LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Navi, scontro aperto tra sindaco e ministro. Lappello del prefetto
Alberto Zorzi
Corriere del Veneto 9/7/2019

VENEZIA. Che sia un errore umano, o unavaria, o il meteo, è ormai evidente che le navi che passano lì non sono in sicurezza. Bisogna trovare una soluzione tampone per evitare che passino: subito, anche domani mattina. Il prefetto di Venezia Vittorio Zappalorto si appella al Mit e alla Capitaneria di Porto che hanno le competenze per bloccare subito il passaggio delle grandi navi. E lo fa mentre il sindaco Brugnaro attacca il ministro Colpa sua e questi gli risponde piccato: Il sindaco straparla, mai così vicini a una soluzione dopo anni di inerzia.

VENEZIA. Le nuove misure di sicurezza sono state provvidenziali e non penso che possano esserci tanti miglioramenti. Che sia un errore umano, o unavaria, o il meteo, è ormai evidente che le navi che passano lì non sono in sicurezza. Bisogna trovare una soluzione tampone per evitare che passino: subito, anche domani mattina. Il prefetto di Venezia Vittorio Zappalorto si fa serio. Da uomo dello Stato sul territorio percepisce che siamo vicini al limite di non ritorno, che la città non ce la fa più. La manifestazione di un mese fa, con quasi 10 mila partecipanti, ha dimostrato che cè una forte adesione dei veneziani alla protesta contro le crociere, continua Zappalorto. Ma il problema è sempre quello: le soluzioni e soprattutto i tempi.

Ieri il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro è tornato allattacco del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, attribuendogli la responsabilità maggiore degli incidenti per aver bloccato la soluzione scelta nellormai famoso Comitatone del 7 novembre 2017: cioè lapprodo a Marghera (nella sponda nord del canale industriale nord) per le navi più grandi e larrivo in Marittima di quelle medie attraverso il canale Vittorio Emanuele adeguato, visto che oggi è per lo più interrato. Il tempo dellattesa è finito, siamo molto arrabbiati - dice Brugnaro - Il Vittorio Emanuele si può realizzare in circa un anno, con capitali privati, in attesa di progetti alternativi che necessitano di tempi più lunghi. Brugnaro aveva anche proposto di usarlo già da subito per togliere il 10-15 per cento delle navi da San Marco, anche se si tratterebbe solo di quelle più piccole. Straparla come al solito, è stato il gelido commento di Toninelli. Dopo anni di inerzia siamo vicini a una soluzione seria - continua il ministro - Marghera è unopzione scellerata per la sicurezza e lambiente.

In questa tenzone, ovviamente, Zappalorto si tiene ben lontano. Non spetta a me dire quale sia la migliore, la competenza ce lhanno il Mit e la Capitaneria, spetta a loro convocare le conferenze di servizi, continua. Però si lascia scappare che devono essere praticabili in tempi rapidi, non tra dieci anni (che per esempio sarebbe lorizzonte dellipotesi Chioggia, che piace al ministro più di San Nicolò del Lido, laltra in campo) e che va salvaguardata la Marittima: Lo dico anche da cittadino, sarebbe un peccato perderla perché è un gioiello di efficienza e funzionalità su cui sono state investite decine di milioni. Per questultima opzione, però, serve il Vittorio Emanuele.

In realtà il dibattito è ancora aperto. La stessa Vtp, gestore del terminal della Marittima, che già aveva fatto il progetto per lo scavo del Vittorio Emanuele in project financing , sta vagliando altre ipotesi di attracco immediate, che non prevedano scavi perché cè il problema del protocollo fanghi, che è ancora in fase di aggiornamento e non sarà pronto prima di qualche mese: nessuno si sbottona, ma in passato si erano ipotizzati terminal a San Leonardo (rilanciato di recente dallex capo pilota Saul Mazzucco in collaborazione con lingegner Andrea Rinaldo) e a Fusina (sostenuto per esempio dai consiglieri del Gruppo Misto Ottavio Serena e Renzo Scarpa), che consentono lingresso dalla bocca di Malamocco ma senza arrivare fino alle fabbriche di Marghera. Ieri il Comitato No grandi navi, che ieri con lex docente Andreina Zitelli è tornato a chiedere lo stop immediato ai passaggi, ha poi rivelato che Msc avrebbe chiesto al presidente del Porto Pino Musolino di poter attraccare alla propria banchina commerciale (terminal Tiv), modificando la concessione, che scade nel 2023. Una notizia non confermata, anche se fonti portuali fanno sapere che questo rischierebbe di snaturare lintero porto commerciale.

Quel che è certo, anche se nessuno lo vuole dire, è che anche le compagnie sono stanche di questa situazione. Prima del Comitatone del 2017 avevano proposto lo scavo del Vittorio Emanuele, pronte a finanziarlo (ancor più che Marghera), e da tempo dicono di essere disponibili a lasciare il canale della Giudecca e il bacino di San Marco, ma solo ovviamente in presenza di una via alternativa: come la definiva il decreto Clini-Passera che già nel 2012, dopo lincidente della Costa Concordia al Giglio, aveva posto il principio dello stop alle navi troppo grandi. Anche perché questi episodi fanno il giro del mondo e sono un grave danno dimmagine.

Il sindaco Brugnaro accusa il governo solo perché non accontenta le sue richieste - tuona la senatrice 5s Orietta Vanin - Non è scavando i canali che si risolve il problema. Chiede un nuovo Comitatone al più presto il Pd: Il governo lo convochi subito e proponga una soluzione che tuteli sia la città che lecosistema. Allattacco anche i Verdi: Sospendere i passaggi in condizioni meteo non ottimali.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news