LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

La madre di Napoleone (realizzata da Canova) sarà salvata dallalga rossa
Natascia Festa
Corriere del Mezzogiorno - Campania 7/5/2019

La grande mostra al Mann e da ieri il restauro della Letizia di Capodimonte: Napoli non è mai stata tanto canoviana. Per connettersi con lArcheologico, il museo diretto da Sylvain Bellenger mette mano ai gioielli di famiglia e restaura la Letizia Remolino Bonaparte di Canova, opera in gesso acquisita nel 1808 da Murat, re di Napoli e marito della sorella di Napoleone. Lavori in presa diretta: il pubblico potrà interagire con gli esperti che useranno lagar, unalga rossa atossica.

Napoli La grande mostra al Mann e da oggi il restauro della Letizia di Capodimonte: Napoli non è mai stata tanto canoviana. O meglio lo è stata certamente quando Antonio Canova stesso fu folgorato dalla città, al tempo in cui fu ospite della nobildonna Contarina Barbarigo che gli suggerì le visite alla collezione Farnese, alla Cappella Sansevero e al museo di Portici dove fu impressionato dai bronzi ercolanesi.

Così, per connettersi con il Mann e contemporaneamente celebrare il grande artista, il museo di Capodimonte mette mano ai gioielli di famiglia e restaura la Letizia Remolino Bonaparte di Canova, opera in gesso che ha una storia interessante.

In omaggio allesposizione internazionale del Museo Archeologico racconta il direttore Sylvain Bellenger quasi dialogando con la scultorea madre di Napoleone che ha di fronte inauguriamo la mostra-focus a cura di Maria Tamajo Contarini e Alessia Zaccaria con restauro a cantiere aperto. Il ciclo in cui inserisce è LOpera si racconta . Da ieri pomeriggio gli studiosi in camice bianco lavorano alla ripulitura davanti ai visitatori. E interagiscono anche con il pubblico rispondendo a domande e curiosità. Lopera fu commissionata direttamente dalla madre di Napoleone nel 1804. Canova la ritrasse seduta su una sedia alla greca continua Bellenger avendo come modello lAgrippina. In quello stesso soggiorno romano furono probabilmente eseguiti gli studi conservati a Possagno, Venezia e Heno. Esposta alle Tuileries, lopera fu acquistata a Parigi nel giugno 1818 da William Cavendish VI duca di Devonshire e oggi è esposta a Chatsworth House. Questa di Capodimonte, dunque, è una delle quattro copie in gesso ma ciò non svilisce la sua importanza. Canova è stato il primo artista a considerare le copie dei propri marmi come opere con le stesse caratteristiche delle sculture. Solo noi contemporanei siamo ossessionati dalloriginale. Per lui i gessi erano al pari dei marmi e ne rifiniva i dettagli uno ad uno. Alla presentazione cera anche Paolo Giulierini, direttore del Mann, che ha ricordato un altro link tra Letizia e lArcheologico: Qui si trova una statua di Agrippina che certamente è stata tra i modelli di Canova. Questo restauro testimonia, se ce ne fosse bisogno, il grande livello della proposta artistica di Napoli che, in questo momento, suscita invidia anche a Firenze.

Ma come arrivò a Capodimonte Letizia ? Fu lo stesso Canova a suggerirne il trasferimento a Napoli racconta Maria Tamajo Contarini. In particolare in alcune lettere indica lalto valore didattico che lopera avrebbe potuto avere sugli studenti.

Così la scultura fu acquisita nel 1808 da Gioacchino Murat, re di Napoli e marito di Carolina, sorella minore dellImperatore Bonaparte. E fu acquistata con una delle repliche in gesso del Napoleone come Marte Pacificatore che, dato per disperso, è stato ritrovato in parte e a pezzi nei depositi dellAccademia delle Belle Arti di Napoli ed esposto nella Gipsoteca. Nel 1810 le opere erano nella stessa sala delle Regie scuole delle arti e del disegno nel Palazzo degli Studi in un allestimento che spiacque molto a Canova che lo visitò nel 1813. Troppo affastellato. Con il ritorno dei Borbone altro che celebrazione della stirpe napoleonica: Le sculture finirono in depositi secondari e solo alla fine dellOttocento confluirono in quella che era la Sala del Canova del museo archeologico, assieme a Ferdinando IV.

Nel 1957 la scultura arriva a Capodimonte dove viene sistemata nellappartamento reale e da qui, trasferita in una stanza tutta per sé: la 6 del primo piano che sarà come una sala operatoria a porte aperte fino a settembre.

La diagnostica sarà visibile work in progress negli schermi intorno allopera conclude Bellenger e consentirà di stabilire molte cose: se, ad esempio, per lintelaiatura interna siano stati usati pezzi di legno, ferro o addirittura ossa animali.

Il restauro, a cura di Marilena Anzani e Alfiero Rabbolini di Aconerre di Milano e di Augusto Giuffredi, docente allAccademia di Belle Arti di Bologna (fu lui a ritrovare il Napoleone di cui sopra) sarà eseguito con lagar, unalga rossa , totalmente atossica. Letizia dice Giuffredi in posa naturalistica a partire dallinclinazione della testa, ha una particolare fragilità in una delle mani e moltissimi pregi. Nel cuscino su cui è seduta, ad esempio, si vedono persino i buchi del filo per le cuciture.



news

24-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news