LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Via Veneto, dopo la Dolce Vita resta solo il grande abbandono
Maria Rosaria Spadaccino
Corriere della Sera - Roma 9/6/2019

Il Café de Paris è un monumento allincuria. A secco da anni la storica Fontanina del Cane cara a Liz Taylor. Increduli i turisti russi e indiani: È davvero questa la strada di Fellini?

Se cè una strada che più di tutte è lemblema di quello che abbiamo voluto raccontare nelle pagine domenicali Cera una volta Roma questa è via Veneto. Che è stata un brand romano dal passato sfavillante e ora vive un presente opaco. Indefinito. Certo gli alberghi super restano, i turisti passeggiano, i doorman, di colore o orientali, vestiti in livrea o con la tuba, sempre gentilissimi, danno unimpressione di lusso. E di cura. Una sensazione piacevole che si perde appena si gira langolo o si abbassa lo sguardo verso unaiuola, anche quelle davanti ai grandi alberghi.

Una targa, dedicata a Federico Fellini allinizio della strada vicino la porta dingresso, ricorda ai visitatori a chi deve la sua celebrità. Ma i memento al regista della Dolce Vita, lungo la via che collega Porta Pinciana a piazza Barberini, sono parecchi.

Il Café de Paris è un monumento allabbandono, il suo passato sfavillante è nascosto sotto polvere. Le porte sono serrate, una sporcizia antica rende scuri i vetri, ma si riesce a sbirciare. E a vedere qualcosa. Gli arredi ancora esistono e si stanno sbriciolando sotto labbandono. Ma conservano ancora una sobria bellezza. Sulle vetrine esterne ci sono foto semi accartocciate di celebrities di decenni e secoli diversi, personaggi che hanno trascorso notti epiche in questo bar. Ma le immagini hanno perso colore, virano tutte ad un giallo malato. Così Michelle Hunziker sembra una diva degli anni 50. Anche il locale accanto e quello dopo vivono la stessa sorte: ma qui mani pietose hanno coperto con teli in plastica la visuale interna rendendo ancora più triste questo pezzo di passeggiata. Il marciapiede da questo lato è comunque pulito. La nostra strada è dismessa - racconta Pietro, barista della pasticceria Lotti, ideatore del Caffè Casablanca - solo negli ultimi ventanni la metà dei negozi è stata chiusa. La strada in pratica campa di ricordi.

I turisti stranieri, perlopiù russi e nutriti gruppi di famiglie indiane, camminano per la via con uno sguardo lievemente sorpreso. Si siedono ai tavolini dei bar, consumano cocktail costosi, ma un lieve interrogativo traspare dai loro occhi: Questa è davvero via Veneto?.

La tettoia originale, in ferro e vetro, Belle epoque del Regina Hotel Baglioni ristora la vista da restauri moderni e leggermente fuori contesto. Subito dopo la curva dove la strada si piega a gomito, accanto al Grand Hote Palace (un tempo hotel Ambasciatori) resiste la storica Fontanina del Cane, un piccolo gioiello nascosto che era accanto al bar Ambasciatori. La volle lì Charlie, il barman che nel 1940 aveva due grossi cani, la sua passione: nel marmo cè il nome del locale ABC e la faccia dellanimale. La leggenda racconta che molti attrici, tra cui Liz Taylor, preferivano alloggiare proprio vicino alla Fontana per i loro amici a quattro zampe. Altri due cani stilizzati, rosa e azzurrino, decorano lingresso della sala meeting che era lantico ingresso dellhotel, da dove uscivano ed entrano cuccioli e padroni. La fontana è stata chiusa, un tubo di plastica con un rubinetto ricorda che potrebbe tornare a funzionare. Potrebbe.

Lo scrittore Enzo Siciliano quando aveva bisogno di pace si rifugiava in via Sardegna nella ultracentenaria pasticceria Lotti. Ogni tanto anche Fellini passava, come tanti altri. Un locale di tradizione che grazie a Paola e Luigina è riuscito a rimanere uguale a se stesso, senza subire la seduzione della modernità. Si vedono dolci antichi, il personale è gentile, ci sono arredi confortevoli e Luigina sorride sempre e dialoga con garbo e dolcezza con gli avventori. Noti e non. Siamo qui da sempre - racconta la titolare -, siamo rimasti gli stessi, ovvero rispettosi dellaccoglienza, mentre il mondo intorno a noi cambiava. Io non riconosco più via Veneto, eppure qui sono nata e qui ho sempre vissuto. A volte preferisco lavorare davvero tutto il giorno e tornare a casa. Senza sbirciare cosa accade qualche metro più in là. Sopra il bancone del bar, sopra le tazze gelato (depoca), cè un quadro dellartista Maurizio Casadei. Su una parete laterale, di fronte alle foto delle tre generazioni della famiglia Lotti e dei loro pasticcieri, un ricordo: una specie di collage di schizzi lasciato da Fellini. In alto, sopra a tutto, nascosto.



news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news