LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Piazza Duomo, un tetto agli eventi
Maurizio Giannattasio
Corriere della Sera - Milano 7/6/2019

La svolta Palazzo Marino risponde alla proposta di Borgonovo: sì al ridisegno urbanistico. Il dibattito tra i commercianti
Lassessore Del Corno: non più di 10 lanno e un esponente della Curia nel comitato di gestione


Comitato Duomo aperto a un rappresentante della Curia. E la proposta di limitare il numero di eventi in piazza del Duomo. Una decina in tutto contro i 30 di media che si svolgono ogni anno. Lassessore alla Cultura Filippo Del Corno apre alle richieste di monsignor Gianantonio Borgonovo, arciprete del Duomo, e rilancia: Perché non creare una struttura che ridisegni la piazza?.

Monsignor Borgonovo, arciprete del Duomo, chiede di creare un comitato di gestione per governare gli eventi in piazza del Duomo. Assessore Filippo Del Corno ci sono troppi eventi nella piazza che ospita la Cattedrale?

Intanto vorrei dire a monsignor Borgonovo che un comitato esiste già ed è quello che sovrintende le occupazioni di suolo pubblico nei luoghi di pregio della città, tra cui piazza Duomo. Il comitato interassessorile presieduto da me in veste di assessore alla Cultura, vede insieme gli assessori alla Moda e allo Sport, Cristina Tajani e Roberta Guaineri, la Soprintendenza e la polizia municipale. Raccolgo positivamente la suggestione del monsignore e propongo che un rappresentante della Curia partecipi al comitato per quanto riguarda le concessioni della piazza.

Non ha risposto se gli eventi in piazza Duomo sono troppi e se cè bisogno di più regolamentazione.

Credo che si possa fare di meglio attribuendo al comitato una funzione che oggi non ha: quello di programmare gli eventi limitatamente alla piazza. Di media gli eventi allanno sono una trentina. A oggi, le occupazioni di suolo concesse sono state 24, in coda ci sono altre dieci richieste. Secondo me dovremmo cercare un equilibrio tra la dimensione animata della città con il rispetto complessivo della piazza.

Come si trasforma in numeri questo equilibrio?

Penso a una decina di manifestazioni: quattro iniziative legate allo spettacolo, tre sportive e tre a carattere sociale. Attribuiamo al comitato il compito di programmare quelle attività che per qualità e storia hanno il diritto di poter essere ospitate nella piazza. Credo sia possibile.

La realtà è che tutti richiedono come location piazza del Duomo perché richiama gli sponsor e nessuno vuole andare in periferia.

Dobbiamo superare questo pregiudizio. Milano ha tanti luoghi straordinariamente belli e attrattivi. Ricordiamo però che piazza del Duomo ci ha permesso di fare cose importanti in periferia. Penso a Bolle che si è esibito alla Martesana e alla Barona per chiudere in Duomo.

Tra gli eventi programmabili non ha citato la politica. Non le è andata giù la manifestazione di Salvini con i sovranisti europei?

La politica deve stare in piazza del Duomo. Non ho nessuna vicinanza o simpatia per la Lega o per Salvini ma il fatto che abbia raccolto i militanti per una manifestazione è un fatto rilevante. Le piazze sono questo. Credo che la politica debba abitare piazza del Duomo come succedeva tanti anni fa.

I concerti rock mettono a dura prova le vetrate della Cattedrale.

Piazza Duomo non può essere un luogo prestigioso ed esclusivo. Deve essere la piazza in cui tutta la città si riconosce con tutte le inevitabili contraddizioni, la compresenza di interessi e aspettative diverse. Trovo legittimo che due volte lanno le ragazze e i ragazzi della nostra città possano ballare e ascoltare la musica che gli interessa nella piazza principale della città.

Detto da lei, compositore colto, davanguardia, suona strano.

Pensare che la musica pop non abbia diritto di cittadinanza è un errore. Non esiste musica di serie A e di serie B. Credere che Sting ed Elisa non possano suonare il piazza del Duomo è un grande errore.

Monsignor Borgonovo fa dei rilievi anche di carattere urbanistico e sollecita che al posto di alberi piantati estemporaneamente (le palme, ndr) si realizzi un giardino e magari un piccolo teatro.

Credo che anche questa sollecitazione possa trasformarsi in una possibilità. Raccolgo e rilancio. Perché non creare una struttura che fa capo allassessore allUrbanistica, Pierfrancesco Maran e che si occupi del ridisegno urbanistico e architettonico della piazza? Come la sfida del precedente mandato è stata quella di ridisegnare piazza Castello, piazza Duomo potrebbe essere la sfida di fine mandato,rimuovendo tutti quegli elementi di disturbo che non dipendono da manifestazioni temporanee, ma dalle condizioni strutturali della piazza.

A cosa si riferisce?

Ad esempio la sosta dei mezzi che a vario titolo partecipano alla vita del cantiere della Fabbrica del Duomo. Ogni giorno ci sono tra i cinque e i dieci furgoncini parcheggiati su quel lato della piazza. Così come ritengo eccessiva la presenza di troppi artisti di strada. Infine, e lo dico con tutta la tolleranza possibile, cè troppo commercio abusivo.

Cosa deve diventare piazza del Duomo?

Nei giorni scorsi era nostra ospite una ragazza inglese che per caso è capitata in piazza Duomo durante lo show di Bolle. Ha trovato molto bello che la star più importante della danza abbia fatto la sua performance nella piazza più importante di Milano. Mi ha detto che è una cosa unica della nostra città. Preserviamo questa unicità di Milano!.



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news