LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

FURONO NASCOSTI DURANTE LA GUERRA: ORA TORNANO IN MOSTRA QUEI TESORI DELL'ISTRIA DIMENTICATI DAL 1940
P.V.
la Repubblica 05 set 2005

Trieste - Sono i tesori dell'Istria, un tesoro di antichi dipinti che escono dopo 62 anni dalle casse che lo hanno protetto dalla guerra e dalle razzie. E' in mostra a Trieste al civico museo Revoltella, presentato sotto il titolo Histria. Opere d'arte restaurate: da Paolo Veneziano a Tiepolo (fino al 6 gennaio 2006). E' un tesoro destinato a formare uno dei due nuclei della nuova Galleria nazionale d'arte antica che troverà posto nel castello di Miramare di Trieste.
Le opere sono 21, in maggioranza di grandi dimensioni. Tavole di Paolo Veneziano (due); Alvise Vivarini; un maestro belliniano del 1490 circa; una tela di Vittore Carpaccio; tre del figlio Benedetto; una tela col Cristo morto a mezza figura di un maestro Veneto provinciale; una croce dipinta; elementi di polittico del XV secolo trasformati in ante di armadi sia pure liturgici; una tela di Matteo Ponzone, protagonista del Seicento veneziano; una icona a fondo oro del rarissimo Constantinos Sgouros, pittore cretese della prima metà del Seicento; la grande Madonna della cintola di Giambattista Tiepolo; una tela di Giuseppe Angeli (1710-1798) ; uno (straordinario) busto di Cristo in legno dipinto di Francesco Terilli, del 1590-1610; un bronzetto su modello dell'Algardi; bron-zetti come i «picchiotti» e i mascheroni per i portoni.
La mostra è a cura della soprintendenza del Friuli Venezia Giulia con la collaborazione dell'associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia e il Comune di Trieste. Il catalogo (Electa) a cura di Francesca Castellani e Paolo Casadio, è dedicato a Federico Zeri per l'impulso allo studio dei confronti tra pittori e paesi nella storia d'Europa. Le opere lasciarono l'Istria, allora italiana, nel 1940 per essere messe al riparo dalle minacce della guerra. Furono concentrate prima a Villa Manin di Passariano e da ultimo aRoma, a Palazzo Venezia, dove sono rimaste in deposito per oltre mezzo secolo. Le casse furono «dimenticate» fino al 1990, aperte soltanto nel 2002conl'autorizzazione dell'allora sottosegretario Vittorio Sgarbi. Dopo questa data tutte le opere, provenienti da musei e chiese delle località istriane dì Pirano e Capodistria, già appartenenti alla Serenissima, poi austriache, italiane e ora slovene, furono sottoposte a restauro.



news

22-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news