con lo snellimento delle procedure delle Conferenze dei servizi e laccorciamento dei termini previsti dalle norme in materia di tutela dei beni culturali e ambientali.
Lattuazione dellarticolo 9 della Costituzione e la tutela del paesaggio e dei beni ambientali possono ancora attendere.

PER PIANI PAESAGGISTICI REGIONALI I TEMPI INVECE SI ALLUNGANO
In unItalia a doppia velocità gli affari devono viaggiare (anche se in via solo teorica) più spediti, mentre si allungano quelli per ladozione/approvazione dei Piani paesaggistici regionali. Il quadro, desunto dal sito del ministero per i Beni e le Attività Culturali, è sconfortante. Su venti Regioni italiane solo tre hanno approvato/adottato il Ppr: Piemonte, Friuli Venezia-Giulia, Puglia. Per due Regioni Toscana e Lazio sono in itinere le procedure (per il Lazio solo per alcuni ambiti sono pronti i relativi Ppr per la condivisione con il ministero competente). Per undici Regioni è stata sottoscritta solo lintesa preliminare con il ministero dei Beni e delle Attività Culturali, ma non ancora approvato/adottato il Ppr: Liguria, Provincia di Bolzano, Emilia Romagna, Umbria, Marche, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Calabria, Sardegna. Per le altre quattro Regioni non è stato possibile ricavare informazioni esaurienti.

IL CASO BASILICATA
Dopo aver sottoscritto nel 2016 il Protocollo dintesa con i ministeri dei Beni e delle Attività Culturali e dellAmbiente, la Regione contestualmente allapprovazione della delibera di giunta n.1197 del 19 ottobre 2016 procedeva ad approvare gli atti di gara per laffidamento del servizio di supporto tecnico-scientifico multidisciplinare necessario alla stesura del PPR, stanziando 490 mila euro per tale servizio.
Un anno dopo, nel mese di marzo 2017, si aggiudica la gara in ribasso la società Coop Laut srl di Padova-ATI Politecnica e Architettura Modena (mandataria) per limporto di poco più di 279 mila euro (erano sei le ditte partecipanti).
Di recente la Giunta della Regione Basilicata ha rescisso il contratto con la ditta incaricata approvando un atto di transazione, nonostante in data 17 settembre 2019 la ditta incaricata avesse dichiarato linizio del servizio. La RTI in data 19 febbraio 2018 aveva inoltrato agli uffici della Regione una richiesta di risoluzione consensuale del contratto, dopo aver percepito il 10 per cento dellimporto, per evitare una lite giudiziaria nel merito della qualità del lavoro svolto che da alcuni verbali risultava non rispondente a quanto richiesto.
Al di là degli aspetti meramente tecnici della controversia, emergerebbero profili politici di diversa natura in merito ai possibili scenari che il Ppr avrebbe potuto impattare su problematiche quali leolico e il petrolio sulle quali la Giunta regionale di centrodestra, che ha vinto la competizione elettorale di maggio, ha espresso perplessità, soprattutto sulloperato dellex giunta a guida Partito Democratico.
Per inciso, la ditta risultata affidataria e poi rinunciataria allincarico del servizio per la predisposizione della bozza del Ppr, in passato, ha realizzato la progettazione di diversi impianti eolici in Basilicata.
Attualmente la Regione Basilicata, al di là del tempo che trascorre inesorabile per lapprovazione del Ppr, ancora nella fase preliminare, non ha provveduto ad annullare in autotutela il provvedimento dellex Giunta regionale che ha raddoppiato le potenze eoliche ed è impegnata nelle trattative per il nuovo memorandum con le compagnie petrolifere, in scadenza ad ottobre 2019.
Il fattore tempo, ancora una volta, fa intendere quali siano le vere intenzioni che riguardano il territorio lucano.

https://www.terredifrontiera.info/tutela-del-paesaggio/


news

17-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 17 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news