LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino. Studio Pompei e salvo i graffiti
Paolo Coccorese
Corriere della Sera - Torino 26/6/2019

Studiando i graffiti ho scoperto la tecnica meravigliosa degli street artist. Realizzano tratti diversissimi con bombolette che sembrano tutte uguali. Una confessione inaspettata quella di Arianna Valentina Scarcella, 31 anni, dipendente del Centro Conservazione e restauro La Venaria Reale. È una delle responsabili del progetto Capus, che mira alla conservazione dellarte pubblica. E di quei maxi murales che fino a poco tempo fa guardava con diffidenza.

La salvatrice dei graffiti torinesi ne sapeva poco di street art?

Sono laureata in Conservazione e restauro dei beni culturali. Al primo anno, quando cera da scegliere la specializzazione, ho puntato sul corso per la cura dei dipinti murali, materiali lapidei, stucchi, mosaici e superfici architettoniche.

Cose distanti dai graffiti.

A prima vista sì, ma fin da piccola sono stata abituata ad amare larte e ad apprezzarla.

Di cosa si è occupata fino ad oggi?

Ho restaurato il ciclo pittorico Iti e Neferu del Museo Egizio, ho lavorato anche al Castello di Moncalieri sugli affreschi della sala da pranzo. A settembre, andrò a Pompei per studiare i dipinti della Casa della Caccia Antica.

Quando le è stato chiesto di occuparsi di murales si è sentita snaturata?

No. Sono una fan di Peggy Guggenheim, occuparmene la considero una sfida professionale. Un po incredibile, forse. Ma interessante. Devo confrontarmi con materiali nuovi e riscoprire concetti già conosciuti, come i processi di degrado, in una maniera diversa.

Per esempio?

Intervenendo sul murales della Thyssen abbiamo riscontrato alcuni distacchi della pellicola pittorica. Fenomeno che si trova frequentemente sui dipinti murari, ma che in questo caso è generato dalluso delle resine acriliche che hanno creano uno strato compatto e poco traspirante sulla parete.

Da cosa è partita?

Ho dovuto studiare tanto.

Torino è una città speciale per la street art?

Dagli anni Novanta, le istituzioni hanno unattenzione speciale per questa forma artistica. Con la crescita del contesto culturale, è diventata a tutti gli effetti unarte. Apprezzata anche dalla popolazione.

Così apprezzata da meritare un simile investimento?

Mentre lavoravo in corso Valdocco, molto passanti si sono avvicinati preoccupati, chiedendomi: Non vorrà mica distruggere il nostro murales?.

Addirittura?

Cè un forte senso di appartenenza, ogni opera ha un significato simbolico.

Sono tutte da salvare?

Dopo una decina di anni iniziano a mostrare le prime variazioni cromatiche. I murales sono interventi effimeri. Nel loro salvataggio gioca un ruolo fondamentale il pubblico che va accompagnato per conoscere lopera. Magari facendo incontrare loro lartista.

I nemici dei murales sono anche gli altri writer.

È un mondo a parte quello della street art, con una forte competizione. E per fortuna o purtroppo anche con una dose di illegalità.

Fortuna?

È interessante questa cultura che nasce dal basso. Ma non accetto proprio tutto: non capisco quando scrivono su un monumento o un edificio storico.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news