LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Udine: ora tocca al Castello
MELANIA LUNAZZI
Giornale dell'arte, 17/05/2019

Entro la fine dell’anno verranno restaurati 4.260 metri quadrati di superficie


Il cuore architettonico e scultoreo del centro storico è da diversi anni oggetto di opere di manutenzione e restauro realizzate con il contributo di privati grazie all’ArtBonus. L’area interessata è quella che si estende tra la Piazza della Libertà, in stile veneziano, e il sovrastante colle del Castello, il cui sito è documentato dal X secolo e dal quale si domina tutta la città.

Dopo i restauri della cinquecentesca Loggia di San Giovanni, delle antistanti statue seicentesche di Ercole e Caco, della Torre dell’Orologio di Giovanni da Udine con le statue ottocentesche dei due Mori (in Piazza Libertà) e del campanile e dell’angelo della Chiesa di Santa Maria del Castello (sul colle), ora è il turno proprio del Castello in cima al colle, sede dei Civici Musei (Museo archeologico e numismatico, Pinacoteca, Galleria dei disegni e delle stampe e Museo friulano della fotografia).

A partire da questa primavera e fino alla fine del 2019 il Castello, costruito nel 1517 sulle macerie del preesistente distrutto dal terremoto del 1511, è interessato da un restauro che interessa le facciate anteriore e posteriore (comprese le parti lapidee con stemmi e iscrizioni dei luogotenenti veneziani avvicendatisi in città, gli elementi aggettanti e i fregi), lo scalone d’accesso posteriore (opera di Giovanni da Udine), la specola un tempo presidiata dal «guardiafogo» (di cui rimane poco di originale): un totale di 4.260 metri quadrati di superficie.

L’intervento dovrà tenere conto di tutti i restauri e rifacimenti precedenti nelle parti intonacate realizzati negli anni Trenta, Cinquanta e Ottanta del Novecento con materiali e caratteristiche diversi: seppur provvedendo a una ritinteggiata generale, si intende con un approccio conservativo almeno in parte storicizzarli in senso filologico rendendoli riconoscibili. Si cercherà di trovare anche una soluzione più ordinata dal punto di vista estetico per le diverse antenne telefoniche presenti sulla copertura dell’edificio, in gran parte al servizio delle forze dell’ordine.

Il costo previsto per l’operazione, che sarà in gran parte coperto dalle acciaierie Danieli, già mecenate dei restauri del Duomo, dell’angelo segnavento di Santa Maria del Castello, della Torre dell’Orologio e delle statue dei Mori e di Ercole e Caco, si aggira tra i 700mila e il milione di euro.

https://www.ilgiornaledellarte.com/articoli/udine-ora-tocca-al-castello/131167.html


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news