LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Svelato il giallo di Filangieri. Ritratto attribuito a Bonito
Natascia Festa
Corriere del Mezzogiorno - Campania 6/6/2019

Il direttore del Museo e uno storico dellarte esibiscono le prove documentali

Prologo. Evocato dal Maggio dei Monumenti a lui dedicato, il principe Gaetano Filangieri ha fatto la sua epifania sotto forma di un ritratto che, ritenuto di anonimo ammiraglio e di altrettanto ignoto pittore di scuola napoletana, è stato battuto a unasta di Vercelli: da una ridicola base di 1500 euro è schizzato in poche ore a 50mila.

Lacquirente, prima misterioso, si è rivelato essere Dario Porcini dellomonima Galleria antiquaria di piazza Vittoria che, per una settimana che scade oggi, lha prestato al Museo Filangieri. Ed è dalle carte dellarchivio di via Duomo che è saltato fuori un documento che svela lautore dellopera. Altro che anonimo, si tratta di Giuseppe Bonito, grande ritrattista dei Borbone: Il dipinto dice Luca Manzo, storico dellarte di Palazzo Como è descritto in un inedito documento conservato nellarchivio del Museo: si tratta dellInventario degli oggetti e mobili esistenti nella casa di Parigi e Napoli del 1874. Lerede Gaetano Filangieri così lo descrive: quadro moderno su tela di scuola napoletana del Cav. Bonito alto m. 2.30 largo m. 1.60 rappresentante il ritratto del Cav. Gaetano Filangieri autore della Scienza della Legislazione .... Il dipinto si trovava nella camera da letto del Principe nel Palazzo di Largo Garofalo (oggi via Filangieri) insieme ad altri ritratti di famiglia: quello del padre Carlo, della madre Agata e della nonna materna Giovanna del Bosco .

Sono molto felice dice il direttore del Museo Filangieri Paolo Jorio anche se personalmente avevo fatto unattribuzione più romantica, ritenendolo di Angelica Kaufmann che ha amato profondamente Goethe, amico di Filangieri. Bonito è un grande nome, regale appunto.

Il Maggio finisce oggi. E ci lascia un grande patrimonio: la riscoperta di unappartenenza dei napoletani a Filangieri. Gli ingressi registrati nelle sale sono otto volte quelli dellanno scorso e i messaggi raccontano una ritrovata meraviglia.

Tornato a Napoli, Filangieri deve ora tornare a casa. Laspirazione, infatti, è quella di riacquisire lopera al patrimonio del Museo grazie allufficio di fundraising che ho installato sin dal mio insediamento. Credo di essere riuscito a creare una nuova percezione, quella di un palazzo darte aperto, che vive. Tanto aperto che anche il principe, in forma di ritratto, ha deciso di farsi vivo. Visto che il diritto alla felicità ha ispirato Benjamin Franklin nella scrittura della Costituzione americana, si potrebbe attrarre qualche investitore dagli Usa? Lesposizione permanete del carteggio punta, infatti, anche a richiamare turisti americani e creare questo tipo di appeal.

Torniamo a Bonito. È stato limportante autore dei ritratti di tutta la famiglia reale da Carlo a Ferdinando di Borbone continua Manzo e proprio il ritratto di Ferdinando ricorda quello ritrovato. Alcuni dettagli sono indicativi per datare il dipinto: Filangieri viene nominato Alfiere della Real armata nel 1777, Cavaliere dellOrdine Costantiniano nel 1780, Capitano dInfanteria nel 1785, le decorazioni e luniforme ci spingono a propendere per una datazione che oscilla tra il 1785 e il 1788. Nell Inventario degli oggetti ritrovati in casa di Gaetano Filangieri dopo la sua morte fatto redigere dalla moglie Carolina Frendel, tra gli oggetti personali, lunico dipinto di cui si fa menzione è un ritratto di grandi dimensioni del sommo giurista. Comè arrivato il dipinto da Napoli in un salotto milanese e da questo allasta? Il quadro era destinato ad entrare nelle collezioni del Museo: nella Proposta di donazione al Comune del 1883 è riportato tra le opere che sarebbero dovute essere collocate a Palazzo Como. Questo non avvenne come per altri casi analoghi: lerede Gaetano Filangieri decise di tenere ancora per se le opere più legate alla memoria della famiglia. Dopo la morte di Gaetano Filangieri nel 1892, le memorie furono divise tra le sorelle e le nipoti: Carolina che sposa il duca Guevara di Bovino, Giovanna andata in sposa a Luciano Brunas Serra e Teresa che si unisce a Fipippo Ravaschieri. Le nipoti invece si imparenteranno con altre nobili famiglie napoletane: Colonna di Summonte, Imperiali di Tora, Giudice Caracciolo di Cellamare, de Riseis e Statella e d altre. È probabile che un bisnipote di Filangieri si sia disfatto dellingombrante dipinto per far cassa.



news

04-06-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 4 giugno 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news