LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Quando per Venezia si batteva Montanelli
Gian Antonio Stella
Corriere della Sera 5/6/2019

Lui li avrebbe inceneriti. Ci manca sempre, Indro Montanelli, ma forse mai quanto in questi giorni dopo la catastrofe mediatica dellOpera Msc. Perché lui, che diede lanima nella difesa della città serenissima (Lo spinsi anchio, assicura guerresca Giulia Maria Crespi) li avrebbe davvero inceneriti i responsabili di quanto è successo. E certo non se la sarebbe presa col pilota, il comandante o chi guidava i rimorchiatori di Davide Calderan. Ma con chi, dopo tante denunce e polemiche, insisteva a irridere agli allarmisti assicurando che sbandate pari a quella del transatlantico a San Basilio erano impossibili. Esattamente cinquantanni fa, a fine giugno del 1969, il grande giornalista scriveva indignato delle reazioni al vincolo su Venezia appena deciso dopo dure battaglie per una legge che mettesse un perentorio alt a qualunque intervento, sulla città e sulla laguna, di cui non fossero noti gli effetti. E denunciava che intorno a quel vincolo si provvide subito a creare degli equivoci, facendolo passare per un tentativo di mummificazione. Si vuol fare di Venezia un museo, si disse, estraniandola dalle industrie, dai traffici, cioè dalla vita moderna. Limbroglio era evidente. Soldi, soldi, soldi. Sembrano parole scritte ieri mattina. E chiudeva ricordando che quel vincolo non andava interpretato come un epilogo, ma come un prologo. Come premessa di un programma indilazionabile. Infatti, qualunque altra città può permettersi il lusso di crescere e svilupparsi alla carlona. Facendolo, sbaglia; ma lo sbaglio è riparabile. A Venezia, come abbiamo già detto, lo sbaglio può essere mortale. E guai a tirare in ballo il diritto di chi comanda a decidere a prescindere dagli interessi universali: Venezia appartiene allItalia solo per un accidente geografico avvalorato da strette parentele culturali. In realtà è un mondo a parte. Un tema sul quale tornerà più volte. Ad esempio nel 96: Come scrissi in tempi lontani, e come ormai mi sono stancato di ripetere, Venezia non aveva, per restare Venezia, che una scelta: mettersi sotto la sovranità ed il patronato dellOnu per riceverne il trattamento, che certamente le sarebbe stato accordato, dovuto al più prezioso diadema di una civiltà non italiana, quale la Serenissima mai fu né mai si sentì, ma europea e cristiana, intesa unicamente alla conservazione di se stessa, quale tutto il mondo civile la vorrebbe.




news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news