LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Palermo.Legge siciliana sulla semplificazione, Mazza: rischi e criticità per i beni culturali dellisola
Silvia Mazza
Blog Sicilia, 16/05/2019

In materia di tutela del patrimonio culturale e ambientale, con lapprovazione da parte dellAssemblea Regionale Siciliana della nuova legge recante Disposizioni per i procedimenti amministrativi e le funzionalità dellazione amministrativa, la Regione a statuto speciale non offre una grande prova delle potenzialità dellautonomia, proprio nel momento in cui sul tavolo del Governo di Roma ci sono le richieste delle regioni del Nord di maggiori competenze amministrative e legislative in diversi ambiti, beni culturali e ambiente compresi.

Nellottobre scorso, dalle colonne de Il Giornale dellArchitettura, avevo alzato il livello di attenzione su questennesimo tentativo di trasferire alla politica il potere decisionale su questioni tecniche, commentando il disegno di legge che era stato approvato dalla Giunta di Governo il 19 settembre precedente, col quale la Regione recepisce la cosiddetta Legge Madia di Riforma della PA (L. 124/2015 recante Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche). Un articolo prevede, infatti, che se unamministrazione regionale o locale in materia di tutela ambientale, paesaggistico territoriale, del patrimonio storico-artistico (per es. una Soprintendenza) esprime dissenso, in sede di conferenza dei servizi, nei confronti di un progetto, si può proporre opposizione dinnanzi alla Giunta.

In altre parole, viene introdotto una sorta di giudizio finale da parte dellorgano politico. Rispetto al testo approvato nel settembre scorso che non definiva il soggetto proponente lopposizione, lasciando genericamente intendere che fosse il privato stesso a poterla proporre, nella legge approvata adesso si attribuisce alla stessa amministrazione regionale o locale la facoltà di proporre opposizione alla Giunta regionale. Non un obbligo, ma una facoltà, che potrebbe però incoraggiare atteggiamenti pilateschi in funzionari prossimi ai politici. Succede, dunque, che si sottraggono gli istituti e gli enti preposti alla tutela, già pesantemente condizionati dalla politica, dai contenziosi in sede legale per i ricorsi al Tar, per rimettere, però, tutto in mano alla politica: una cosa è ricorrere nei confronti di unamministrazione, tuttaltra nei confronti della Giunta di Governo che si è assunta la diretta responsabilità della scelta qualora siano insorti dissensi.

Indicata nella Relazione introduttiva al testo di legge come una delle scelte innovative rispetto alla disciplina nazionale (la Legge Madia, infatti, non prevede un esito analogo delle conferenze dei servizi), è evidente che si intenda così dare lultima parola alla politica per decisioni che spetterebbero esclusivamente agli organi tecnici. Ci aveva già provato Crocetta che aveva trasferito alla Giunta la valutazione di compatibilità di unopera con le norme di tutela paesaggistica La Corte Costituzionale ne ha sancito poi lillegittimità (a richiederne limpugnazione era stata Legambiente Sicilia). Per un attentato al territorio stoppato, resta, però, sempre in vigore il decreto Sgarlata sui prestiti extra regionali dei capolavori identificativi della Regione, che rimette sempre alla Giunta di valutare le ragioni conservative e i profili culturali e scientifici sottesi alla richiesta di prestito. Il Governo Musumeci non è da meno.

Così depotenziate le Soprintendenze, passa in secondo piano laltro istituto che, restando al settore di nostro interesse, ha subito i maggiori interventi riformatori, questa volta in chiave positiva rispetto alla normativa statale: quello del silenzio-assenso. Mentre infatti la Legge Madia lo ha introdotto anche per le amministrazioni che si occupano della tutela ambientale, paesaggistico-territoriale, dei beni culturali, provocando ben due mozioni del Consiglio Superiore Beni Culturali (ne attendiamo una sulla devastante riforma delle conferenze dei servizi anche dallomologo Consiglio siciliano, silente su tutto) la disposizione regionale non trova applicazione agli atti e procedimenti riguardanti il patrimonio culturale e paesaggistico, lambiente.

Ecco a cosa serve lautonomia: a recepire con quattro anni di ritardo una legge dello Stato, per innovarla in modo peggiorativo.

https://www.blogsicilia.it/palermo/legge-siciliana-sulla-semplificazione-mazza-rischi-e-criticita-per-i-beni-culturali-dellisola/483611/


news

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

03-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 3 DICEMBRE 2019

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news