LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Riforma. Un errore cambiare tutto senza valutare gli effetti
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino 26/6/2019

Si stanno riportando dalla periferia a Roma, dopo 20 anni, i procedimenti avviati e conclusi nei territori: e tutto senza verificare se il centro sia in grado di reggere. È un riordino che lancia segnali negativi e contraddittori. Lorenzo Casini, docente allImt di Lucca e Consigliere giuridico di Franceschini dal 2014 al 2018, critica così la riforma dei Beni culturali voluta dal ministro Alberto Bonisoli.

Le riforme possono piacere o meno. Ma, dopo una grande riforma, è sbagliato tornare subito indietro senza averne prima valutato gli effetti. Lorenzo Casini è professore di diritto amministrativo alla Scuola Imt di Lucca e membro del Cda degli Uffizi. È stato consigliere giuridico dellex ministro Dario Franceschini.

Professore, lei è molto critico sulla riforma Bonisoli: perché?

La riforma di Franceschini, seppur attaccata, era il precipitato di indagini e analisi approfondite. È difficile cogliere invece il perché di questa nuova riorganizzazione, su cui è mancato anche il parere del Consiglio superiore del Ministero. Su alcune decisioni non è stato fatto alcuno studio di impatto sui procedimenti; si sono spostate competenze senza valutare le ricadute. Si stanno riportando dalla periferia a Roma, dopo 20 anni, i procedimenti avviati e conclusi nei territori: e tutto senza verificare se il centro sia in grado di reggere. È un riordino che lancia segnali negativi e contraddittori.

Un esempio?

Sopprimere lautonomia di alcuni musei, dopo pochi anni dalla loro istituzione, è un brutto segnale. Forse si ignorano i criteri del perché nel 2014 è stata data lautonomia dopo indagini e studi e si comunica incertezza. Né si tiene conto delle sorti dei direttori in carica. Anti-storico, però, è questo centralismo di ritorno.

Bonisoli, ieri, ha sostenuto che non è così.

Be, stiamo tornando allinizio degli anni 2000, prima che fossero create le direzioni regionali, poi soppresse nel 2014 e sostituite, nei compiti, dai segretariati e dalle Commissioni regionali. Tutti gli atti dichiarazioni e verifica di interesse culturale, concessioni, etc. che oggi sono decisi in periferia saranno adottati dalla direzione generale a Roma. Il vincolo a un palazzo a Firenze, come in Calabria, sarà deciso a Roma: se non è questo centralismo....

Sul prestito delle opere, Bonisoli ha parlato della situazione attuale come di un casino: è così?

Può accadere che i musei agiscano in modo non coordinato. Ma la soluzione non è una informazione preventiva alla Direzione generale archeologia, belle arti e paesaggi del ministero. Bastava una direttiva del ministro.

Sicuramente si rischia di allungare i tempi di tutto: contratti, prestiti, decisioni sulle realtà locali...

E in più nellamministrazione italiana, che ha spesso una idea proprietaria delle funzioni, linformazione preventiva sarà un modo per introdurre veti. Ci siamo già passati. E perché un direttore di museo, che è un ufficio dello Stato e che può contare su tecnici del ministero, deve informare unaltra direzione generale a Roma se presta unopera?.

Cosa succederà alla Galleria dellAccademia senza autonomia?

LAccademia, persa lautonomia, può finire nel Polo museale regionale. Le sue risorse andranno così prima a Roma, per venire poi riassegnate, con tempi non brevi. In più, poiché sono somme ingenti, alcune risorse forse rimarranno al centro o andranno altrove. Invece dell80% certo, come oggi, ne potrebbe tornare meno: già nella ultima legge di bilancio sono stati sottratti fondi ai musei autonomi. E poi bisogna vedere se resterà ancora il cosiddetto accordo Bondi-Renzi, che destina una parte degli introiti dei musei statali a Firenze.

Il secondo scenario?

LAccademia potrebbe essere assegnata a un istituto autonomo di Firenze: Uffizi o Bargello. Sarebbe una scelta singolare. E agli Uffizi il bilancio è già molto ricco.

AllAccademia partono ora dei lavori, attesi da anni, che secondo la direttrice Hollberg sono possibili solo grazie allautonomia ed alla cassa, cioè alla disponibilità di risorse dirette. Che succederà senza autonomia?

Non lo sappiamo. LAccademia non esisterà più come posizione dirigenziale e non sarà più stazione appaltante. Spetterà agli Uffizi o al polo toscano o alla nuova Direzione contratti a Roma o alla soprintendenza di Firenze. Lo scopriremo.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news