LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia, grandi navi. Progetti pronti. Lo stop di Roma
G. B.
Corriere della Sera 3/6/2019

Il nuovo governo e il riesame delle carte

VENEZIA. È un po come per la decennale questione Tav in Val di Susa. Dopo idee, progetti e controprogetti tutto si è fermato. Proprio quando per le grandi navi a Venezia sembrava fosse stata individuata una soluzione condivisa. Poco prima delle ultime elezioni politiche infatti il Comitato interministeriale di indirizzo (il cosiddetto Comitatone) aveva dato il via libera allo scavo del canale Vittorio Emanuele, già usato per le navi commerciali dirette allarea industriale di Porto Marghera, ma appena si è insediato il governo giallo-verde è arrivata una nuova battuta darresto: il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli ha deciso di rivedere e valutare tutti i progetti; una settimana fa Pino Musolino, presidente dellAutorità di Sistema Portuale dellAdriatico settentrionale, ha inviato le carte a Roma. E le parole di ieri del ministro, a breve la decisione, ora non fanno che gettare benzina sul fuoco. Come del resto già successe allindomani del suo insediamento, quando ordinò un nuovo stop alluscita delle grandi navi dal centro storico. Perché è da anni che tutti in città sono daccordo sulla necessità di non far più passare le imbarcazioni da crociera dal bacino di San Marco e dal canale della Giudecca, dove ieri è stata sfiorata la tragedia. Il confronto sul dove spostarle resta aspro ma le ipotesi da sette anni, dalla tragedia della Costa Concordia al Giglio, non mancano. È stato persino predisposto un decreto, il Clini-Passera, che dal 3 marzo 2012 impone che transitino solo navi con una stazza non superiore alle 40 mila tonnellate (la Msc Opera di ieri ne pesa 65 mila) ma lentrata in vigore del divieto è stata subordinata alla definizione di una soluzione alternativa. Allindomani del naufragio della Costa Concordia, lAutorità portuale, allepoca guidata dallex sindaco ed ex ministro Paolo Costa, propose di scavare un nuovo canale, il Contorta SantAngelo. Il progetto fu consegnato a Roma. Di lì a poco, un privato, il Gruppo Duferco, con lex viceministro ai Trasporti Cesare De Piccoli, depositò un piano di intervento con richiesta di valutazione di impatto ambientale (tuttora lunico progetto arrivato a questo punto) che prevede la realizzazione di un porto off shore, sul modello di quello di Barcellona, alla bocca di porto di San Nicolò al Lido, di fronte al Comune di Cavallino Treporti (contrarissimo). Lidea è stata rielaborata in almeno altre due declinazioni, una dei Cinque Stelle e una degli ambientalisti che hanno depositato un progetto a Roma. La soluzione daltura, tuttavia, non ha mai avuto consenso politico in Comune, al Porto e tanto meno in Regione. E così è stata elaborata unaltra proposta: il trasloco delle grandi navi a Marghera, franata con la caduta della giunta di Giorgio Orsoni per lo scandalo del Mose e ripresa dallattuale amministrazione del sindaco Luigi Brugnaro, dintesa con il presidente dellAutorità Musolino e con il governatore del Veneto Luca Zaia. Poco prima delle elezioni del 2018 la soluzione sembrava definita: il governo di Paolo Gentiloni con lallora ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio e il Comitatone il 7 novembre 2017 dissero sì alladeguamento del Vittorio Emanuele e alla realizzazione, nel lungo termine, di approdi a Marghera. Ma poi è arrivato ancora uno stop e il cambio di rotta del nuovo governo.

Lidea di Marghera

Era stato concordato un piano per portare in futuro le grandi imbarcazioni al porto di Marghera



news

13-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news