LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Firenze. Il blocco delledilizia, Italia Nostra e gli opposti estremismi
Leonardo Rombai, Mariarita Signorini
Corriere Fiorentino 19/6/2019

Caro direttore,

le scriviamo in qualità di rappresentanti di Italia Nostra. Vediamo che il Corriere Fiorentino riferisce delle indignate reazioni di intere ed affollate categorie professionali ed economiche, alla decisione del Consiglio di Stato, a seguito della iniziativa dellassociazione che rappresento, che, disponendo la sospensione dellefficacia dellarticolo 13 della recente variante comunale al regolamento urbanistico, avrebbe determinato il blocco delle ristrutturazioni, per almeno tre anni, nel centro storico di Firenze (zona A, ove gli interventi di restauro conservativo restano, peraltro, liberamente consentiti). Si preannuncia dunque una battaglia legale (addirittura ?) incentrata, a quanto sembra di capire, sulla estensione del concetto di intervento di ristrutturazione, con annessi mutamenti di destinazione e frazionamenti, che la recente variante, per ora sospesa dalla decisione del Consiglio di Stato, avrebbe consentito, nel centro storico, a differenza che in passato. Chi chiediamo, però, se una così numerosa aggregazione di interessi economici, mercantili e professionali possa essere di per sé sufficiente a prevalere sulle motivazioni, esclusivamente morali e culturali, della associazione che rappresento, la quale si propone di contrastare il degrado del centro storico, ragioni che il Consiglio di Stato ha riconosciuto come giuridicamente fondate e se sia sostenibile lesistenza di un diritto alla ristrutturazione immobiliare in ogni zona della città; ed infine, se non si prospettino responsabilità del Comune nel dettare una disciplina edilizia inadeguata al centro storico della città di Firenze, riconosciuto patrimonio dellumanità e soggetto alla tutela Unesco.

La lettera di Italia Nostra ha il tono del rimprovero per lo spazio concesso dal Corriere Fiorentino alle vibrate reazioni di associazioni e categorie per lo stop imposto dal Consiglio di Stato al regolamento urbanistico del Comune di Firenze. E, di fatto, a ogni intervento edilizio nellarea Unesco, tranne i restauri di pura conservazione. Abbiamo semplicemente assolto a un nostro dovere: informare. Ma ciò non significa dichiarare neutralità assoluta su un tema cruciale per lo sviluppo di Firenze. Notiamo il compiacimento di Italia Nostra per un blocco che rischia di imbalsamare la città per anni. Lo stravolgimento urbanistico degli interni dei palazzi del centro storico preoccupa anche noi. E non poco, visto che spesso è lo strumento per rendere la rendita ancora più profittevole, sia nel campo delle grandi ristrutturazioni sia in quello degli interventi su proprietà di dimensioni più limitate, le une e le altre finalizzate comunque allo sfruttamento, talora sfrontato, di un turismo crescente. Ma non di meno ci preoccupa limpossibilità di garantire una maggiore vivibilità ai propri appartamenti per chi in centro abita ancora, così come non può essere demonizzato ogni aggiustamento delle strutture ricettive quando ciò non significhi distruggere una coerenza architettonica, lacerare un tessuto dignitosamente ereditato dal passato. Un conto è battersi per migliorare un provvedimento ravvisandone le criticità e un conto è battersi per distruggerlo, con spirito di faziosità e intolleranza. Quanto allintreccio degli interessi al quale fa riferimento la lettera questo giornale ne è del tutto immune. Ma solo lirresponsabilità di un ambientalismo fine a se stesso può chiudere gli occhi o, peggio, bearsi degli effetti disastrosi che la sentenza del Consiglio di Stato può provocare sulleconomia fiorentina. Tanto da stupirsi se qualcuno evoca azioni legali. Almeno un po di realismo... (p.e.)



news

22-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news