LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Grandi navi, spunta il referendum
Alberto Zorzi
Corriere del Veneto 15/6/2019

Toninelli ipotizza una consultazione, snobba i politici e incontra i no Nav. Brugnaro: incapace

Venezia. Grandi navi, ora spunta lipotesi di un referendum. Il ministro Toninelli, che ieri ha fatto un sopralluogo in laguna, ha chiuso la porta a Marghera. Troppi rischi - ha detto - la escludo politicamente. Per lesponente M5S restano in piedi Chioggia e il Lido. Ma non caleremo decisioni dallalto ha aggiunto. Il ministro ieri ha snobbato i politici e invece ha incontrato i rappresentanti no Nav. Il sindaco Brugnaro: Incapace.

VENEZIA Il de profundis definitivo della doppia ipotesi Marghera e Vittorio Emanuele, quella partorita dal territorio e stabilita dal Comitatone del 2017. La conferma che in ballo ci sono San Nicolò al Lido e Chioggia, con questultima in vantaggio anche perché i fanghi da scavare sarebbero puliti. Ma anche lammissione che serviranno anni per vedere le grandi navi definitivamente fuori dal bacino di San Marco e dal canale della Giudecca. Infine, in pieno stile 5 stelle, lapertura allipotesi di un referendum tra i cittadini sulla soluzione migliore.

Dopo lincidente dello scorso 2 giugno, quando la Msc Opera ha perso il controllo e si è schiantata contro il battello fluviale River Countess e contro la banchina di San Basilio, cera grande attesa per la visita di ieri a Venezia del ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli, che ha dato una forte accelerazione al dossier grandi navi, aperto nel 2012 dopo un altro grave episodio, il naufragio della Costa Concordia. Ma chi sperava in parole definitive sul futuro della crocieristica lagunare è rimasto deluso. Il ministro ha però messo dei paletti: il tour dallalto in elicottero, e ancor più quello con la motovedetta della Guardia Costiera con cui ha attraversato il canale Vittorio Emanuele per andare a Marghera, non lhanno smosso dalla sua convinzione. Politicamente escludo la soluzione di Marghera - ha detto - non posso accettare il rischio che una nave con a bordo 5-6 mila persone vada a scontrarsi non contro una banchina, come avvenuto il 2 giugno, ma contro una petroliera o una raffineria.

A Marghera ci sarebbe poi il tema delle bonifiche (ci vorrebbero anni), la viabilità promiscua con le petroliere e le megacontainer e, per quello che riguarda lo scavo del Vittorio Emanuele che collegherebbe lattuale Marittima alla zona industriale , il nuovo protocollo fanghi: ora è in vigore quello del 1993, di cui è in corso una revisione. Senza caratterizzazione e senza capire se quei fanghi sono velenosi o no, non si può parlare di alcuna soluzione, ha tagliato corto il ministro. Si dice che per riportarlo navigabile (il canale è stato aperto un secolo fa e lo era fino a ventanni fa) serve scavare poco più di 2 milioni di metri cubi di fanghi, mentre a Chioggia sarebbero 6, visto che la laguna sud è molto interrata. Ma qui è stata fatta oltre 10 anni fa una caratterizzazione e cerano fanghi di categoria A, cioè buoni, ha aggiunto Toninelli, che ha assicurato il dialogo con gli enti locali dopo gli scontri verbali con il governatore Luca Zaia e il sindaco Luigi Brugnaro. E non ha escluso di rivolgersi direttamente ai cittadini: Per questo tipo di cantieri è previsto il dibattito pubblico - afferma riferendosi alla norma approvata lanno scorso dal governo giallo-verde - Siamo il M5s e non vogliamo far calare dallalto una decisione.

Ma Toninelli ha ammesso anche che servirà tempo. La soluzione non sarà domani, quando decideremo si aprirà un cantiere, ma daremo un tempo certo che ci diranno i tecnici - ha spiegato - Bisognerà sopportare le navi ancora un po, ma poi non passeranno più. Nel frattempo ricorda lordinanza della Capitaneria che mercoledì ha introdotto lobbligo di tre rimorchiatori al posto di due per le navi più grandi e un limite di velocità da 6 a 5 nodi, ma non esclude nuovi step. Il ministro ha dato delle indicazioni e noi ci atteniamo, ha commentato laconico il presidente dellAutorità di sistema portuale Pino Musolino, che ha accompagnato Toninelli con il provveditore Roberto Linetti e lammiraglio Piero Pellizzari. Musolino nel novembre 2017 aveva sostenuto la tesi poi passata al Comitatone con lok dellallora ministro Graziano Delrio, di Zaia e di Brugnaro: Marghera per le grandi navi e il Vittorio Emanuele per le medie.

Soluzione su cui ieri ha confermato il suo appoggio un altro membro del governo, il ministro del Turismo Gian Marco Centinaio, leghista. A noi piaceva, ma il ministro Toninelli non lo vedo molto daccordo - ha detto - Aspettiamo la sua proposta per dire se siamo daccordo o meno. Centinaio ha però chiarito la sua posizione: Non possiamo pensare di far sbarcare i turisti troppo lontano, anche perché sappiamo tutti benissimo che laccesso allAdriatico da parte delle navi da crociera cè solo ed esclusivamente perché si viene a Venezia - ha concluso - Sposo quindi assolutamente il progetto Vittorio Emanuele.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news