LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Libri, Zecchino denunciato:non sono il nuovo DellUtri
Titti Beneduce
Corriere del Mezzogiorno - Campania 27/4/2019

Il sospetto è che nella biblioteca del Centro studi normanno di Ariano Irpino, fondato 30 anni fa dallex ministro dellIstruzione Ortensio Zecchino, siano finiti libri antichi trafugati dallaltra biblioteca cittadina, quella comunale intitolata a Pasquale Stanislao Mancini. Per questo motivo la Procura di Benevento ha iscritto Zecchino nel registro degli indagati con le accuse di ricettazione e riciclaggio. Nei giorni scorsi i carabinieri specializzati nella tutela dei beni culturali hanno perquisito a lungo la biblioteca del Centro studi normanno, sequestrando 27 volumi. Zecchino si difende: Ora non fate di me un nuovo caso DellUtri.

NAPOLI. Il sospetto è che nella biblioteca del Centro studi normanno di Ariano Irpino, fondato 30 anni fa dallex ministro Ortensio Zecchino, siano finiti libri antichi trafugati dallaltra biblioteca cittadina, quella comunale intitolata a Pasquale Stanislao Mancini. Per questo motivo la Procura di Benevento ha iscritto Zecchino nel registro degli indagati con le accuse di ricettazione e riciclaggio.

Nei giorni scorsi i carabinieri specializzati nella tutela dei beni culturali hanno perquisito a lungo la biblioteca del Centro studi normanno, sequestrando 27 volumi: presentano infatti, come scrive nel decreto di sequestro il pm Marilia Capitanio, elementi di compatibilità e corrispondenza con alcuni dei testi scomparsi nel 2015. Zecchino, appassionato bibliofilo oltre che ministro dellUniversità e della Ricerca tra il 1998 e il 2001, smentisce categoricamente che i libri sequestrati dai carabinieri siano quelli scomparsi dalla biblioteca Mancini. Lavvocato che lo assiste, Vincenzo Regardi, ha discusso già ieri al Riesame il ricorso per il dissequestro. Tra oggi e lunedì i giudici dovrebbero depositare in cancelleria lordinanza con la decisione.

Il furto nella biblioteca comunale di Ariano Irpino avvenne nel marzo del 2015 e suscitò, comè comprensibile, grande indignazione in città. Ci furono polemiche anche perché non fu il sindaco, Domenico Gambacorta, a rendere pubblico il furto, ma gli organi di stampa. Il professor Giovanni Maraia, fondatore dellassociazione Ariano in movimento, che sarebbe scomparso lanno successivo, indirizzò a Gambacorta una lettera dai toni molto duri, denunciando lincuria per i beni culturali: Esprimiamo il nostro disappunto per la sottrazione di centinaia di libri antichi dalla biblioteca Mancini del Comune di Ariano. Doveva essere lei a darne notizia alla collettività arianese e non i giornali. Le chiediamo di rendere pubblico lelenco dei libri antichi mancanti e di informare la collettività arianese sui sistemi di sicurezza adoperati (allarmi, video sorveglianza interna ed esterna eccetera) a protezione dei libri antichi e dellintera biblioteca. A noi risulta che la biblioteca Mancini manchi del pur minimo sistema di protezione interno ed esterno. Nella stessa condizione viene a trovarsi il Museo della Ceramica, i cui oggetti darte, forse, non sono catalogati e la loro custodia è affidata, per poche centinaia deuro, ad unassociazione privata e non a dipendenti comunali. Con molta probabilità, la sciatteria della sua amministrazione, riguardo alla cura e protezione della biblioteca Mancini, ha favorito la sottrazione dei libri antichi. Attendiamo di essere smentiti e di sapere da lei che la biblioteca Mancini e il Museo della ceramica sono, oltremodo, protetti.

Cè dunque molta attenzione sullinchiesta della Procura di Benevento e sulle valutazioni che farà il Riesame. La vicenda ricorda quella della biblioteca dei Girolamini di Napoli saccheggiata negli anni scorsi, con il prelievo illegale di centinaia di libri. Per questa vicenda lex direttore della biblioteca, Marino Massimo De Caro, è stato condannato in via definitiva a sette anni di reclusione per concorso in peculato, mentre si sta ancora svolgendo il secondo processo in cui a De Caro è contestata lassociazione a delinquere. Tra gli imputati (accusato di peculato) figura anche lex senatore di FI Marcello DellUtri, che secondo laccusa ha ricevuto da De Caro 14 libri, tutti restituiti a eccezione di una rara copia dellUtopia di Tommaso Moro: lex senatore sostiene che non si trovi più. Secondo la Procura, De Caro era stato nominato direttore della biblioteca proprio per prelevarne i volumi più pregiati da consegnare allamico politico. La posizione di DellUtri in un primo momento era stata stralciata. Successivamente i magistrati avevano chiesto e ottenuto dal Senato lautorizzazione a utilizzare le intercettazioni telefoniche.



news

24-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news