LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Grande progetto Unesco. Cento milioni dal 2007, spesi poco più di undici
Vincenzo Esposito
Corriere del Mezzogiorno - Campania 21/4/2019

Il dossier dellUnione europea: Il Comune non apre i cantieri

Napoli La questione Incurabili è solo la punta delliceberg. La procura di Napoli ha aperto unindagine conoscitiva per capire perché i fondi stanziati dallUnione europea non siano stati usati per restaurare il complesso monumentale di Caponapoli che pure ne aveva un bisogno urgente. E infatti si sono verificati crolli, crepe e il cedimento del pavimento della chiesa di Santa Maria del Popolo. Oltre alla chiusura della storica Farmacia con fessure larghe un centimetro nel calpestio maiolicato. Cinque anni fa il Comune approvò il progetto che aveva ottenuto un finanziamento di 3,5 milioni dallUnione europea con fondi Fesr 2007-2013. In un opuscolo fatto stampare dalla Regione nel 2012, quando governatore era Stefano Caldoro, è scritto: intervento previsto per il recupero della Farmacia e degli spazi adiacenti. Ovviamente nulla è stato fatto.

Lintervento sugli Incurabili faceva parte del grande progetto di valorizzazione del sito Unesco, con cento milioni di euro stanziati. A distanza di dodici anni quale è la situazione? Basta chiedere allUnione europea. Nella relazione sui lavori nel centro storico di Napoli, attualmente sulla scrivania del Dipartimento Sviluppo e coesione della Ue, le cifre sono impietose. A cominciare da quelle generali: finanziati cento milioni e spesi (importo liquidato) 11.964.592,55.

I dati vengono accompagnate dalla dicitura: Il grande progetto Unesco ha una sorte simile a quella del Gp Napoli-est: un progetto sbagliato sul nascere, perché - come laltro - frutto della volontà di mettere assieme un numero elevato di interventi per cumulare un importo tale da giustificare leleggibilità a N+3: ossia avere un anno in più per completarlo.

E poi si specifica: I cittadini di Napoli hanno già perso 100 milioni di euro. Questi soldi erano disponibili nella scorsa programmazione, ma dal momento che il soggetto attuatore - il Comune di Napoli - non è stato in grado di aprire i cantieri, e alla fine della programmazione per non perdere i fondi la Regione li ha destinati altrove. E per questo la Regione Campania è riuscita a far rifinanziare lintero progetto della nuova programmazione. La notizia è del mese scorso ma questo non toglie nulla allevidenza che solo impegnando risorse fresche forse si riusciranno a completare interventi che già avrebbero dovuto essere completati. E poi, prima dellelenco dei progetti, si sottolinea: Probabilmente per alcuni di questi interventi nemmeno la riprogrammazione sarà sufficiente.

Gli impegni di spesa sono: insula Duomo, 4 milioni (completato); Cappella Pignatelli, 700 mila euro (completato). Da completare Santa Maria Maggiore, 1,3 milioni di euro; Santa Maria Colonna, 1,5; San Paolo Maggiore, 4 milioni.

Poi i novanta milioni ancora da spendere sono per: Castel Capuano, consegna parziale; Santa Maria della Pace, progettazione in corso; Insula del Duomo, collaudo in corso; complesso dei Gerolomini, lavori in corso; San Lorenzo Maggiore, gara da indire. E molti altri cantieri mai partiti. In tutto ventotto interventi i cui finanziamenti scadranno nel giugno 2020. Ma per intervento del ministro dei Beni culturali Bonisoli saranno sicuramente prorogati fino al 2023. Bisogna vedere nei quattro anni che restano il Comune di Napoli riuscirà ad aprire i cantieri per la riqualificazione urbana, cosa che non è riuscito a fare dal 2007 a oggi. Inutile sottolineare che con un patrimonio monumentale che cade a pezzi, vedi appunto Incurabili e molte altre storiche chiese, è singolare che non si riesca a progettare interventi di restauro e recupero, visto che i fondi ci sono e che lapertura dei cantieri potrebbe portare lavoro e sviluppo, oltre a riqualificare un tesoro storico che poche città hanno.

In teoria lindagine conoscitiva aperta dalla procura sul mancato intervento al complesso degli Incurabili potrebbe essere allargato a gran parte dei siti grande del progetto Unesco.

Nei mesi scorsi è arrivata anche una lettera con richiesta di chiarimenti da parte dellUnesco. La firma è di Mechtild Rössler, direttore della divisione Patrimonio culturale in cui si chiede alle autorità italiane se sia stato rispettato il paragrafo 174 delle Operational Guidelines for the Implementation of the World Heritage Convention, cioè della convenzione per il recupero e la tutela di un patrimonio culturale del mondo. LUnesco - spiega Antonio Pariante del Comitato Portosalvo - chiede di assumere informazioni sugli esiti del cosiddetto Grande Progetto. La città non ci fa una bella figura.



news

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

25-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

Archivio news