LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FIRENZE - In sei mesi la vittoria di Schmidt: il Vaso di fiori torna a Pitti
di Elisabetta Berti
LA REPUBBLICA 30 giugno 2019


Il 1 gennaio lappello shock, ora il direttore degli Uffizi esulta: Vittoria in tempi record
Il dipinto rubato nel 1944 è già in mano delle autorità tedesche, che lo consegneranno allItalia

È un giorno di gioia a palazzo Pitti. Ma anche alla sede del Mibac e alla Farnesina stanno festeggiando un risultato storico: il ritorno a Firenze del Vaso di fiori del pittore olandese Jan van Huysum, il quadro rubato dal museo fiorentino durante loccupazione tedesca nella seconda guerra mondiale e le cui vicende hanno tenuto banco negli ultimi sei mesi. La notizia è arrivata ieri mattina con un comunicato del ministro degli Esteri Enzo Moavero, il quale ha annunciato che, insieme allomologo tedesco Heiko Maas, sarà presto a Firenze per celebrare levento. È una grande vittoria per tutta lItalia ha commentato il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt, sono felicissimo di questo risultato ottenuto in un tempo da record. In realtà, per ora cè lannuncio ufficiale, ma una data certa sulleffettivo ritorno dellopera ancora non cè. Sono 75 anni che manca da casa questo quadro del Settecento, uno dei pezzi più importanti della collezione di nature morte di Pitti, nota per essere tra le più ricche e varie al mondo per provenienza. Sta di fatto che da quando Schmidt, lo scorso 1 gennaio con un appello shock portò allattenzione del pubblico laffaire del quadro rubato, è passato molto meno tempo di quanto ci si aspettasse: Sarei felice di vedere tornare a Pitti il quadro entro fine anno aveva detto il direttore tedesco. Ieri, lannuncio. Di chi è il merito? Della stretta collaborazione fra i due ministri Maas e Maovero afferma la Farnesina, della diplomazia culturale ha invece dichiarato il ministro dei beni culturali Alberto Bonisoli che ieri in un comunicato ha dichiarato che il dipinto è stato acquisito dalle autorità tedesche e ha ricordato i colloqui avuti prima con il ministro per la politica estera culturale Michelle Muntefering dal quale un mese fa era emersa la piena volontà del governo tedesco a collaborare per restituire il quadro che era finito nelle mani di una famiglia tedesca e infine, pochi giorni fa a Roma, con Monika Grutters, ministra incaricata per la cultura e i media: proprio lei un paio di settimane fa avrebbe dato a Bonisoli la notizia della restituzione, ma sarebbe stato mantenuto il riserbo fino a ieri perché si stava pensando di organizzare la restituzione in coincidenza con la visita del presidente della Repubblica federale tedesca Frank Walter Steinmeier continua il comunicato del Mibac. La Farnesina dunque li ha battuti sul tempo. Parallelamente alla diplomazia in questi mesi è andata avanti linchiesta, condotta dai carabinieri del Comando tutela patrimonio culturale, aperta nel 2011 dopo lennesima richiesta di soldi fatta agli Uffizi da parte della famiglia che deteneva lopera, e arrivata alla richiesta di una rogatoria internazionale. I reati contestati sono di estorisione e di ricettazione. Aspettiamo il rientro del quadro, che verrà analizzato e identificato dagli esperti ricorda il maggiore Lanfranco Disibio, comandante del Nucleo tutela patrimonio culturale di Firenze poi vedremo quali saranno le valutazioni dellautorità giudiziaria in merito ai reati. Ciò che caratterizza questa vicenda, che non ha precedenti nella storia del diritto dei beni culturali, è la sinergia tra i tanti soggetti coinvolti: ricordo il ruolo della stampa e dellUniversità, che ci ha aiutato a stabilire i contatti con gli avvocati della famiglia tedesca. La Germania deve restituire il quadro rubato. Lappello del direttore Eike Schmidt per la restituzione del Vaso di fiori di Jan van Huysum era perentorio, ma non si fermava qui: in un video si vedeva il direttore degli Uffizi appendere alla parete della sala dei Putti in palazzo Pitti quella dove il quadro acquistato dal granduca Leopoldo II aveva sempre dimorato fin dal 1824 una riproduzione in bianco e nero delloriginale con la scritta rubato in tre lingue. Era il primo giorno del 2019 e Schmidt, in maniera eclatante e provocatoria, trasformava un caso giudiziario spinoso e di difficile soluzione in un caso diplomatico. La natura morta del pittore olandese, da quel momento in poi celeberrima, mancava da palazzo Pitti da settantacinque anni, da quando un soldato della Wermacht la prese da una delle casse che si trovavano nel deposito segreto degli Uffizi a Montagnana, vicino Montespertoli, in quella campagna nei dintorni di Firenze dove durante la seconda guerra mondiale molte opere darte venivano nascoste per metterle in salvo da bombardamenti e razzie dei nazisti. Il soldato si chiamava Herbert Stock, aveva 34 anni e spedì il dipinto al suo paese, nella futura Germania dellEst, nel 1944. Perso di vista per molti anni, il quadro rispunta nel 1991, quando gli eredi del militare nazista contattano lAlte Pinakothek di Monaco per una valutazione, gesto questo che attira lattenzione di una restauratrice la quale avverte lallora soprintendente Paolucci e la procura di Firenze. Da qui comincia una vicenda piena di nodi di carattere legale: mentre in Italia il furto di opere darte è imprescrittibile, in Germania il reato è prescritto dopo 30 anni, quindi gli eredi del soldato possono tenersi il quadro anche se non possono venderlo. A rivelare i particolari della vicenda è stato nei primi giorni dellanno il settimanale tedesco Der Spiegel, che riporta linchiesta del Nucleo tutela del patrimonio culturale dei carabinieri coordinata dalla procura di Firenze, e la cui ricostruzione è rimbalzata sulla stampa internazionale. Nel frattempo negli anni erano arrivate richieste di riscatto da emissari della famiglia tedesca: nel 2008 il ministero dei beni culturali riceve una richiesta di 2 milioni e mezzo di euro per riavere il Vaso di fiori, e poi ancora nel 2011 al Polo museale arriva la richiesta di 500 mila euro. Tutte respinte perché per lItalia si tratta di un bottino di guerra. La rogatoria internazionale chiesta dallItaliae finalizzata alla restituzione del quadro nel registro degli indagati ci sono quattro persone per ricettazione e tentata estorsione giace inascoltata finché Eike Schmidt costringe i governi ad attivarsi. Siamo pronti a rispettare la decisione dellarbitrato dice in unintervista a Repubblica lavvocato degli eredi Nicola B.Kemle, però è mistero sulla ubicazione del quadro. Quello che è seguito poi è stata una manovra a tenaglia data dalla somma di azione giudiziaria e azione diplomatica. Importante il ruolo del Comitato integrato per il recupero e la restituzione dei beni culturali allargato da Bonisoli ad una delegazione del ministero degli Esteri e del ministero della Giustizia. A maggio lannuncio della piena collborazione da parte del governo tedesco, e ieri la conferma della soluzione. Il caso del Vaso di fiori sugella un sistema di dialogo tra paesi di cui fa parte anche la restituzione da parte dellItalia di diversi oggetti: tra questi la statua di Maria Maddalena di Andrea Della Robbia: Sarà restituita alla Germania durante una cerimonia a Berlino appena saranno completate le procedure burocratiche ha annunciato il ministero.



news

21-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 21 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news