LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Danni al Teatro Rossi, denunciati"
Eleonora Mancini
La Nazione - Pisa 10/4/2019

Pugno duro della Soprintendenza contro gli abusi alla struttura.

Pisa - Teatro Rossi: seconda puntata, seconda denuncia. Dopo quella del 2012, quando il Teatro di Piazza Carrara, di proprietà del Demanio, fu occupato abusivamente, adesso arriva la denuncia penale per danneggiamenti, depositata ieri ai Carabinieri di Pisa dal soprintendente Andrea Muzzi. La situazione è gravissima ha detto ieri il soprintendente a La Nazione -, queste persone sono in regime di occupazione e adesso siamo di fronte ad abusivi che stanno danneggiando un bene storico-artistico. Sono contro la legge e stanno agendo contro la legge tuona ancora Muzzi che prevede che chi esegue interventi allinterno di un bene sia autorizzato e abbia titolo a farlo. Loro sono abusivi e stanno agendo come quei medici che curano le persone senza avere titoli, lauree o abilitazioni professionali e autorizzazioni. La denuncia presentata ieri ai Carabinieri è ampiamente documentata, spiega il soprintendente, dalle fotografie pubblicate su facebook dagli autori degli interventi e dallarticolo pubblicato da La Nazione.

Martedì erano apparse sulla pagina facebook del Teatro Rossi alcune fotografie con giovani impegnati nel restituire dignità, scrivono, a quello spazio, attraverso lavori di stuccatura e imbiancatura. Una dignità del tutto arbitraria perché frutto, a quanto sembra, non di un progetto redatto da restauratori titolati e regolarmente autorizzati, ma da giovani armati soltanto da buona volontà e ignari dei principi di restauro di beni storico-artistici e del Codice dei Beni Culturali. A forza di scrostare siamo arrivati a vedere noi cosa cera sotto gli strati di intonaco, scrivono alcuni di loro, lamentando le condizioni pietose di stanze e foyer. Tutta colpa dellabbandono a cui il Teatro è stato lasciato in questi lunghi anni, secondo i volenterosi occupanti. Un abbandono, però, cui le istituzioni preposte alla tutela non hanno potuto rimediare da quando il Teatro è occupato e da quando, nonostante la denuncia pendente da anni, le autorità competenti non hanno provveduto a ripristinare la legalità di quel luogo. Nel Teatro spiega Muzzi non può essere fatto nulla finché il Demanio non ne ritorna in possesso. La Regione aveva manifestato interesse a utilizzare la struttura per spettacoli e si erano avviate le pratiche per il passaggio dal Demanio. Ma tutto si arenò perché era impossibile trasferire il bene essendo occupato. Impossibile anche linteresse di investitori o mecenati finché la struttura resta occupata.

Ma cè di più, perché gli stessi occupanti fanno presenti situazioni di pericolo allinterno della struttura già dichiarata inagibile da una commissione di esperti: Il pericolo è per chi occupa e per chi queste persone fanno entrare denuncia Muzzi . Noi capiamo la buona volontà di far vivere un bene come il Teatro Rossi, ma esistono dei limiti e delle regole. Non si può andare oltre la legge.

https://www.lanazione.it/pisa/cronaca/teatro-rossi-rischi-danni-1.4534843


news

24-06-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 24 giugno 2019

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

18-09-2018
Il Ministro Bonisoli: abolire la storia dell'arte

16-09-2018
Le mozioni dell'VIII Congresso Nazionale di Archeologia Medievale

14-09-2018
Manifesto della mostra sulle leggi razziali e il loro impatto in un liceo triestino.La censura del Comune

12-09-2018
Bando Premio Silvia Dell'orso: il 30 settembre scadono i termini per candidarsi

03-09-2018
Appello per la salvaguardia dellArchivio e del patrimonio culturale delle Acciaierie di Piombino

24-08-2018
A due anni dal terremoto in centro Italia

08-08-2018
Comitato per la Bellezza. Altro palazzone di 6 piani in piena riserva naturale del Litorale romano

24-07-2018
Da Emergenza Cultura: San Candido (BZ), uno sfregio che si poteva e doveva evitare

21-07-2018
Inchiesta de "L'Espresso" di Francesca Sironi: Il ministro Alberto Bonisoli e la scuola offshore

20-07-2018
Associazione Nazionale Archeologi. MIBAC: il titolo non è unopinione!

08-07-2018
Su Eddyburgh un intervento di Maria Pia Guermandi sull'Appia Antica

13-06-2018
Disponibile la relazione di Giuliano Volpe sull'attività del Consiglio Superiore

12-06-2018
Lettera aperta al Sig. Ministro dei Beni Culturali dott. Alberto Bonisoli: Per un futuro all'archeologia italiana

04-06-2018
Dalla rete: sul nuovo governo e sul nuovo ministro dei Beni culturali

Archivio news