LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Roma si prende lAccademia e gli investimenti sulla città
Marzio Fatucchi
Corriere Fiorentino 23/6/2019

Sacchi, assessore alla Cultura: con la riforma Bonisoli usciamo dalla rete dei musei internazionali

Addio agli investimenti decisi direttamente in città, per milioni di euro. Addio alla possibilità di coordinare insieme, qui e direttamente, le attività di promozione e comunicazione di Firenze al mondo. Più difficoltà nel chiedere e dare prestiti di opere darte e il rischio di essere espulsi dai circuiti dei grandi musei internazionali. E problemi per antiquari e galleristi. Sono questi i rischi che lassessore alla Cultura Tommaso Sacchi vede nella controriforma del ministro Alberto Bonisoli. Io lo invito a sospenderla, a rimettersi ad un tavolo per un confronto con i territori. Ma chiedo anche che tutta la città si renda conto che questa controriforma mette un freno a mano allo sviluppo delle istituzioni culturali di Firenze.

Per Sacchi ci sono ancora troppi dubbi sullanalisi del testo, ma anche da un confronto con gli esperti del settore i rilievi sono talmente tanti che chiedo che tutti si muovano per far capire che Firenze non ci sta. Il vulnus maggiore è la cancellazione dellautonomia per lAccademia. Gli viene cancellato pure lIban, il conto corrente, con il risultato che lautonomia contabile non cè più. E tutti gli investimenti saranno decisi da Roma, con tempi e modalità che temo siano più lunghi e complessi. Alla faccia dei 5 Stelle che erano contro burocrazia e statalismo. Per fare un esempio, le gare per decidere i condizionatori allAccademia, una delle croci dei visitatori, chi la decide? Un funzionario in via del Collegio Romano (sede del ministero ndr ), che poi passa la pratica alla direzione gare?. La difesa dellautonomia che ha portato, grazie alla nuova direttrice Cecilie Hollberg, gli introiti dellistituto da 4 a oltre 9 milioni è motivata dalla capacità di questi enti autonomi di condividere innovazione, promozione e comunicazione del territorio. Lesempio è la Firenze card: cambiata più volte in questi anni, in modo veloce, per coprire nuove esigenze. Di nuovo, senza autonomia, con quale ufficio romano dovremmo parlare? Sarebbe possibile ancora farlo senza lautonomia? Temo di no. Ed anche i maggiori controlli del ministero sugli altri istituti che formalmente restano autonomi, come gli Uffizi, complicano queste attività. Nel dopo-riforma Franceschini 2014 i musei sono diventati corpi vivi, hanno assunto un ruolo fondamentale nella definizione di unidentità culturale forte delle nostre città e di grande spinta europeista... non vorrei che da corpi vivi si tramutassero in corpi tramortiti. Ingestibili elefanti prigionieri della burocrazia e dei palazzi romani. Pure il filtro predisposto sui prestiti delle opere darte sembra un freno generalizzato: i musei internazionali corrono, e collaborano, per le più importanti mostre condividendo opere darte. I nostri rischiano oggi di rimanere fuori con questi freni dal circuito internazionale di Londra, Parigi, Barcellona, Berlino. Ma anche i paletti sullesportazione creano problemi fiorentini: Pensiamo alla Biennale dellantiquariato, ai galleristi, agli antiquari: si rischia di colpire un settore vitale per la città. Tutto questo, per fare una controriforma dopo solo 4 anni da quella Franceschini: in Europa si valutano le riforme dopo 10 anni, qui si rivoluziona tutto solo per cancellare le cose buone, non per migliorare quelle perfettibili. Da qui lappello alla città: Tutti, dalle categorie agli intellettuali, si facciano sentire per convincere il ministro a fermare, confrontare, riflettere.



news

20-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news