LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Acqua alta a San Marco, test ok. Il mini Mose salva la Basilica
Elisa Lorenzini
Corriere del Veneto 14/4/2019

Acqua alta a San Marco ma la Basilica resta allasciutto. Merito delle nuove protezioni a valvola, il cosiddetto Mini Mose, testate proprio ieri sera. Per la prima volta dal 66 il Nartece si è salvato.

VENEZIA. La marea ha raggiunto il livello critico poco prima che gli invitati arrivassero in Basilica per il concerto. Ma le speciali valvole (con palloni sotterranei che si gonfiano) installate i mesi scorsi hanno bloccato laccesso dellacqua ai cunicoli dellarea intorno.

Ieri sera per la prima volta dal 1966, la basilica di San Marco, con i suoi quasi mille anni di storia, 8500 metri quadrati di preziosi mosaici e 5,5 milioni di visitatori annui, è rimasta allasciutto con una marea di 65 centimetri. E con lei il pubblico del concerto organizzato in occasione del convegno San Marco la Basilica del Terzo Millennio.

Ieri per la prima volta è stato attivato il nuovo sistema di protezione ribattezzato mini-Mose anche se non ci assomiglia progettato dalla Procuratoria di San Marco e realizzato dal Provveditorato alle opere pubbliche: alle 13.30 con la marea minima a 12 centimetri, sono state azionate le valvole e alle 20.40 con la massima il nartece era asciutto. I cunicoli vengono bloccati per lacqua in risalita fino a 88 centimetri, mentre in caso di pioggia si attiva un sistema di pompe. Il nartece è il punto più basso in assoluto, con i suoi 64 centimetri sul livello del mare viene invaso dallacqua alta in media 180 volte lanno per 900 ore totali, (la basilica invece è stata invasa solo quattro volte dal 66, lultimo a ottobre).

Il progetto è costato 2 milioni di euro, di cui un milione per il sistema vero e proprio. Da questa tecnologia ora si partirà per realizzare il più ampio progetto di impermeabilizzazione dellintera piazza San Marco fino a quota 110.

Lacqua per la basilica ha effetti devastanti. Sale in altezza per imbibizione e deposita sali che provocano distaccamenti nelle murature, è arrivata a intaccare i mosaici nel nartece fino a 4,5 metri di altezza spiega il proto di San Marco Renzo Piana i sali cristallizzando degradano il materiale lapideo provocando sgretolamenti e distaccamenti. Lultimo danno è alle quattro colonne del portale a fianco di quello di San Clemente. Lacqua ha ossidato i perni metallici del basamento che a loro volta hanno fratturato il marmo con il rischio che crolli tutto. Per questo è stato necessario realizzare una cerchiatura in resina e sta iniziando lintervento per sollevare le colonne e sostituire il basamento. Ora a preoccupare di più sono alcune colonne della porta principale in facciata. Stiamo sfiorando il problema della staticità ha spiegato Piana. Anche lantica cripta non se la passa bene: nel 1966 si è rischiato il totale allagamento e il crollo per la pressione dellacqua. Lallagamento dello scorso ottobre ha fatto partire un progetto di messa in sicurezza per bloccare lacqua fino a 190 centimetri dal rio della Canonica. È un sistema che prevede di isolare gli scarichi dellacqua piovana e installare paratoie, ha detto Pierpaolo Campostrini procuratore di San Marco.

Non è solo questione di acqua alta. La basilica si inclina di 0,2 millimetri ogni dieci anni verso rio della Canonica e il peso dei suoi 900 anni si fa sentire. Il grande arco del rosone della parete sud è fessurato a ragnatela e a breve inizieranno i lavori di restauro: probabilmente sarà realizzata una struttura in acciaio per sostenere la volta e resistere anche con i terremoti.

Le preoccupazioni per la salvaguardia della basilica sono state il fil rouge degli interventi nel convegno di Palazzo Dicale, occasione per presentare il volume del proto onorario Ettore Vio La basilica di San Marco arte, storia, conservazione. È tempo di prendere forti decisioni, San Marco accoglie tutti e vogliamo continui a farlo, ha detto commosso il primo procuratore Carlo Tesserin. Il patriarca Francesco Moraglia ha parlato della basilica come di bellezza unica ma fragilissima, mentre per il sindaco Luigi Brugnaro ha detto: E lesempio della grande resilienza di questa città che vuole farcela. Ma qualcuno ci informi sui tempi di realizzazione del Mose. Il sottosegretario Vincenzo Zoccano ha ricordato che il Presidente del Consiglio Conte è già stato messo al corrente dei problemi della basilica.



news

20-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 20 settembre 2019

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news