LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Colline Unesco. Zaia: «Investite sui casoni o arrivano i russi»
Martina Zambon
Corriere del Veneto 11/7/2019

Venezia. Il governatore Luca Zaia lancia un appello: «Per investire nel turismo soft legato alle colline del Prosecco Unesco si facciano avanti gli imprenditori nostrani. Gli stranieri sono già interessati». Entro 120 giorni il piano di gestione.

Venezia. «Quant’è più romantico dormire in un fienile da quindici metri quadrati ristrutturato che in una camera d’albergo di una grande catena?». Parola del governatore Luca Zaia che il futuro turistico delle «Colline Unesco», quelle del Prosecco, quelle di Conegliano e Valdobbiadene, lo immagina così. Un mosaico di casoni tirati a lucido per viaggiatori curiosi e dal palato raffinato. E il Piano di gestione del nuovo sito Unesco, pronto, giura Zaia, entro i 120 giorni previsti, sarà ispirato precisamente a questi criteri. Con un appello del governatore: «Le occasioni di investimento ci sono, faccio appello agli investitori locali, fatevi avanti prima che arrivino i russi, i cinesi o gli azeri che, mentre eravamo a Baku, si sono già dichiarati molto interessati. Il momento è adesso».

Messa così la vittoria internazionale delle colline del prosecco diventa paradigma «glocal» con un riconoscimento che più internazionale non si può, quello Unesco, e anche profondamente «local» con tanto di dedica a chi quelle colline le ha pazientemente terrazzate rispettandone i boschi e con l’invito agli investitori locali a non perdere il treno del «turismo esperienziale» che fra i «ciglioni» avrà una delle sue punte di diamante.

Ieri mattina, a palazzo Balbi, Zaia ha presieduto i festeggiamenti ufficiali della vittoria all’Unesco con numerose foto di rito - il piano nobile era affollato da sindaci delle colline, consiglieri e assessori regionali e rappresentanti dei consorzi del Prosecco - e, ça va sans dire , con una bottiglia stappata per l’occasione. Dopo Baku, la capitale dell’Azerbaijan dove domenica scorsa la candidatura veneta è stata accettata insieme, ha sottolineato Zaia, alle Piramidi, a Cartagine, a Babilonia e al Kilimangiaro, si passa alla fase operativa di valorizzazione. Si tratta del «Piano strategico di valorizzazione del territorio» con tre focus: ambientale-paesaggistico, turistico ed economico. «Sarà un piano strategico ad esempio per avere un’immagine coordinata finanche al colore del pantone giusto, - specifica Zaia - ragioniamo come azienda unica. Il piano definirà l’animazione sul territorio per i cittadini, la formazione per le guide turistiche, i percorsi, i punti di osservazione e la grande sfida dell’albergo diffuso. E in un mondo in cui si va verso il turismo emozionale dormire nel fienile ristrutturato avrà senz’altro più appeal degli alberghi che non possono essere costruiti. Sul piano edilizio quel che c’è c’è. L’abbiamo garantito all’Unesco che ogni due anni ci farà il tagliando». Il governatore si aspetta che sul sito Unesco fioriscano «startup per incoming turistico» e iniziative per le scolaresche. «Tutto sarà definito entro i 120 giorni - assicura Zaia - e, ripeto, che poi qualcuno non si lamenti che sono arrivati i russi che pure accoglieremo volentieri ma mi auguro che a sfruttare questa opportunità siano prima di tutto imprenditori nostrani e i giovani, per i quali si aprono grandi opportunità di lavoro. Sarà un nuovo rinascimento per tutto il Veneto».

Sarà costituita come previsto l’«Associazione per il Patrimonio delle Colline del Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene» im cui la Regione giocherà un ruolo di primo piano. Ieri c’era anche il professor Amerigo Restucci, uno dei protagonisti del dossier Unesco, che ha ricordato l’emozione della proclamazione a Baku: «Zaia ci sorrideva ma io avevo i nervi a fior di pelle. Ora da fare ce n’è: i casoni abbandonati sono numerosi e possono essere oggetto di recupero per offrire pochi posti letto ciascuno, si offrirà così la possibilità di soggiornare accanto alla cantina». All’orizzonte si profila un mosaico di piccoli cantieri perché, aggiunge Zaia «è un bene vivo, non ingessato ma che vivrà secondo le regole del rispetto dell’ambiente e di una gestione accorta dei flussi turistici secondo percorsi definiti». Quanto alla Padova di Giotto come prossimo obiettivo Unesco, Zaia dice: «ben venga, è la nostra Cappella Sistina». Intanto, il deputato dem veronese Diego Zardini rilancia una nuova candidatura «viticola», quella dell’Amarone. E l’assessore regionale Elena Donazzan propone già una formazione ad hoc.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news