LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lavinium, ultima spiaggia di Enea
Marcella Smocovich
Il Messaggero, Roma, 6/9/2005

Le scoperte archeologiche confermano l'importanza dell'area dove sbarc l'eroe troiano

E' il luogo dove ebbe inizio la grandezza di Roma. Ora certo. Il punto dove la leggenda vuole che Enea sia sbarcato, dopo anni di peregrinazioni, per obbedire al destino che lo voleva fondatore di una stirpe che avrebbe dominato il mondo. L'eroe troiano cre Lavinium, suo figlio Ascanio Alba Longa. E poi, pi tardi, Romolo, figlio di Marte e Rea Silvia, Roma, dopo aver ucciso il gemello Remo, che l'aveva sfidato saltando il solco delle future mura. Importanti scoperte archeologiche confermerebbero questi avvenimenti leggendari. Lavinium, oggi conosciuta come localit di mare Lavinio-Lido, tra Anzio e Pomezia, divenne la citt da cui trae origine Roma. Recenti scavi hanno portato alla luce resti di qualche secolo posteriori ma ugualmente collegati a quei "fatti". Il mare, allora, nel sesto secolo avanti Cristo, era molto pi vicino. Oggi l'antica acropoli ai piedi del borgo di Pratica di Mare. Stretta tra un depuratore e l'aeroporto militare, su un terreno che i principi Borghese continuano a coltivare, preservandolo dagli scempi edilizi. Qui ci sarebbe anche l'ipotetica tomba dell'eroe troiano: stata trovata ed in fase di studio.
L'istituto di Topografia antica della Sapienza scava da quasi 50 anni. Gli archeologi Maria Luisa Bruto (direttrice del museo di Pratica di Mare curato anche dall'architetto Monica Sorti), Filippo Avilia e Stefania Panella, resposabile della Soprintendenza archeologica del Lazio stanno definitivamente portando alla luce la tomba di Enea, che sar aperta al pubblico a dicembre, un edificio arcaico e la quattordicesima ara (visite per appuntamento 0691146478/79). In precedenza l'Istituto aveva gi stabilito che i 13 altari ritrovati negli anni 60 erano intitolati alle citt della Lega Latina. Lega che Roma riusc a neutralizzare - spiega Stefania Panella - solo grazie alla stipula di un patto nel IV secolo a.C.. Su queste are si svolgevano i riti propiziatori per le alleanze e la prosperit delle citt della Lega, come Norma o Fidene. Nell'edificio arcaico invece i sacerdoti facevano sacrifici di animali e banchetti religiosi.
Il complesso urbanistico era imponente per l'epoca. C'erano le fornaci per realizzare gli ex voto e, poco lontano, una sorgente d'acqua. L'heron di Enea, con le are, il santuario di Minerva con oltre 100 statue di terracotta, il foro della citt e i suoi templi con le mura e le tombe. Lavinium cos assume un'importanza incredibile nella storia delle origini Roma. La scoperta della quattordicesima ara, ad esempio - spiega Stefania Panella - diversamente orientata permette una rilettura di questo sito in chiave storico e politica. Stabilisce che il Santuario divenne un luogo non solo di notevole importanza religiosa, ma anche politica in quanto vi era conservata l'origine della supremazia di Roma sulle altre citt latine.Tutto questo ora alla portata anche del grande pubblico grazie, in particolare alla mostra Hic Domus Aeneae che, allestita nel museo archeologico di Pratica di Mare, rester aperta a tempo indeterminato. Tra i pezzi pi pregiati, la copia della Minerva Tritonia ritrovata proprio durante gli scavi.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news