LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Viaggio negli Uffizi mai visti. I tesori delle nuove 14 sale
Marco Gasperetti
Corriere della Sera 30/5/2019

Gli Uffizi, a Firenze, come non sono mai stati visti. Con 14 nuove sale aperte ai visitatori e unesposizione di oltre mille metri con 105 opere, un terzo delle quali non erano mai uscite dai depositi in cui erano custodite. Il direttore Eike Schmidt: È come avere un nuovo museo nel museo.

Le nuove sale, quattordici in tutto, si svelano al primo gruppo di visitatori, già estasiati dalle visioni dei capolavori di Leonardo, Botticelli, Giotto e Raffaello, dopo una nobile discesa di quattro rampe di scale, dal secondo al primo piano. Siamo sempre agli Uffizi, eppure la sensazione di novità è immanente. Cè qualcosa di nuovo se pur dantico nellaria, un museo nel museo che si schiude come unimprobabile matrioska nel cuore della Galleria.

È uno spazio di 1.100 metri quadrati nellala di ponente che custodisce 105 dipinti, dei quali almeno una quarantina invisibili da decenni, e altri capolavori della pittura del 500 veneta e fiorentina. Opere firmate da Tintoretto, Giorgione, Pontormo, Vasari, Veronese. E capolavori, come la Venere di Urbino di Tiziano o la Caduta degli Angeli ribelli di Andrea Commodi, adesso valorizzati in sale dallallestimento sublime; verdi per i veneti, grigie per i fiorentini e con unilluminazione hi-tech capace di far scoprire particolari dimenticati. Come il volto di un gatto, dipinto da Tiziano nella Venere con Cupido, che prima appariva come un piede, racconta il direttore degli Uffizi, Eike Schmidt. Stanco (ho lavorato giorno e notte) ma soddisfatto per essere riuscito a far diventare realtà quello che definisce un progetto straordinario. Un museo nel museo, appunto, che non aumenta soltanto il numero delle sale visitabili da settantasei a novanta ma apre uno scrigno prezioso ed esclusivo dedicato alla pittura della Controriforma e a quella veneta.

Almeno la metà delle sale sono state aperte ex novo (prima erano depositi), le altre ridisegnate completamente utilizzando i metodi dei maestri artigiani del Rinascimento. E intanto Schmidt pensa già al un nuovo progetto: altre quattordici sale che ospiteranno trecento autoritratti dautore come quelli di Bernini, Velazquez, Chagall e Morandi.

È il Bronzino a illuminare per primo il nuovo percorso con il Ritratto di Bartolomeo Panciatichi e quello della moglie Lucrezia. Mentre nella seconda sala ad accogliere il visitatore sono Lorenzo il Magnifico immortalato dal Vasari e Cosimo il Vecchio ritratto dal Pontormo. Pochi passi ed ecco la Sala del Pilastro con le grandi pale. Qui torna ad emanare bellezza limponente Madonna del Popolo di Federico Barocci, occultata per più di un decennio. E, poco più avanti, nello studiolo dedicato alla Controriforma, ecco un altro ex capolavoro invisibile, la Caduta degli Angeli ribelli, opera straordinaria e soprattutto ambiziosa con la quale Andrea Commodi tentò di rivaleggiare con il Michelangelo della Cappella Sistina.

Ancora pochi passi e il grigio delle sale diventa verde. Adesso sono i veneti a brillare. Con Giorgione nella Sala del Guerriero e nella stanza accanto con Tiziano che si mostra con la Madonne delle rose. Un breve corridoio ed ecco la Sala della Venere di Urbino con il capolavoro di Tiziano.

Qui due finestre, una che si affaccia sullArno e le colline e laltra sullo scalone dingresso del Corridoio vasariano, aiutano a tornare alla realtà. Mentre su una parete un misterioso graffito del Seicento con il volto del sole radiante, affiorato durante i lavori di ristrutturazione, fa discutere gli appassionati di enigmi storico-artistici.

Dopo altre due sale venete, anchesse affacciate sul fiume e che custodiscono la Nuda di Licinio (capolavoro anchesso dimenticato nei depositi) e Leda e il cigno di Veronese, il percorso finisce. Per iniziare poco dopo con le sale del Caravaggio. Ma questa è unaltra storia.




news

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

22-08-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 22 agosto 2019

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

Archivio news