LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Beni culturali, la riforma-pasticcio di Bonisoli
Giuliano Volpe
The Huffington Post 16/6/2019

È francamente un pasticcio. È difficile definire altrimenti questa riforma chiaramente priva di una visione complessiva, con un insieme di interventi scollegati e più o meno casuali, alcuni fatti solo per recuperare posizioni dirigenziali, altri per dare almeno unimpressione di discontinuità rispetto allodiata riforma Franceschini, altri ancora pensati solo per attribuire più forza al nuovo potere forte del MiBAC, il Segretariato generale, ora presidiato da Giovanni Panebianco, ex ufficiale della Guardia di Finanza e ex dirigente della Presidenza del Consiglio.

Il nuovo assetto, noto da una bozza di DPCM che dovrebbe essere approvata dal Consiglio dei Ministri entro il mese di giugno, prevede una trasformazione dei Segretariati regionali (in parte eredi delle precedenti Direzioni regionali, con funzioni di coordinamento e di rapporti con le Regioni e gli Enti Locali) in Segretariati distrettuali (cioè interregionali, con territori enormi, ad es. Piemonte-Liguria-Lombardia o Veneto-Emilia Romagna-Friuli VG-Trentino AA: ma come mai potranno funzionare?), che conservano alcune delle precedenti funzioni ma ne perdono altre più significative (in particolare quella di stazione appaltante, trasferita a una nuova specifica Direzione Generale Contratti e Concessioni, tranne che per piccoli importi); ma soprattutto esercitano funzioni ispettive, di verifica e di controllo a livello territoriale, secondo le indicazioni fornite dal Segretariato generale; insomma una sorta di Spectre del Segretario Generale che evidentemente ha scarsa fiducia nei dirigenti territoriali. Non sarebbe stato meglio eliminare del tutto i segretariati regionali (che rappresentavano un punto debole della precedente riforma), attribuendo funzioni e personale alle Soprintendenze territoriali, che sarebbero così state decisamente rinforzate nelle loro attività di tutela? Si sarebbero, peraltro, recuperate ben 17 posizioni di dirigente di seconda fascia, certamente più utili altrove.

Si introducono le Direzioni territoriali delle reti museali (comprendenti spesso più regioni come ad es. Piemonte-Liguria-Lombardia o Puglia-Basilicata o Umbria-Marche) al posto dei Poli museali regionali: anche questa sembra una novità destinata a creare non poca confusione, anche perché si annuncia il ritorno alle Soprintendenze di alcuni musei e aree archeologiche.

Le Soprintendenze Archeologia Belle Arti Paesaggio, cioè le strutture uniche di tutela, restano (per fortuna) confermate, ma si annunciano accorpamenti o scissioni, al momento non ancora precisati. Una modifica significativa riguarda le aree funzionali, cioè i settori specialistici disciplinari, nelle quali si articola ogni Soprintendenza: si riducono a cinque e quella demoetnoantropologica viene accorpata con quella storica e artistica. È una grave sottovalutazione del patrimonio immateriale, che rappresenta una grande risorsa, pari a quella del patrimonio materiale, soprattutto se, coerentemente con questa scelta, sparisse al livello centrale anche il Servizio VI, Tutela del patrimonio demoetnoantropologico e immateriale della Direzione Generale Archeologia Belle Arti Paesaggio.

Girava voce nelle scorse settimane dellistituzione di un paio Soprintendenze archeologiche (ma perché solo archeologiche? Il mare non è solo archeologia: lo afferma un archeologo subacqueo, che dirige da quasi un trentennio la rivista Larcheologo subacqueo), che, però, non compaiono nella bozza che circola e restano dunque nel mistero.

Novità dellultima ora è la soppressione di alcuni musei e parchi autonomi: il Parco archeologico della Via Appia, il Museo etrusco di Villa Giulia, Il Museo delle Civiltà, la Galleria dellAccademia di Firenze e il Museo e Parco del castello di Miramare. Una prima domanda è quasi ovvia: perché questi musei e parchi? Quale considerazione è alla base di tale scelta di eliminazione dellautonomia di questi e non di altri? Perché il Museo di Villa Giulia, che sta conoscendo con la scoppiettante direzione di un giovane archeologo, funzionario MiBAC, Valentino Nizzo, una vitalità prima impensabile, con una miriade di iniziative culturali e scientifiche e con un impegno particolare nel sollecitare la partecipazione attiva dei cittadini. Che fine farà, afferirà alla Direzione territoriale della rete museale del Lazio (che si occupa già di oltre 40 musei e aree archeologiche)?

