LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA: Casina dell’Orologio un gioiello di affresco
Di Francesco De Sanctis
L’Unità, 4 settembre 2005


L’opera rinvenuta nell’ edificio di Villa Borghese risale al ‘600


UN DRAGO e un’aquila sullo stemma della famiglia Borghese e tutt’intorno rondini, rondoni, pettirossi e poi tralci e pampini di viti.

È un grande pergolato quello raffigurato nell’affresco del Seicento venuto alla luce durante i lavori di restauro del Casino dell’Orologio nel cuore di Villa Borghese che poco alla volta sta restituendo alla città tutti i suoi gioielli: la Casina delle Rose, la Casina di Raffaello che sarà presto inaugurata, la Casina Valadier, e ora anche Casino dell’Orologio. «Entro il mese di settembre Casino dell’Orologio accoglierà gli uffici della Città storica, attualmente all’Aranciera, che a sua volta ospiterà la collezione Bilotti con opere di De Chirico» ha spiegato il sindaco Walter Veltroni presentando la sensazionale scoperta.

«Quest’affresco seicentesco è la testimonianza che Roma è una scatola di gioielli infinita; ovunque si scavi si trovano preziose collezioni. Con questa scoperta vi è una rinascita della Villa e questo conferma che Villa Borghese è il parco più importante d’Europa».

«La parete era completamente bianca, poi abbiamo iniziato a liberarla ed è venuto fuori questo magnifico affresco » ha aggiunto l’assessore capitolino alla cultura Gianni Borgna. E tra due-tre anni, quando gli uffici di Città Storica saranno finalmente sistemati all’Ostiense, Casino dell’Orologio sarà la sede del Museo di Villa Borghese, un museo storico che raccoglierà le statue originarie attualmente sparse nella villa (al loro posto ci saranno dei calchi) e poi «splendidi pezzi come i Daci dei Fori di Traiano, le opere di Taddeo Landini, sculture romane e rinascimetali...», ha spiegato Alberta Campitelli, responsabile delle ville storiche della Soprintendenza ai Beni artistici e architettonici.

Non sarebbe la prima volta che Casino dell’Orologio diventa sede di un Museo.
Già nel 1797 il principe Marcantonio Borghese fece trasformare il Casino - che è uno degli edifici più antichi della Villa, tant’è che esisteva già quando il cardinale Scipione Borghese nel 1606 comprò la vigna per unirla alle altre proprietà - in sede di museo, con sculture rinvenute nell’antica città di Gabii. Allora venne aggiunto anche l’orologio, tra l’altro appena restaurato, ma non ancora regolato con l’orario di Roma, del resto come tutti gli orologi della città. Il museo restò aperto solo per dieci anni perché tutte le sculture furono vendute dal principe Camillo Borghese al cognato Napoleone, e oggi si trovano al Louvre di Parigi. Intanto andrà avanti il restauro dell’affresco rinvenuto.

«Non conosciamo l’autore delle decorazioni - ha spiegato la Campitelli - ma una indagine dell’Archivio Borghese, che ha già permesso tante scoperte, potrà forse dare presto una risposta». L’intervento di restauro potrà recuperare la quasi totalità del finto pergolato.



news

23-01-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 23 gennaio 2021

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

Archivio news