LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Agrigento. Beni culturali, la Regione vuole scongiurare altre "Notre Dame"
Agrigento notizie, 17/04/2019

Beni culturali a rischio, la Regione Siciliana corre ai ripari. Il presidente Nello Musumeci, ad interim anche assessore ai Beni culturali ha infatti dichiarato ieri all'agenzia di stampa "Adnkronos" che è "in Sicilia abbiamo tantissimi beni culturali che sono sprovvisti di sistemi di sicurezza. Anche questa è una emergenza che va affrontata insieme alle tante altre dell'isola". Il contesto della valutazione è ovviamente quello dei fatti di Parigi e del devastante incendio propagatosi all'interno della chiesa di Notre Dame.

"La prossima settimana - ha continuato Musumeci - riunirò i dirigenti dei Beni culturali e della Protezione civile per capire come possiamo cominciare ad attrezzare i luoghi di particolare vulnerabilità, penso in prima battuta e quelli arredati con legno e stoffe, per affrontare eventuali emergenze. C'è da fare un lavoro di ricognizione vastissimo. Ci vorranno anni ma dobbiamo cominciare. A volte le tragedie servono a mettere l'accento su temi che spesso consideriamo secondari o sui quali non abbiamo mai posto attenzione particolare".

Una situazione che riguarda potenzialmente anche Agrigento, con riferimento soprattutto alle chiese, in larga parte con soffitti lignei. "Un bene culturale è di per sé qualcosa di debole, che necessita di cura, assistenza, e vigilanza dice il responsabile del Beni culturali dellArcidiocesi e parroco della Cattedrale, don Giuseppe Pontillo -. Noi, ad esempio, abbiamo un protocollo per il servizio di manutenzione ordinaria e straordinaria. Facendo bene quella il patrimonio può essere preservato, ma non significa ovviamente che le cose imprevedibili non possano comunque accadere".

Pontillo, inoltre, esclude la coesistenza all'interno di chiese aperte al culto - anche quelle di maggior valore storico - di sistemi di allarme antincendio. No, direi di no - commenta -. Perché innanzitutto allinterno sono preservati beni delicati come tele, quadri e altre opere che potrebbero essere danneggiati dallacqua prima ancora che dal fuoco o dal fumo, e poi perché dentro le chiese che sono aperte al culto si accendono candele, si accende incenso, e questo potrebbe portare a falsi allarmi. Gli esperimenti fin qui fatti, anche se non ad Agrigento, hanno finora dato risultati negativi. In strutture come il Mudia, invece, abbiamo un allarme antincendio, ovviamente, mentre in altri beni, come la Cattedrale di San Gerlando essenziale è ovviamente il servizio di vigilanza fatto dal nostro personale in modo continuativo. Del resto due sono gli elementi imprevedibili che possono provocare un danno: il fattore umano, e quello puoi cercarlo di limitare con la sorveglianza, e il caso fortuito, come un corto circuito o un fulmine e contro quelli puoi fare relativamente poco.

https://www.agrigentonotizie.it/cronaca/notre-dame-agrigento-beni-culturali-chiese-rischio-incendio-aprile-2019.html


news

10-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 10 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

Archivio news