LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Questa cultura arrovesciata. I musei, lArchivio Alinari: uninversione di ruoli, due scelte pericolose. Da evitare
Stefano Passigli
Corriere Fiorentino 18/6/2019

Firenze è oggi al centro di alcune decisioni politiche che mostrano uninversione di ruoli tra ministero dei Beni Culturali da un lato, e Regione Toscana e Comune dallaltro. La Costituzione attribuisce a Stato e Regioni competenze concorrenti in materia di beni culturali, attribuendo allo Stato la loro tutela e conservazione, e alle Regioni la loro valorizzazione e promozione. Invece...

Sta facendo discutere la decisione del ministro dei Beni Culturali Alberto Bonisoli di modificare radicalmente la riforma Franceschini, riducendo lautonomia dei grandi musei come Uffizi, Accademia e Bargello. Nel dibattito interviene Stefano Passigli, presidente di Scala Group, il maggior archivio darte nel mondo, già sottosegretario alla presidenza del Consiglio ed ex presidente dellIstituto Luce, che in questo intervento fa un parallelo con la vicenda degli Archivi Alinari.

Firenze è oggi al centro di alcune decisioni politiche che mostrano una singolare inversione di ruoli tra ministero dei Beni Culturali da un lato, e Regione Toscana e Comune di Firenze dallaltro. La Costituzione, al Titolo Quinto, attribuisce a Stato e Regioni competenze concorrenti in materia di beni culturali, attribuendo allo Stato la loro tutela e conservazione, e alle Regioni la loro valorizzazione e promozione. Assistiamo invece al Mibac che annuncia di voler limitare drasticamente lautonomia gestionale dei grandi musei sopprimendone i consigli di amministrazione e conseguentemente la possibile presenza di Regioni ed Enti locali nella loro gestione, e allannuncio della Regione Toscana che dichiara di voler acquistare la Alinari. Linversione dei ruoli attribuiti ad entrambe le istituzioni dalla Costituzione è chiara ed evidente.

Ritengo molto importante lautonomia gestionale dei grandi musei: fui il primo parlamentare a proporla nella XI legislatura (1992-94), incontrando il disinteresse sia della maggioranza che dellopposizione, e solo un tiepido riscontro da parte di Antonio Paolucci di lì a poco ministro nel governo Dini (1995-96). Ho proseguito nella proposta nelle successive legislature, trovando finalmente ascolto nel Pd con Franceschini ministro dei Beni Culturali. Mi auguro perciò che il ministro Bonisoli riconsideri la decisione annunciata, e non sostituisca un neo-centralismo alla politica di autonomia gestionale dei grandi musei che ha dato buoni frutti in questi anni. Lautonomia gestionale può infatti ben conciliarsi con linsostituibile ruolo di tutela e conservazione affidato dalla Costituzione allo Stato, mantenendo così lontana dai potentati locali la scelta dei direttori dei grandi musei e la definizione delle linee strategiche dei grandi progetti (ad esempio Pompei) che utilizzano fondi europei, ma valorizzando il sorgere di risorse locali sia progettuali che economiche.

Speculare è il giudizio nella vicenda Alinari. Nel comportamento di Regione e Comune due aspetti colpiscono infatti negativamente: in primo luogo lassoluta incompetenza (in senso giuridico) della Regione che si affida allo Stato per la valutazione del Fondo storico della Alinari non avendone la competenza (questa volta in senso tecnico-economico), ma poi pensa di poterlo gestire laddove nessuna compagine societaria è riuscita negli ultimi decenni a gestire larchivio Alinari mantenendo un equilibrio economico: dal Senatore Cini e i suoi eredi, agli Zevi, ai de Polo, alla società tra de Polo e 24 Ore , e ora nuovamente ai soli de Polo.

In altre parole, la Alinari perde da decenni, come è inevitabile avvenga per un archivio che ha un valore storico ma uno scarso appeal sul mercato e troppo poche immagini digitalizzate. La gestione dellarchivio richiederà ingenti investimenti per assicurare una più ampia digitalizzazione del suo patrimonio iconografico, unica maniera per poterne assicurare un utilizzo sia a fini scientifici che commerciali. In ogni caso, sulla base dellesperienza di altri grandi archivi storici (ad esempio Roger Viollet, di proprietà del Comune di Parigi che cerca invano di affidarlo in gestione a terzi) è facile prevedere che la Regione dovrà far fronte ogni anno a considerevoli passivi di gestione, che saranno ancor più elevati se comprando larchivio la Regione lascerà ai de Polo i diritti di sfruttamento economico sulle 250 mila immagini già digitalizzate. Un unicum nella storia del diritto dautore di cui è difficile comprendere la razionalità se non in termini di una inspiegabile debolezza negoziale dellente pubblico nei confronti di un imprenditore privato.

È dunque inevitabile che Firenze si rassegni alla perdita del Fondo Alinari? Assolutamente no. Il Fondo Alinari ha il valore che avrebbe una grande raccolta di incunaboli o di cinquecentine, o di simili tesori. Serve a studiosi e a specialisti, e va preservato anche se la sua gestione ha avuto, e avrà sempre un consistente deficit. Ma è allo Stato che spetta il compito di conservare i beni culturali, al di là del loro costo di acquisto e di gestione. Lo Stato ha effettuato una valutazione del Fondo Alinari: nel rispetto delle competenze stabilite dalla Costituzione, spetta ora allo Stato di comprare il Fondo Alinari (non certo la società), appoggiandolo alla Biblioteca Nazionale di Firenze, con un adeguato contributo per la sua gestione. Ciò permetterebbe alla Regione di destinare i 12 milioni per lacquisto dellarchivio , e i molti ulteriori milioni che costerebbe in futuro la sua gestione, ai propri fini istituzionali più fondamentali, a cominciare dalla sanità che ha in Toscana urgente bisogno di medici e infermieri, evitando incursioni al di là delle proprie competenze costituzionali.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news