LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Torino, Leonardo. Il capolavoro è un malato cronico affetto da foxing ed è destinato a scomparire
P. Mor.
Corriere della Sera - Torino 16/4/2019

Un malato cronico. Giuseppina Mussari, direttrice della Biblioteca Reale, dove è abitualmente conservato il celebre Autoritratto, definisce così lopera al centro della grande mostra inaugurata ai Musei Reali. Tutte le precauzioni prese per esporre quel disegno, infatti, sono dovute alla sua condizione molto delicata, che ha indotto i conservatori ad adottare disposizioni di sicurezza maggiori rispetto ad altre opere. LAutoritratto, infatti, sta subendo un processo chiamato foxing. Si tratta di fenomeni di ossidazione che colpiscono la carta, causando delle macchie brune, forse provocati da funghi, sebbene esistano diversi studi sulle ragioni di questa malattia. La cosa certa è che il fenomeno, allo stato attuale delle conoscenze tecniche, non si può eliminare. Il foglio è abbastanza fragile spiega Mussari perché questo fenomeno si è attivato in tempi non recenti ed è già testimoniato dalle prime riproduzioni fotografiche. Nel corso della sua storia, il disegno è stato esposto senza troppa cura, anche perché le conoscenze in materia di conservazione sono una conquista relativamente recente. In passato è stato esposto più del necessario, soprattutto in epoca fascista, quando è stato nella direzione della biblioteca allinterno di un quadro, sotto vetro. Non sono stati anni favorevoli alla sua conservazione. Tutte le cautele adottate, poi, sono arrivate fuori tempo massimo, anche se finora hanno consentito di allungare la vita del disegno, che sembra comunque destinato, prima o poi, a scomparire del tutto, soffocato dalle macchie che si allargano sulla carta che lo ospita. Per questo tipo di problematiche aggiunge Mussari sono da tenere sotto controllo la temperatura e lumidità, che devono essere stabili, ma vanno anche evitate le esposizioni a sorgenti luminose che superino i 35 lux. Bisogna considerare che, in genere, i lux massimi consentiti in questi casi sono 50, ma abbiamo deciso di restare su un livello più basso. Per avere unidea del tipo di illuminazione necessaria per danneggiare lopera anzi, per non accelerarne il deterioramento basti considerare che allinterno di un ufficio ben illuminato si stimano circa 400 lux di flusso luminoso. Motivo per cui la sala in cui è esposto lAutoritratto appare piuttosto buia, così come loriginale collocazione nella Biblioteca Reale, e vanno assolutamente evitate le foto con il flash. Non cè nulla di acuto prosegue la direttrice ma sono processi da tenere sotto controllo. Facciamo campagne fotografiche ripetute e usiamo tutte le cautele di cui siamo a conoscenza, come ad esempio evitare le esposizioni prolungate e lasciare al disegno un periodo di riposo, la cui prescrizione è di tre anni. Un periodo che, se rispettato appieno, impedirebbe altre esposizioni come si ipotizzava. Ma esistono altri modi ed è chiaro che un lungo viaggio, ad esempio, sottopone il disegno a uno stress diverso rispetto allesposizione in sede. Ci sono varie possibilità per graduare la fruizione. Ma servirà un compromesso e tutto dipenderà dai risultati delle ultime analisi. Lipotesi è una esposizione a rotazione, alternando pochi giorni di accesso al pubblico a un periodo di riposo. Al momento conclude Mussari la sede più consona per il disegno è la Biblioteca, salvo diversa determinazione del Mibac, ma ciò non toglie che, per quanto gli spazi siano altri rispetto alla Galleria Sabauda, si possa pensare un accesso in differenti momenti dellanno.



news

20-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news