LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torlonia, revoca del sequestro
Fulvio Fiano
Corriere della Sera - Roma 20/4/2019

Il Tribunale civile ha revocato il sequestro del patrimonio da quasi due miliardi di euro, chiesto e ottenuto lo scorso novembre da Carlo Torlonia contro i fratelli Giulio, Paola e Francesca, dopo la sua esclusione dal testamento. Secondo i giudici non sussiste il rischio che il patrimonio vada disperso.

Cambio di scenario nella guerra tra gli eredi Torlonia. Il sequestro del patrimonio da quasi due miliardi di euro, chiesto e ottenuto lo scorso novembre dal primogenito Carlo contro i fratelli Giulio, Paola e Francesca, è stato ieri revocato dai giudici dell’ottava sezione del Tribunale civile perché non sussiste, a loro giudizio, il rischio che vada disperso.

La faida si è aperta nel dicembre 2017 alla morte del principe Alessandro ed è sfociata anche in una denuncia in procura. Carlo, che il padre meditava di far dichiarare «indegno» (agli atti ci sono diverse lettere in cui il principe chiedeva al primogenito conto «dell’odio feroce che nutri verso la tua famiglia» e lo accusava di aver «calpestato il nostro onore») viene escluso dal testamento (salva la quota di legittima) a favore dei suoi tre fratelli. E come esecutore delle volontà viene indicato Alexander Poma Murialdo, figlio di Paola. Partono così i ricorsi del figlio escluso, che ottiene inizialmente ragione. I giudici dispongono il sequestro cautelativo del Palazzo Torlonia di via della Conciliazione, del complesso immobiliare denominato Villa Torlonia, già Villa Albani, di Villa Delizia Carolina, dei terreni e della sconfinata collezione di statue e marmi (valore di questi ultimi almeno 600 milioni). Secondo Carlo Torlonia, assistito dall’avvocatessa Adriana Boscagli, i beni sarebbero stati addirittura prossimi all’alienazione. Una circostanza oggi smentita dal nuovo pronunciamento dei giudici.

Nelle loro motivazioni, il sequestro viene revocato sia per l’insussistenza di presunte violazioni di diritto che per il ventilato rischio di danni irreparabili al patrimonio. Sul primo punto, così scrive il collegio presieduto da Eugenio Curatolo, accogliendo la tesi sostenuta tra gli altri dall’avvocato Alessandro Turco, che assiste Giulio Torlonia (ricorrente assieme agli altri due fratelli) : «Allo stato, la dedotta lesione della quota di legittima non è suffragata da sufficienti elementi di prova, apparendo, al contrario, difficilmente ravvisabile». Anzi, aggiungono i giudici, «con il testamento sono state attribuite a Carlo Torlonia quote di beni in misura superiore alla quota di 1/6 spettante come legittima». E in ogni caso, se anche il sequestro venisse accolto, questi «non sembrerebbe poter comportare una “restituzione” di beni ovvero una reintegrazione in natura dei propri diritti, essendo ben più probabile un mero conguaglio in denaro». Quanto alla conservazione dei beni nella loro interezza e valore sono una garanzia sufficiente, secondo la corte, l’inventario completo di quelli materiali e il provvedimento di sospensione su ogni fusione societaria già adottato dal tribunale.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news