Non mancano situazioni quasi comiche. Nel caso del Parco dellAppia si era da poco bandito il posto per direttore, dopo il pensionamento della prima direttrice Rita Paris. Si è, dunque, effettuata una selezione con una commissione nominata dal ministro che ha formulato una terna allinterno della quale il direttore generale ai musei (certamente dintesa con il ministro) ha scelto il nuovo direttore, Simone Quilici, che ha firmato un regolare contratto qualche giorno fa. Salvo poi apprendere dalla stampa che il ministro ha deciso di eliminare lautonomia del suo parco, tanto da essere costretto ad annulla frettolosamente la conferenza stampa nella quale avrebbe presentato il suo programma, ma confermando il suo regolare insediamento lunedì 17 giugno! Al parco, oltre al direttore, era stato assegnato un gruppo di competenti e agguerriti funzionari, che pur tra mille difficoltà logistiche e organizzative, ha avviato molto importanti attività di tutela e di valorizzazione di un territorio assolutamente straordinario. Che fine farà ora questo parco, certamente problematico, che si occupa di un territorio molto ampio, con progetti che superano i confini regionali? Andrà anche questo parco alla Direzione territoriale della rete museale del Lazio, o alla Soprintendenza di Roma, o al Parco del Colosseo? Misteri!

Il caso ancor più incomprensibile riguarda poi il Museo delle Civiltà, nato solo pochi anni fa dalla fusione di grandi realtà storiche come il Museo preistorico etnografico Luigi Pigorini, il Museo delle arti e tradizioni popolari Lamberto Loria, il Museo darte orientale Giuseppe Tucci, il Museo dellalto Medioevo Alessandra Vaccaro. Una realtà complessa, unica, ottimamente diretta da Filippo Maria Gambari. Solo da poco è stato trasferito allEUR anche il Museo darte orientale, che custodisce materiali degli scavi delle missioni archeologiche italiane in Iran, Pakistan e Afghanistan, oltre che gli oggetti acquistati in Nepal e Tibet da Giuseppe Tucci, il cui allestimento è in corso (anche grazie a cospicui finanziamenti) con una previsione di inaugurazione nel 2020. La perdita di autonomia e il suo declassamento assestano un colpo grave allarcheologia preistorica e allorientalistica, oltre al patrimonio culturale immateriale e demoetnoantropologico.

Non è difficile immaginare ora, oltre a proteste e agitazioni (anche da parte di associazioni che anni fa avevano contrastato la riforma Franceschini) oltre a vari ricorsi al TAR da parte dei direttori, che hanno sottoscritto regolari contratti.

In generale questa nuova riorganizzazione si caratterizza per un impianto fortemente centralista, che accresce il numero delle Direzioni Generali (mentre sarebbe stato decisamente meglio ridurle), moltiplica a Roma gli istituti, gli incarichi e le posizioni dirigenziali, attribuisce maggiori poteri al Segretariato Generale, facendo del MiBAC un ministero sempre più macrocefalo e burocratico. Sarebbe stato, al contrario, di gran lunga preferibile un centro snello, forte e autorevole, con reali capacità di indirizzo, coordinamento e monitoraggio, potenziando le strutture territoriali, sempre più in difficoltà. È anche una riorganizzazione che non risolve affatto alcuni oggettivi problemi della riforma Franceschini, che invece sarebbe stato opportuno affrontare alla luce di tre anni di sperimentazione, in particolare i rapporti tra centro e periferia e tra soprintendenze e poli museali, in ultima analisi tra tutela e valorizzazione. Chi scrive aveva proposto già anni fa una diversa soluzione, che oggi pare condivisa da molti altri: un centro leggero e forte con poche Direzioni Generali, strutture periferiche solide e con larghi margini di autonomia: Soprintendenze uniche regionali (dotate di autonomia amministrativa, come lattuale Soprintendenza speciale di Roma), dirette da Dirigenti generali e articolate al loro interno in dipartimenti settoriali (archeologia, architettura, arti, paesaggio, demoetnoantropologia, archivi, musei, organizzazione-amministrazione) diretti da dirigenti di seconda fascia, comprendenti, cioè, anche i poli museali e gli archivi, che hanno un forte legame territoriale. Infine la rete dei Musei e parchi autonomi, eventualmente da sviluppare progressivamente. Una soluzione organica, questa, recentemente rilanciata dalla Federazione delle Consulte universitarie di Archeologia insieme a varie altre associazioni in un documento inviato al ministro e pubblicato, che non ha avuto alcun riscontro.

Inutile dire che tale riforma, che dovrebbe essere ratificata entro questo mese, non è stata esaminata e discussa dagli organi consultivi del MiBAC, primi fra tutti il Consiglio superiore beni culturali e paesaggistici che martedì 18 giugno si insedierà, ad un anno dalla scadenza del precedente. Ma nellordine del giorno questo tema così rilevante non compare.

https://www.huffingtonpost.it/entry/beni-culturali-la-riforma-pasticcio-di-bonisoli_it_5d05fd75e4b0304a1210e30a


news

20-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news