LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Dalle luci ai veli dacqua. La nuova piazza Duomo disegnata dagli architetti
Stefania Chiale
Corriere della Sera - Milano 8/6/2019

Le risposte alla chiamata di Del Corno. Ripensare gli spazi

Nel 1816, appena trasferitosi a Milano, Stendhal tornava ogni notte in piazza del Duomo, per rivedere uno spettacolo di bellezza straordinaria e unica al mondo. Larchitettura non mi ha mai offerto simili sensazioni, scriveva il grande scrittore francese. Simbolo e centro della città, orgoglio dei milanesi e invidia dei turisti, la piazza che abbraccia la Madonnina ha cambiato negli anni fisionomia e funzione. Un destino che potrebbe ripetersi ancora, magari nel tentativo di valorizzare ulteriormente la cattedrale? Palazzo Marino lancia la sfida e gli architetti rispondono. È successo in piazza Castello (il restyling dal 2021), perché non pensare chiede lassessore alla Cultura Filippo Del Corno al ridisegno urbanistico e architettonico anche di piazza del Duomo?.

Lelemento su cui intervenire potrebbe essere la pavimentazione, secondo le archistar Carlo Ratti e Italo Rota, che stanno lavorando insieme al progetto per il Padiglione Italia dellExpo di Dubai 2020. Copriremmo la piazza con una lacrima dacqua suggeriscono , per nascondere quella pavimentazione sconnessa e datata e produrre riflessi che ci costringano sempre ad alzare gli occhi verso il Duomo e il cielo. Uno specchio dacqua per alleggerire la piazza, ribadire il focus sulla cattedrale e unire allegoricamente umano e spirituale. Su piazza del Duomo si era cimentato Ignazio Gardella, mio lontano parente con due proposte molto diverse e mai realizzate, nel 1934 e nel 1988 aggiunge Ratti da Boston (Stati Uniti), dovè professore allMit, il Massachusetts institute of technology . Mi piace lidea di continuare nel suo stesso gioco, a distanza di qualche decennio.

Il vuoto al centro e il verde attorno è la suggestione di Cino Zucchi, che alla storia di piazza del Duomo aveva dedicato una sequenza nel Padiglione Italia, di cui era curatore, alla 14esima Biennale di Venezia. Ripulire la piazza, dove il verde è antistorico, restituendola nella sua pulizia a chi la frequenta ogni giorno, e intervenendo contemporaneamente ai lati. Mettere gli alberi in piazza del Duomo? dice Zucchi Sarebbe come mettere fette di ananas su di una pizza margherita: una contraddizione storica e culturale esplorabile solo in forma radicale. Piazza del Duomo va rispettata come grande vuoto dai confini chiari che ospiti di volta in volta diversi pubblici senza riempirla di troppe baracche mediatiche, anche se temporanee che mutino al fluire dei costumi e delle culture di una città sempre più multietnica. Al contempo, considerare parte integrante del piano due luoghi irrisolti come piazza Diaz e piazza Fontana, trasformandoli in vestiboli verdi e illuminati, con funzione di appoggio: Intorno al Duomo esistono due situazioni del tutto irrisolte, dove un verde denso e abitabile integrato da un progetto illuminotecnico sofisticato e da luoghi di sosta e riposo funzionerebbe bene a complemento della prima: piazza Fontana, che attende da cinquantanni una sistemazione convincente, e piazza Diaz, luogo severo e senza identità.

Dilatare la dimensione della piazza sarebbe lobiettivo di Paolo Caputo: Partirei da unidea unitaria, un grande progetto architettonico che unisca la piazza a unaltra serie di spazi, come piazzetta Reale o lambito alle spalle dellabside del Duomo. Creare un piano continuo allinterno del quale si innesti la figura della cattedrale. Come? Per esempio ripensando alla pavimentazione, ai rapporti con gli edifici e con il sottosuolo. Questultimo è un ambito su cui si potrebbe davvero intervenire per unire lo spazio. Il rifacimento di piazza Liberty ne è lesempio: è stato risolto il rapporto tra i due piani, stando sopra si percepisce il sotto. Obiettivo del progetto sarebbe far sentire lunitarietà di questo luogo centrale per Milano, per i cittadini e per i tanti turisti. Al centro, chiaramente, il Duomo, focus di tutta la narrazione.

Perché poi non far rivivere di luci palazzo Carminati, che dal 1867 sorveglia guglie e Madonnina? È la suggestione di Zucchi: La mia immagine della piazza è irrimediabilmente segnata dal ricordo del profilo in neon della segretaria perfetta nella pubblicità della Kores racconta , appesa tra cento altre scritte luminose sulla facciata del palazzo come Piccadilly circus a Londra o Times square a New York: la promessa di una Milano moderna che fonda il grande ottimismo del secolo del dopoguerra.



news

24-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news