LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Hotel, gallerie d’arte, biblioteche La svolta profana delle ex chiese Crisi dei luoghi sacri, il dibattito: «Salvarli dal degrado: meglio l’uso sociale» Silvia Nani Navate trasformate in spazi espositivi, sacrestie in librerie, absidi diventate il peri
Silvia Nani
Corriere della Sera 11/5/2019

Crisi dei luoghi sacri, il dibattito: «Salvarli dal degrado: meglio l’uso sociale»

Navate trasformate in spazi espositivi, sacrestie in librerie, absidi diventate il perimetro di stanze da letto. Ma persino, nei casi più estremi (e quasi mai in Italia), chiese e cappelle rinate sottoforma di hotel e bar. La seconda vita dei luoghi di culto sconsacrati è ormai una realtà che forse, in tempi di crisi delle vocazioni e conseguenti soppressioni di alcuni ordini, potrebbe diventare un’urgenza, per evitare il degrado progressivo con cui un’architettura abbandonata si trova a fare i conti. Obiettivo, salvaguardare un patrimonio culturale e spirituale. Se ne è occupata lo scorso novembre la Conferenza Episcopale Italiana nel convegno dal titolo provocatorio «Dio non abita più qui?», da cui già traspare il dibattito sulla liceità o meno del cambio d’uso di un luogo che, nell’essere sconsacrato, non perde il suo valore immateriale. In realtà, alla fine, le linee guida stilate dalla Cei non si oppongono alla riconversione di questi spazi, anzi. Ma esortano a individuare finalità culturali e sociali, evitando il più possibili gli utilizzi puramente commerciali. Quindi mai luoghi «di vendita» o abitazioni?

«Era sconsacrata da molti anni. Da Napoleone, che ne fece scempio decapitando tutte le statue di santi, le traversie arrivarono al ‘900, in cui diventò un deposito di carrarmati e alla fine fu abbandonata. Pur essendo un’architettura pregevole e unica chiesa a 5 navate della città», racconta la gallerista Enrica De Micheli della chiesa cinquecentesca di Sant’Agostino, nel centro storico di Piacenza, da lei trasformata sei mesi fa con il nome «Volumnia» in galleria di antiquariato e design. La partecipazione a un bando con un progetto, e l’aggiudicazione: «Per creare uno spazio espositivo, permanente e per mostre culturali temporanee: un contenitore artistico a disposizione della città, a cui far scoprire gli oggetti creando un dialogo più intimo con il luogo», spiega. I lavori, rispettosi ma valorizzanti della struttura: «Dalla messa in sicurezza di intonaci e statue, alla pedana per l’esposizione, in resina bianca, basse e semplici per far risaltare il pavimento preesistente, ma usate anche per nascondere i tubi del teleriscaldamento». Prossimi passi saranno un bistrot nell’area esterna («Una struttura leggera con tanto vetro, perché dietro si legga l’architettura») e una libreria d’arte e letteratura nella sacrestia: «Come fosse una biblioteca, dove i volumi si potranno consultare», precisa De Micheli. Perché chiunque trovi l’occasione per entrare e fermarsi a godere del luogo.

Mario Botta

«Non mi scandalizza renderle case private ma io penso piuttosto a spazi di accoglienza»

Restituire un’architettura che era sacra alla collettività può diventare il nuovo senso da dare a queste riconversioni. L’ha fatto Tobia Scarpa con l’ex chiesa di San Teonisto a Treviso, oggi auditorium e spazio eventi grazie alla Fondazione Benetton: «L’edificio aveva perso la sua memoria mistica: non c’erano più opere d’arte e simboli religiosi, il tetto originario era stato bombardato. E il luogo in completo degrado», racconta Scarpa che, dopo il restauro conservativo, ha aggiunto gradinate, ripiegabili all’occorrenza e lampadari a led dal design contemporaneo, rendendo questo spazio vivo e fruibile. «Salvaguardando la storicità del luogo, ritengo che sia sempre lecito il recupero piuttosto dell’abbandono o delle demolizione», argomenta Scarpa. Della stessa opinione è Mario Botta, architetto autore di molti progetti di chiese, che punterebbe però su un uso di carattere sociale: «I luoghi di culto portano in sé situazioni di silenzio e meditazione. Occorre che questi valori non vadano persi: per esempio potrebbero essere riconvertiti in un’abitazione temporanea per rifugiati. Anche se sconsacrata, una chiesa rimane portatrice di memorie culturali collettive che, come tali, vanno salvaguardate attraverso riconversioni “etiche”». Eppure, soprattutto nel nord Europa e negli Stati Uniti, sono frequenti le trasformazioni di chiese e cappelle sconsacrate in hotel, bar e persino abitazioni private. Fino a che punto è lecito farlo? Botta non è contrario: «Anche se credo che su un edificio di particolare valore storico occorra astenersi da questi tipi di utilizzi. Meglio un impiego che lo restituisca alla comunità. Anche temporaneo — dice e conclude —, in ogni caso è sempre meglio evitare atteggiamenti consumistici troppo disinvolti». Come dire, sì a una cappella come casa, ma con rispetto.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news