LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pinacoteca di Brera. Il nuovo allestimento delle sale IX e XV
Francesca Bonazzoli
Corriere della Sera - Milano 21/6/2019

Fuori il Novecento
E Picasso va sulla griglia
Due rastrelliere accolgono le tele destinate a Palazzo Citterio


Le collezioni del Novecento sono sempre state per la Pinacoteca di Brera come ladolescente problematico in famiglia: difficili da gestire. Si è provato di tutto, ma ancora senza successo. Da oggi le raccolte Jesi e una parte della Vitali vale a dire tele di Boccioni, Morandi, Carrà, Campigli, Sironi, Modigliani, Picasso sono tornate di nuovo nello stesso museo dove per anni erano rimaste affastellate in uno stretto corridoio che sembrava un ripostiglio. Con il rinnovamento progressivo di tutte le sale voluto dal direttore James Bradburne, avrebbero dovuto traslocare in tempo per lapertura di Palazzo Citterio, che è però stata rinviata. Così, invece di chiuderle in un deposito, il direttore si era inventato Novecento in moto, ha mandato le opere in tour a fare da ambasciatrici della Pinacoteca, alla Estorick collection di Londra e al Center for Italian Modern Art di New York. Ma intanto Palazzo Citterio è rimasto inagibile e lo resterà almeno fino al prossimo dicembre, quando dovrebbe terminare il periodo di collaudo del sistema di climatizzazione dellaria. Poi, se i parametri saranno conformi ai requisiti internazionali di conservazione delle opere, ci vorrà circa un anno per portare a termine lintero lallestimento e arrivare allapertura.

E dunque intanto? Bradburne non voleva rinunciare alla sua idea di museo visibile, tanto più che le opere sono vincolate per legato testamentario allesposizione al pubblico. Questa volta la soluzione è stata trovata con il soccorso della marchesa Giovanna Sacchetti proclamata ieri vincitrice della terza edizione della Rosa di Brera, riconoscimento assegnato a un personaggio distintosi per il sostegno alla Pinacoteca. Con questultimo finanziamento di 150 mila euro, la marchesa ha infatti reso possibile la creazione di due contenitori ad hoc disegnati prendendo spunto dalle rastrelliere usate nei depositi, con vetrate su tutti i lati e al centro una grata dove appendere le tele. Le teche sono ora collate nelle grandi sale napoleoniche IX e XV.

Leffetto è per la verità straniante, come se un operaio avesse dimenticato in un antico e prezioso salotto una cancellata di ferro di quelle usate per delimitare i cantieri sulle strade. Stessa sensazione anche per le due statue di Arturo Martini parcheggiate a destra e a sinistra della porta della toilette con un effetto da lavori in corso. E che dire dei colori sgargianti e delle linee spezzate di Picasso e Poliakoff in cui il visitatore inciampa passando nel breve corridoio che separa i fondi oro di Carlo Crivelli e le architetture rinascimentali di Raffello e Piero della Francesca? Insomma, una soluzione si doveva pur trovare, ma per fortuna questa non sarà definitiva. Purtroppo il Ministero latita e non ha ancora dato una risposta sul progetto di modifica dellingresso di Palazzo Citterio presentato da Bradburne. Avremmo tempo 
e denaro per migliorare il Palazzo, ha ribadito il direttore. Aspettiamo le indicazioni del Ministero, ma se non accetterà la proposta, io naturalmente obbedirò e lavorerò sugli spazi che ci sono stati consegnati.



news

22-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news