LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bonisoli silura la riforma: Accademia senza autonomia, Montanari entra agli Uffizi
Chiara Dino
Corriere Fiorentino 11/6/2019

Tomaso Montanari entra nel comitato scientifico degli Uffizi, sulla cui direzione non ha mai nascosto perplessità, mentre la Galleria dellAccademia, secondo quanto trapela da Roma, perderebbe la sua autonomia. Due siluri di Bonisoli alla riforma Franceschini.

Un fuoco di fila di annunci partiti ieri da Roma mettono seriamente a repentaglio la riforma Franceschini e la stabilità dei direttori stranieri nelle due massime istituzionali museali della città: Eike Schmidt alle Gallerie degli Uffizi e Cecilie Hollberg allAccademia. Alla vigilia dellarrivo del ministero della Cultura Alberto Bonisoli a Firenze oggi verrà a inaugurare la novantaseiesima edizione di Pitti Uomo dai suoi uffici trapelano notizie e indiscrezioni. La prima, e in questo caso si tratta di una nota ufficiale, riguarda la copertura di un posto vacante nel Comitato Scientifico degli Uffizi quello lasciato vuoto dal dimissionario Alessandro Nova direttore del Kunsthistorisches Institut di Florenz al suo posto arriva Tomaso Montanari, storico dellarte fiorentino, mai particolarmente tenero, per usare un eufemismo, con la riforma Franceschini e con lattuale direttore degli Uffizi Eike Schmidt. La seconda, diramata in forma ufficiosa, riguarda il possibile declassamento della Galleria dellAccademia che perderebbe lautonomia insieme con il Parco archeologico dellAppia antica, il Museo nazionale etrusco di Villa Giulia, il Castello Miramare a Trieste. Se così fosse i musei autonomi passerebbero dagli attuali 22 a 18 e sicuramente andrebbe rivista la loro direzione, che qui a Firenze significa Cecilie Holleberg. Se Schmidt, saputa la notizia della nomina di Montanari ha risposto con un secco non commento, Hollberg invece parla: Trattandosi né di un decreto ufficiale né di una notizia ufficiale mi sembrerebbe prematuro esprimermi in merito, poiché noi come Galleria dell'Accademia di Firenze siamo un museo che festeggia un successo dopo laltro e mi sorprende leggerlo in questo contesto. Abbiamo mostrato che, dalla mia presa di servizio, abbiamo incrementato il numero dei visitatori di oltre il 22 per cento, abbiamo raggiunto oltre 1,7 milioni di visitatori allanno. Con ciò siamo tra i primi due musei statali italiani, un museo che funziona alla grande e con gran successo. Stop. Non aggiunge altro la direttrice dellAccademia, ma fa riferimento a un decreto, la cui bozza circola da tempo negli uffici del ministero della Cultura, che nascerebbe con lintento di rivedere in toto la riforma Franceschini ipotizzando anche un ritorno a Roma dei Cda anche dei musei autonomi, spostando al ministero le scelte più importanti in materia di bilancio e dunque le scelte strategiche delle istituzioni museali.

Su questo e sulla sua nomina riflette lo storico dellarte Tomaso Montanari: Come universitario, e quindi non per nomina politica, da presidente del Comitato tecnico scientifico dei Beni culturali e dunque membro del Consiglio Superiore per i beni Culturali, nella prossima riunione, in calendario la prossima settimana, chiederò che sia condivisa la bozza del decreto e che analogamente vengano condivise le linee guida della nuova riforma. So che si parla di un ritorno su Roma dei Cda, ma non conosco il decreto e di più non posso dire. Quello di cui parla è invece il senso della sua nomina agli Uffizi e le ragioni per cui ha accettato. Ho accettato per spirito di servizio nei confronti della mia città e degli Uffizi. Credo, e in questottica Bonisoli mi ha chiesto di accettare lincarico fiorentino, che gli Uffizi debbano tornare a essere soprattutto un luogo dove si promuove la ricerca scientifica e uscire da una logica economicista. Ed è in questo senso che il ministro ha chiamato me per questa carica. Il comitato scientifico ha infatti il compito, insieme con il direttore, di valutare le scelte in materia di mostre, prestiti, utilizzo degli spazi museali. E su quale sia lopinione di Montanari in merito a questo genere di scelte chi segue le vicende dei Beni culturali sa bene che lo storico dellarte è del tutto contrario alluso dei musei come palcoscenici di eventi. Non solo: ha pubblicamente asserito di essere contrario al progetto del Corridoio Vasariano firmato Schmidt aperto a tutti con biglietti da 45 euro: Larte non può diventare solo un bene di lusso ha scritto sul Fatto Quotidiano ; ha criticato duramente il direttore quando, nel 2016, autorizzò una cena di aziendale nel Cortile dellAmmannati di Palazzo Pitti asserendo: Mercificare la bellezza è un delitto imperdonabile; ha contestato anche la scelta di Schmidt di prestare i ritratti dei coniugi Doni a Mosca per la mostra su Raffaello. E questo solo per citare alcune delle querelle più note. La sua nomina, alla vigilia della scelta sul futuro direttore degli Uffizi, non risulta quindi una mossa di secondo piano.

Non solo, cè chi dice che ultimamente, ma queste sono voci che circolano agli Uffizi, il direttore Schmidt sia stato in contatto con lufficio stampa del Kunsthistorisches Museum di Vienna dove dovrebbe prendere servizio a fine ottobre se non dovesse essere riconfermata da Bonisoli la sua nomina, per il secondo mandato, alla guida dei musei fiorentini. È tutto in bilico.



news

22-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news