LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano. Al museo come su internet
Francesca Bonazzoli
Corriere della Sera - Milano 31/5/2019

Alle Gallerie dItalia 71 opere classiche e contemporanee illustrano il rapporto tra arte e tecnologia. Con parole chiave

Dimenticatevi gli otto secondi che, secondo le indagini dei musei Tate di Londra, il pubblico trascorre in media davanti a una singola opera. Per visitare la nuova mostra Dallargilla allalgoritmo allestita alle Gallerie dItalia bisogna fermarsi molto più a lungo, leggere tutte le didascalie e infine anche intuire. Imparare non basta: si devono poi elaborare con la propria testa i nessi che tengono insieme le 71 opere esposte, un assemblage che va dalla ceramica greca del V secolo a. C. fino ai lavori dei contemporanei come Dan Graham, Grazia Toderi, Roberto Cuoghi o Ed Atkins. Senza questo sforzo di sintesi i vasi attici che circondano linstallazione centrale di Janet Cardiff, Leone dOro alla Biennale di Venezia del 2000 e primo lavoro al mondo che prefigura la realtà aumentata, come spiega Carolyn Christov-Bakargiev direttrice del Castello di Rivoli e curatrice della mostra con Marcella Beccaria, sarebbero incomprensibili. Così come labbinamento della sequenza numerica di Fibonacci di Mario Merz del 1972 e la scena mitologica del pittore settecentesco Francesco De Mura.

Il principio che tiene insieme questo dialogo tra opere antiche delle collezioni di Intesa Sanpaolo e contemporanee del Castello di Rivoli è lo stesso, spiega Marcella Beccaria, delle ricerche su internet che creano percorsi inediti e nuove relazioni partendo da parole chiave. Nella mostra le parole sono tante: da cibo a guerra, da cura del pianeta a visione. Insomma il percorso risulta criptico perché così ampio da poter contenere tutto e il suo contrario, ma per semplificare si può dire che intende evidenziare i modi in cui in epoche diverse gli artisti si sono confrontati con la tecnologia. Termine che qui si rifà al greco téchne, cioè il saper fare, labilità manuale e, dunque, anche larte. Il che giustifica la presenza del vaso greco del cosiddetto pittore di Leningrado dove il vasaio dipinge se stesso al lavoro. Più si indaga, più le maglie concettuali appaiono duttili, infinitamente estensibili e capaci di comprendere ecumenicamente altre opere o autori da sostituire come in un gioco. Dunque alla fine, passando fra un Ambiente spaziale di Lucio Fontana e la testa di un manichino di Giorgio de Chirico; ammirando i due piccoli capolavori settecenteschi di Roberto Longhi e poi la struttura ghiacciata del 1989 di Pierpaolo Calzolari, quello che resta al visitatore è soprattutto il godimento della singola opera. E il vero senso della mostra viene piuttosto svelato dalle parole dellassessore Filippo Del Corno che vede questa occasione come Un ulteriore rafforzamento del ponte gettato tra Milano e Torino. Così come rivelatorie sono anche le frasi di Giovanni Bazoli, presidente di Intesa Sanpaolo, secondo il quale Grazie alle esposizioni temporanee, le Gallerie sono diventate un luogo in cui conoscere e ammirare i capolavori dei maggiori musei nazionali e internazionali, di cui siamo ormai annoverati fra i principali interlocutori.



news

18-10-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 ottobre 2019

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

Archivio news