LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Così cadrà ad Ercolano il muro che separa gli Scavi dalla città
Gimmo Cuomo
Corriere del Mezzogiorno - Campania 10/7/2019

Il soprintendente: parco archeologico a vista e rilancio urbano

NAPOLI. Labbattimento del muro di Ercolano, lungo la via Mare, è lultimo tassello che consentirà la ricucitura della città antica con quella moderna, in ossequio alle concezioni più moderne che non prevedono una distinzione tra le aree archeologiche e gli attuali insediamenti urbani. Sotto i riflettori il direttore del Parco archeologico del secondo sito vesuviano, Francesco Sirano.

Con il lavoro effettuato da quando è in carica ha conquistato lonore di portare a compimento un progetto di integrazione urbanistica iniziato molti anni fa. Lungo liter burocratico che ha condotto allodierno avvio dei lavori. Le prime tappe risalgono al 2007 che ha visto coinvolti a vario titolo istituzioni pubblico, soprintendenza, ora Parco archeologico e lIstituto Packard che ha finanziato con fondi propri molti interventi di recupero nel sito di Ercolano. In particolare il progetto di riqualificazione delle aree comprese tra via dei cortili e via Mare, rifinanziato nel 2016 dalla nuova amministrazione comunale ercolanese, oltre allabbattimento del muro prevede lapertura di uno spazio pubblico verde gestito in parte dal Parco e in parte dal Comune, affacciato sul sito archeologico e in corrispondenza del teatro antico sotterraneo. Per la sua importanza liniziativa ha assunto, con la benedizione dellUnesco, il ruolo di progetto pilota per la creazione di una zona filtro tra gli spezi archeologici vesuviani e le città.

Direttore Sirano, cosa cambia oggi?

Trova piena attuazione lantica idea di riconnettere la città romana con quella moderna. Amedeo Maiuri decise lapertura dellingresso storico, a similitudine con la sistemazione dellacropoli voluta dallimperatore Adriano, distinguendo tra lacropoli di Teseo e la zona imperiale. Il fatto è che negli anni Ottanta, gran parte delle case acquisite da Maiuri rimasero disabitate e quella zona divenne periferica. Tutta la zona di Resina rimase marginale rispetto al nuovo centro cittadino che andava sviluppandosi più a monte. Si perse traccia dei vecchi propietari, larea si trasformò in una grande piazza di spaccio. Così la sovrintendenza dellepoca fece erigere il muro alto 5 metri. Le due realtà furono costrette a convivere come separati in casa. Oggi ritorna prepotentemente in auge lidea che gli scavi non appartengono in via esclusiva agli archeologi. Attenzione, non è unidea di Franceschini, ma dellUnesco.

Si festeggia lavvio dellabbattimento di un muro, come quello di Berlino, come The Wall dei Pink Floyd?

Si, al posto del muro ci sarà una piazza col giardino. Finalmente gli ercolanesi, passando di lì potranno raggiungere il teatro sotterraneo che si trova proprio sotto la piazza. Si tratta di un passo fondamentale per la città che ospita tantissime persone perbene che potranno iniziare a pensare in positivo.

In che senso?

Sa cosa significa avere la possibilità anche solo di leggere un libro affacciandosi nel parco archeologico? Che si possono immaginare iniziative fino a pochi anni fa impensabili. Si può iniziare a pensare ad aprire bed & breakfast, strutture ricettive, per laccoglienza turistica, un fenomeno in parte già in atto. Grazie a massicci interventi delle forze dellordine, e soprattutto grazie al coraggio dei commercianti che hanno iniziato a denunciare, la camorra ha subito colpi formidabili. Da area fuori controllo quella zona della città si è progressivamente trasformata in zona della speranza. Le faccio un esempio concreto: fino a pochi anni fa di fronte allingresso principale degli Scavi cera unagenzia di scommesse, ora cè un ristorante per turisti. Questo processo virtuoso sarà plasticamente sancito dallabbattimento del muro.

Per tornare agli aspetti più propriamente archeologici, la realizzazione del parco non condannerà importanti monumenti a restare coperti?

Sì è vero, la piazza insisterà sul Foro mentre il giardino sulla basilica noniana. Se avessimo voluto scavare la Basilica avremmo dovuto effettuare un complesso terrazzamento. Penso che la soluzione adottata sia la più razionale.

Esistono comunque altre prospettive di scavo?

Esiste una zona libera ad ovest. Lì si possono scavare gli ultimi quartieri a Nord della città antica. Attorno al teatro cè un grande anello verde che costituisce la zona di riserva archeologica del Parco.

Proviamo a guardare oltre. Quali interventi seguiranno quello che si sta avviano in via Mare?

Proprio lunedì scorso è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale un bando per la risistemazione dellarea ai limiti della villa dei Papiri, in particolare del padiglione a mare scavato nel 2008 dallallora direttrice Maria Paola Guidobaldi. Lì sono venuti alla luce reperti importantissimi come dei tripodi lignei ricoperti di avorio. Era unarea connessa alla villa dei Papiri.

Vennero alla luce anche nuovi rotoli carbonizzati?

Purtroppo no, tutti quelli che cerano sono venuti alla luce.

Dunque il sogno del professore Marcello Gigante di ritrovare lopera di Epicuro sulla Natura o le Decadi perdute di Tito Livio è destinato a restare tale?

Il sogno è ancora vivo, ma è custodito allinterno dei rotoli già ritrovati. Credo che ne siano stati aperti circa 400, ma ce ne sono ancora 1.800 da leggere senza necessità di svolgerli. Le moderne tecnologie consentono la decifrazione con tecniche si assoluta avanguardia. Grazie al computer si possono incrociare i dati emersi dalla lettura degli antichi documenti in tempi rapidissimi. Il sogno di Gigante non è affatto morto.

Prossimo obiettivo allora il ritrovamento di qualche opera dispersa?

Dovrei rispondere magari. Ma lo scopo principale dellarcheologia è la ricostruzione di contesti. Per cercare di comprendere una stanza la si osserva nella sua complessità. Non si esamina il singolo oggetto.



news

21-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news