LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caserme, conventi, ville sul mare: ecco i primi bandi del Demanio per la vendita dei beni pubblici
18 Luglio 2019, LA REPUBBLICA

Invia per email
Stampa
18 Luglio 2019
MILANO - Eccoli finalmente i primi bandi del Demanio per la vendita di immobili pubblici, passo concreto del piano del Tesoro che era stato inserito nei documenti di finanza pubblica ed è stato sbloccato soltanto pochi giorni fa, con la pubblicazione del decreto ad hoc del Mef. Sono 93 gli immobili ad andare sul mercato per primi, attraverso tre offerte ai potenziali investitori: si tratta di operazioni da 145 milioni di euro di base d'asta nell'ambito di un programma che complessivamente dovrebbe mobilitare 1,2 miliardi.


L'Agenzia ha selezionato per questa prima uscita pubblica immobili già appetibili per il mercato, "asset - spiega lo stesso Demanio - già dotati di destinazioni duso adeguate e compatibili con percorsi di sviluppo immobiliare, su cui è possibile investire da subito, una volta concluse le procedure dacquisto". Le strutture vanno dal Nord al Sud, le tipologie di beni sono differenti e comprendono edifici residenziali, commerciali, ex caserme, ex conventi, ex carceri, terreni, immobili storici e strutture industriali.


Ad esempio, "tra le opportunità di investimento ci sono diverse ex caserme a Trieste e Tarvisio (Udine) in Friuli Venezia Giulia, in Veneto a Venezia, vicino al Ponte di Rialto, un ex convento con cortili e sale affrescate, in Piemonte palazzi ed ex caserme nel centro di Novara, una villa vista mare in Liguria e in Lombardia aree industriali, appartamenti e un loft sui Navigli a Milano. In Emilia Romagna ci sono palazzi storici a Piacenza e Bologna, in Toscana una splendida villa antica nelle campagne di Firenze e locali commerciali a Piazza del Campo a Siena. Ci sono opportunità suggestive come le case cantoniere proposte in Umbria, un complesso immobiliare nel centro storico di Ascoli Piceno nelle Marche e lex convento nel centro di Sulmona in Abruzzo. Nei bandi compare anche un complesso industriale dismesso in Molise, nel Lazio un bellappartamento in zona centrale a Roma e in Campania, a Caserta, unex caserma immersa nel verde. In vendita anche un faro sulla costa ionica della Calabria e terreni edificabili in Sicilia".


L'Agenzia del Demaio lavora al piano da inizio anno, in attesa di avere i testi di legge per passare alla fase operativa. Questi primi immobili sono parte del 'pacchetto forte' di privatizzazioni sotto la regia dell'Agenzia. Per centrare l'obiettivo di 1,3 miliardi, infatti, il Tesoro si muove su più tavoli. Al Demanio è affidata la vendita di 420 immobili, per altrettanti milioni di euro di valore stimato, di grande valore. A questi si aggiungono altre 1.200 operazioni, beni di minor valore (38 milioni di euro complessivi), che già da inizio anno sono in vendita attraverso i bandi regionali.

Fuori dal perimetro dell'Agenzia, il Tesoro fa poi affidamento alle alienazioni di beni della Difesa (per 160 milioni di euro) e per 610 milioni ai fondi e alle vendite dirette di Invimit.

Tornando ai primi tre bandi del Demanio, le tre offerte hanno scadenze differenziate: il prossimo 15 ottobre sarà la volta dei primi 50 beni, poi c'è un termine più lungo, fissato invece al 15 novembre, per 37 asset più impegnativi dal punto di vista progettuale, "in modo da garantire agli interessati un tempo congruo per effettuare due diligence e definire progetti di sviluppo immobiliare. Il terzo bando, anchesso con scadenza al 15 novembre, riguarda 6 beni per i quali è possibile presentare sia unofferta unitaria per più lotti, sia offerte per singoli lotti". Grazie all'accordo con i notai, le aste saranno telematiche attraverso la Rete Aste Notarili (RAN) del Consiglio Nazionale del Notariato: sono fissate nei giorni immediatamente successivi alla scadenza del bando.

"Collegandosi alla piattaforma dagli studi notarili su tutto il territorio italiano è possibile partecipare alle aste via web, con rilanci da parte dei partecipanti anche a centinaia di km dallimmobile, abbattendo le barriere territoriali con la garanzia e sicurezza notarile (informazioni su https://www.notariato.it/ran) - spiega ancora l'Agenzia - Nel disciplinare dasta sono anche elencate le opportunità di finanziamento che possono essere attivate dagli aggiudicatari", come quelle con Invitalia e Istituto per il Credito Sportivo.

https://www.repubblica.it/economia/2019/07/18/news/demanio_immobili_privatizzazioni-231487412/?ref=RHPPBT-BH-I231492530-C4-P21-S1.4-T1


news

22-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news