LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Allasta oggetti banali di Roth(compresa la storica Olivetti )
Michele Farina
Corriere della Sera 15/7/2019

La scala, il trolley, la giraffa
Il dono di 4mila libri. In vendita 129 pezzi dalla casa di campagna

I suoi quattromila volumi sono alla Biblioteca di Newark, lappartamento nellUpper West Side è stato messo in vendita questanno per 3 milioni di dollari. Ci mancava lasta dei 129 oggetti, dalle tre macchine per scrivere al trolley nero della Samsonite con il nome P.Roth scritto a mano e il numero di telefono, prezzo base 50 dollari.

Mercatino Roth: il 20 luglio alle 10 una piccola casa daste di Litchfield, Connecticut, metterà in vendita alcune cose appartenute al grande scrittore scomparso nel maggio 2018, dopo 85 anni e trentuno meravigliosi libri. La località dista 10 km dalla settecentesca casa di campagna di Warren dove Philip Roth aveva il suo buen retiro estivo. Gli appassionati potranno partecipare dal vivo oppure online, collegandosi con Litchfield County Auctions. Se questo fosse il patrimonio dellautore di Pastorale Americana, sarebbe un lascito abbastanza ridicolo. I venditori hanno comunicato che il ricavato andrà in beneficenza, senza dire a quale organizzazione. Forse la cosa a cui Roth teneva di più, i suoi 4 mila libri dislocati nella vecchia casa di Warren, erano già stati promessi in dono nel 2016 alla Biblioteca della sua infanzia, a Newark, con laccordo che fossero esposti nello stesso ordine di scaffalatura che avevano a casa. E tra i pezzi allasta non cè la sua rotonda poltrona di pelle nera e neppure uno dei leggii dove ai tempi doro era solito scrivere (anche per ovviare al mal di schiena che lo perseguitava fin da ragazzo).

È una collezione raffazzonata, come quando si deve svuotare una casa già svuotata del meglio. Eppure questi 129 oggetti curiosi esercitano un certo fascino, come la valigia di Ayrton Senna che fu aperta e raccontata alla sua morte. Ci sono pezzi di tranquillo inferno domestico, come la scala da giardino con sette gradini e la giraffa di paglia del Madagascar (costo 30 dollari) recuperata nella stanza degli ospiti (con una divertente scritta sul muro che invitava al silenzio). Forse i pezzi migliori per gli appassionati di letteratura sono le macchine per scrivere: lOlivetti Lettera 32 con la custodia vissuta degli anni Sessanta (sul finire del decennio Roth pubblicò quel Lamento di Portnoy che lo rese celebre), prezzo di partenza 150 dollari (valore stimato 300-500). Ci sono due di quelle Ibm Selectric che lo scrittore definì funzionali e puritane.

Mentre su Roth stanno per uscire tanti libri (scritti da persone che più o meno bene lhanno conosciuto), dalla sua vecchia casa esce una raccolta sparsa di oggetti desueti che raccontano qualcosa di lui. Un ritratto non finito che gli fece R.B. Kitaj, una marionetta del teatro delle ombre proveniente da Bali, un poster di Idomeneo con dedica di Maurice Sendak, una cartolina del baseball datata 1963 con il lanciatore Sandy Koufax e una mazza appartenuta a Yogi Berra (Roth amava gli Yankees). Anche un piatto con leffigie del presidente Nixon, che Roth prese per i fondelli in La nostra gang del 1971.

Cè chi deride questo mercatino (cosa centra con lo scrittore Roth?, si chiede il Guardian). Forse niente. Ma colleghi scrittori come Orhan Pamuk ci farebbero un piccolo museo.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news