LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PADOVA - Il Castello Carrarese torna al Comune Sarà il motore culturale di Padova
Claudio Malfitano
01 Luglio 2019 IL MATTINO DI PADOVA



In luglio entrerà nel patrimonio di Palazzo Moroni. A settembre via ai lavori per il museo del design, aperto nel 2021




Il Castello Carrarese torna alla città. Entro luglio dovrebbe concludersi il processo di cessione e lintero complesso entrerà nel patrimonio comunali. Dopo essere stato il maniero della famiglia dei signori della città, poi struttura militare veneziana, quindi carcere e poi abbandonato al degrado. Ora, dopo i lavori di restauro che inizieranno a settembre e dureranno 18 mesi, diventerà spazio per il design e larte contemporanea. Torna ai padovano e lo riapriremo come grande motore culturale della città, assicura lassessore alla cultura Andrea Colasio, il primo che quasi trentanni fa ne intuì il potenziale e che finora ha raccolto una decina di milioni per i primi restauri: Ne servono altrettanti per completare tutto il recupero.

cessione al comune

La novità degli ultimi giorni è che è stata convocato per il prossimo 10 luglio a Venezia il tavolo tecnico tra Demanio, Soprintendenza e Comune, per discutere il piano di valorizzazione elaborato dallamministrazione.

Dopo essere stato per anni di proprietà del Ministero di Grazia e Giustizia, una volta chiuso il carcere il complesso è passato nelle mani del Demanio culturale. Ora però è il momento che la proprietà passi allamministrazione comunale. Per farlo però serve un Programma di valorizzazione come prevede larticolo 5 del decreto legislativo 85 del 2010, cioè il cosiddetto federalismo demaniale. Programma che Colasio aveva compilato, da consulente esterno, ancora allepoca della giunta Bitonci. Poi la burocrazia ha tempi lunghi e la politica no. Così lo stesso Colasio si ritrova ad essere lassessore che porta a compimento finale liter.

Sarà trasferito alledilizia monumentale osserva lassessore E stiamo valutando come inserirlo nellArt Bonus in modo che un privato o la Fondazione possa investirci con un bonus fiscale del 65%.

il progetto di restauro

Per il Castello, infatti, i soldi non sono mai troppi. A settembre partiranno i lavori per il restauro dellala sud: sono arrivate 27 offerte per un bando da 5,4 milioni di euro. Soldi che ha messo lo Stato (anche grazie al Bando Periferie) per 3,6 milioni, più la Fondazione Cariparo con 1,5 milioni e poco meno di mezzo milione di fondi comunali. Altri soldi sono già stati spesi per il disinquinamento di aree come lex stenditoio e la chiesa, e per rifare completamente il tetto dellala sud.

La stessa ala che ora sarà sistemata e adattata per ospitare il museo del design. Troverà finalmente una sede la collezione di oggetti di design donata al Comune da Giuseppe Bortolussi (compianto segretario della Cgia di Mestre) che conta oltre 3 mila pezzi. La collezione è custodita nella vecchia lavanderia del carcere. Si farà una selezione per lesposizione permanente che verrà, di volta in volta, completata con esposizioni temporanee.

Non sarà lunico museo del Castello: ci sarà anche spazio per la tradizione della scuola orafa padovana (che nasce e si sviluppa al Selvatico). Infine alcune sale saranno per larte contemporanea: in primis al Gruppo N, associazione artistica padovana che negli anni 60 diede vita a un manifesto innovativo per larte italiana.

Nel progetto esecutivo, realizzato dallo studio Gris & Dainese, sono inseriti anche materiali moderni, come lacciaio corten e il vetro, che serviranno a definire i nuovi spazi espositivi e gli elementi come scale e montacarichi.

complesso culturale

Ci si prefigge inoltre lobiettivo di aprire lo spazio alla comunità locale valorizzando compiutamente e rendendo fruibile al pubblico la vasta area interna, rappresentata dallantica piazza darmi, che verrà trasformata in una nuova piazza urbana, si legge nel piano di valorizzazione. Il complesso, con ingresso da piazza Castello e un collegamento con larea turistico-universitaria della Specola, sarà solo area museale. Avrà anche spazi commerciali e un ristorante-enoteca nelledificio 900, dove si trovavano le celle del carcere duro. Spazi stretti, bui e umidi, ottimi per la conservazione di prodotti enogastronomici.



news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news