LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Notre Dame, la «grandeur» e il nostro senso dello Stato
Gianni Farinetti
Corriere della Sera - Torino 21/4/2019

Pasqua un tantino indignata. Non per la Santa Pasqua in sé, piuttosto per l’incendio di Notre Dame. Eravamo tutti lì davanti al televisore attoniti, addolorati e già nei nostri talk show partivano a caldo stravaganze di ogni. Sappiamo che questi «contenitori» (come fossero appunto dei container zeppi di merce da spedire in giro per il mondo) devono oltre a dare la notizia commentarla, rivoltarla, darle un senso (come se ci fosse un senso) e a volte a l’è düra far passare quella mezz’ora, un’ora tra opinionisti, esperti, gente che va e gente che viene come nei grand hotel di una volta.

Così abbiamo assistito a varie amenità su, ad esempio: 1) le nostre origini cristiane, 2) il papa non s’è fatto vivo, 3) la grandeur — detto con la solita nota invidiosetta — dei nostri cugini d’oltralpe, 4) massì, non è una gran perdita, in fondo era un falso. Ecco, sempre ad esempio, se il Borgo Medievale del Valentino andasse a fuoco, massì, un bel rogo, in fondo era un pugno in un occhio, una stranezza valdostana sul Po, un falso storico fra i più compiaciuti. Eppure nel 1884 l’Esposizione generale italiana chiamò i più grandi ingegneri e architetti — il termine archistar non era stato ancora coniato, ma già ci stavamo lavorando — dell’epoca per disegnare un enorme, stupefacente parco divertimenti commerciale come mai s’era visto in Europa. Sul revival del neogotico, stile che fa storcere il naso ancora adesso, ma che aveva, come si è visto nel tempo, un suo perché.

Si dirà, meglio fosse bruciato il Borgo Medievale che la cupola della Sindone, certo, ma perché star sempre lì a far astruse competizioni, nostro sport nazionale? Juve contro Toro, Palermo contro Catania (ma anche Bra contro Alba, Saluzzo contro Savigliano, Callianetto contro Castell’Alfero eccetera), Barbara D’Urso versus Mara Venier. Evidentemente ci piace così, e comunque la Sindone ce l’ha fatta (in una ventina d’anni ma ce l’ha fatta) e il Borgo Medievale piaccia o non piaccia è sempre al suo posto.

Viollet-le-Duc, l’architetto più celebre del suo tempo, seguì il restauro di Notre Dame ormai fatiscente e ideò la «Flèche», la guglia alta 45 metri che qualche sera fa abbiamo visto piegarsi e rovinare nell’incendio. La storia della guglia è nota, la prima era stata costruita nel 1250, poi demolita per ragioni statiche a fine Settecento. Nel 1860 Viollet-le-Duc la ridisegna ispirandosi al grande gotico delle cattedrali francesi. Un falso? Macché, una straordinaria invenzione. In fondo (questa l’ho presa da Wikipedia perché non la sapevo) John Newenham Summerson uno dei più importanti storici dell’architettura inglesi, aveva dichiarato: «Ci sono stati due supremi teorici della storia dell’architettura in Europa, Leon Battista Alberti ed Eugène Viollet-le-Duc». Per dire.

L’altra sera abbiamo visto i cugini l’oltralpe pragmaticamente fregarsene delle teorie vero/falso, stringersi intorno a uno dei loro simboli più forti, decidere calcolatrice alla mano tempi e denari per la ricostruzione e noi abbiamo riattaccato allegramente con la grandeur. Forse per nascondere ancora una volta che loro sì hanno il senso dello Stato e delle Istituzioni, sui quali noi siamo un tantino carenti e da mo’.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news