LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

VENETO - Gli yacht come hotel galleggianti Sigilli alla darsena di Sant’Elena
Roberta De Rossi Francesco Furlan
05 Luglio 2019 LA NUOVA VENEZIA

Quattordici barche (grandi fino a 30 metri) trasformate in “alberghi”. Attività abusive per il pm Gava


La grande darsena Marina di Sant’Elena e 14 yacht agli ormeggi (molti battenti bandiera estera) sono stati sequestrati, ieri, dai carabinieri del Nucleo natanti di Venezia e dai finanzieri del Reparto operativo aeronavale, su disposizione del Tribunale, che ritiene il tutto un grande albergo galleggiante abusivo, che sversa in laguna una gran quantità di liquami senza alcuna autorizzazione (perdipiù) in un’area sottoposta a vincolo paesaggistico. Venticinque le persone indagate.

Si chiamano boat&breakfast e si prenotano online come un qualsiasi hotel, attraverso le piattaforme più famose come Booking.com o Airbnb: grandi barche lunghe 20-30 metri stabilmente agli ormeggi e affittate ai turisti come fossero stanze d’albergo, con l’emozione di vivere sull’acqua. Abusivamente, secondo il pm Giorgio Gava che ha coordinato le indagini, ottenendo il sequestro preventivo dalla giudice per le indagini preliminari Francesca Zancan. Quasi cento i posti letto nelle imbarcazioni sequestrate. Sotto accusa sono così finiti, oltre ai proprietari delle imbarcazioni, i titolari della darsena: Stefano e Alvise Costantini (residenti a Cavallino-Treporti) e il vicentino Gianfranco Adamanti, amministratori della Cantieri Celli Srl che oltre ad accogliere le imbarcazioni b&b ha direttamente preso in affitto gran parte delle yacht-hotel: «Attività ricettiva», scrive la gip Zancan, «svolta in assenza della necessaria preventiva autorizzazione (quale marina resort) risultando la darsena munita esclusivamente di autorizzazione per il mero ormeggio di barche: l’attività ricettiva non può essere fatta rientrare nell’autorizzazione all’ormeggio, avendo i clienti usufruito delle cabine all’interno delle imbarcazioni alla stregua di camere d’albergo». In più, la Procura contesta ai titolari del cantiere alcuni abusi edilizi, in relazione all’aumento del numero dei bagni e delle docce a terra (12 wc e 6 docce risultati privi di autorizzazione) e alla mancanza «di un adeguato impianto di aspirazione munito di disoleatore, idoneo ad estrarre dalle imbarcazioni i reflui prodotti», previsto da una precisa prescrizione del Comune di Venezia. «Dalle indagini», scrive la giudice Zancan, «è emerso che le unità da diporto per le quali è stato chiesto il sequestro sono tutte adibite ad attività ricettiva, effettivamente svolta, e dotate di cucina, camere (allestite come camere d’albergo) e servizi igienici per gli ospiti. In tutti i casi (con esclusione di Freedom, Akos, Cori, Pinta VI e Mandragola) le acque reflue sono scaricate direttamente in laguna o accumulate in casse (“bronze”) al momento dell’ispezione quasi tutte vuote, senza che sia stata fornita documentazione attestante il regolare smaltimento dei liquami». In questo modo risparmiando anche sulle spese di trattamento dei rifiuti. La giudice ha disposto il sequestro dell’intero specchio acqueo della grande darsena - le barche potranno uscire, ma nessuna imbarcazione potrà entrare - «per riguardo alla grave situazione di pericolo per l’ambiente lagunare ancora in essere (...) in tale situazione di grave irregolarità, non può che continuare ad agevolare la commissione del reato previsto dall’articolo 9 della legge 171/73 che punisce chiunque effettua uno scarico senza osservare le prescrizioni del provvedimento di autorizzazione, con aggravamento del pericolo per la laguna veneziana». La grande darsena gestita dai Cantieri Celli è già oggetto di un parziale ordine di demolizione firmato dagli uffici comunali, proprio in relazione a strutture considerate abusive.Sin qui le accuse, alle quali l’avvocato Pier Vettor Grimani - che con il collega Alessandro Rampinelli rappresenta il cantiere - replica sostenendo che «Marina di Sant’Elena è una “marina resort” e come tale è previsto che le imbarcazioni ormeggiate possano offrire il servizio b&b. Chiudere l’intera darsena è un provvedimento abnorme: sono decine le prenotazioni di ormeggio per l’estate. Quanto agli abusi, abbiamo ottenuto la sospensiva dal Tar per la demolizione di uffici e bagni e si sta invece provvedendo alla demolizione delle altre opere contestate». —



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news