LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Milano, Palazzo Citterio. Una polemica inverosimile. I lavori approvati anche da Brera
Stefania Chiale
Corriere della Sera - Milano 7/5/2019

La soprintendente Ranaldi: si apra il museo. In dodici mesi è diventato un fantasma

Sconcerta la posizione di Brera: Palazzo Citterio è utilizzabile a museo, da subito: risponde così la Soprintendente Archeologia, belle arti e paesaggio per la Città metropolitana Antonella Ranaldi al nuovo progetto di restyling presentato da James Bradburne. Tutto, o quasi, da rifare, secondo il direttore della Pinacoteca di Brera. A un anno dalla chiusura del cantiere di restauro e a 47 dallacquisto di Palazzo Citterio da parte dello Stato, il lavoro del ministero non sarebbe adeguato. Nellaprile 2018, lapertura per tre giorni al pubblico, a marzo di questanno la consegna. Ma i problemi evidenziati dal museo sono tanti da progettare di riaprire i lavori.

Come risponde?

Mi sembra una polemica inverosimile, a lavori finiti e collaudati, con il benestare di tutte le parti in campo. Sono lavori necessari tanto da mettere in discussione lintero operato del Mibac (ministero dei Beni culturali, ndr)?

A quanto pare. Sono otto i punti deboli messi in evidenza da Bradburne.

Sconcerta questa posizione di critica. Il restauro durato due anni e otto mesi, per un importo di 9,9 milioni di euro è stato un lavoro corale, che ha coinvolto tutti gli uffici del ministero, compreso il museo di Brera, il segretariato regionale che ha appaltato i lavori e la Soprintendenza di Milano che ne ha seguito lesecuzione.

Secondo la direzione, i punti deboli furono comunicati, ma non ci fu dialogo.

Non è così. I lavori sono stati seguiti e approvati dagli stessi tecnici di Brera.

La Soprintendenza approverà il nuovo progetto di riqualificazione?

Vedremo di cosa si tratta. Per noi il Palazzo è utilizzabile a museo. Da subito.

Il mandato di Bradburne scade questestate. Aspetterete, in caso, di dialogare con la nuova direzione?

Non rispondo su questo.

Andiamo alle critiche: il solaio non consentirebbe la movimentazione delle opere né potrebbe costituire lingresso principale al museo.

Lentrata è quella storica: nel cortile. I progettisti hanno studiato il sistema in modo che lingresso delle opere avvenga da lì.

La nuova scala non costituirebbe unentrata idonea.

Questo è un commento personale.

Il montacarichi sottodimensionato?

La Pinacoteca ha un montacarichi? No, eppure di opere grandi ce ne sono.

Il dispositivo di allarme ad altezza dei quadri?

Limpiantistica è stata seguita direttamente dai tecnici di Brera.

Parte delle sale sarebbero state trattate con un restauro storico non fruibile per un uso museale.

Palazzo Citterio è un palazzo storico, restaurato e reso adatto alluso. È il suo valore. Non parliamo di un museo ex novo. Si faccia funzionare il tutto. In altre parole, diventi un museo: su questo bisogna lavorare, non annullando quanto fatto finora secondo il progetto vincitore del concorso. Attendiamo che il museo venga aperto. Già questi 12 mesi trascorsi a porte chiuse, a lavori ultimati, lo hanno reso un fantasma. È ora di restituirlo a Milano.



news

29-05-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 29 maggio 2020

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

Archivio news