LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

A Torino accadevano cose e cera chi le raccontava, ma la benzina ora è finita
Davide Ferrario
Corriere della Sera - Torino 10/4/2019

Bello leggere ieri sul Corriere Torino lintervento di Antonella Parigi, assessore alla Cultura della Regione (in scadenza). Bello perché a parte la (legittima) polemica politica verso le scelte del Comune di Torino Antonella Parigi propone un discorso da operatrice culturale a tutto campo, il mestiere che faceva prima di prendersi lonere dellassessorato. Alla Parigi dobbiamo linvenzione del Circolo dei Lettori, per dirne una. Il suo intervento è la lucida e malinconica radiografia di una situazione di stallo conclamato, se non proprio di declino. Ma la mia opinione personale è che anche i suoi ragionamenti sono in parte vittime di un equivoco in cui da anni cade la politica torinese. Parigi ha ragione quando dice la parola cultura è scomparsa dal dibattito cittadino. Ma non mette in discussione lassioma per cui cultura e turismo debbano viaggiare insieme. Anzi, imputa al Comune laver separato le due deleghe, creando una situazione in cui, da città che attraeva i turisti per la cultura, siamo passati a essere una città che attrae visitatori per lenogastronomia (e per Cristiano Ronaldo ma qui la politica non centra).

Ora, il mio mestiere è produrre cultura: e sono felice che 15 anni fa un film come Dopo mezzanotte, premiato e venduto in tutto il mondo, abbia contribuito a far conoscere Torino e ad attirare visitatori al Museo del Cinema. Ma si tratta di due fatti completamente slegati luno dallaltro. Il teorema in auge da più di un decennio secondo cui la cultura andrebbe finanziata perché porta turisti è probabilmente vero nei fatti, ma assurdo nella sostanza. La cultura andrebbe finanziata semplicemente perché è cultura, anche quando è in perdita, perché è un investimento sul futuro dei cittadini. Perché senza cultura la vita peggiora: e dio sa quanto tutto questo è drammaticamente vero oggi. La cultura e la bellezza sono valori in sé, ma da decenni si ha paura di dirlo apertamente. Anzi, è diventato quasi una vergogna difenderle a meno che servano a qualcosa. Tipo attirare turisti. Ma, onestamente, chissenefrega della ragione per cui i turisti vengono qui. Son fatti loro, basta che spendano sul territorio. E da quel punto di vista cioccolatai e trifolai (sia detto col massimo rispetto) sono meglio dei poeti e degli artisti. Che è appunto il nodo su cui si sta aggrovigliando la questione, come se il valore della cultura dipendesse da quanto è attrattiva.

Il che mi porta al secondo punto cruciale della faccenda. È vero che a Torino, rispetto a una dozzina di anni fa, manca energia, come scrive Parigi. Ma il fatto è che la scena artistica e sociale di allora funzionava proprio perché era spontanea in maniera molto superiore a oggi. Non credo che i Subsonica scrissero Il cielo su Torino perché pensavano di portare i torpedoni sotto la Mole, ma perché si sentivano parte di una comunità in movimento, che esprimevano con la loro musica. E così hanno fatto tutti gli artisti che in qualche modo hanno contribuito a creare quellimmaginario torinese che si è diffuso in Italia e nel mondo. Sia chiaro: nulla di questo sarebbe successo se non ci fosse stata, a metà dei Novanta, una generazione di politici con una visione. Anzi, la funzione della politica è proprio quella di fornire unopportunità ai creativi perché si inventino delle cose. Ma quando la politica comincia a usarli, legando cultura e turismo, per esempio, ottieni la crisi di oggi: che non è nei numeri, ma nella qualità. Sta nella differenza tra i Murazzi di una volta e la movida di San Salvario e Vanchiglia; o nella domanda posta proprio su queste pagine sul perché Torino, la città del cinema, è scomparsa dallimmaginario globale sugli schermi. Potremo anche riempire il Lingotto col prossimo Salone del Libro (dio e Lagioia ce lo conservino), ma questa era la città degli editori e degli scrittori. E non dico di guardare indietro al tempo di Einaudi, Levi e Calvino: ma anche solo a cosa significò un libro come Tutti giù per terra. Qui succedeva qualcosa e cera gente che lo raccontava, lo rappresentava e lo cantava. Quella era la benzina che faceva girare il motore, in uno scambio fertile tra città e creativi. Non che oggi non ci siano in giro talenti, anzi: ma non cè più un sistema identitario che li leghi alla città. E in questo Parigi ha cento volte ragione. E pure sul fatto che il talento devono avercelo non solo gli artisti, ma anche i funzionari pubblici che li supportano. Cultura è in primo luogo ciò che si crea; solo dopo viene la conta dei biglietti ai musei.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news