LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Leon: la nostra idea di Torino, città di cultura e per famiglie
Francesca Leon*
Corriere della Sera - Torino 10/4/2019


* Francesca Leon Assessora comunale alla Cultura

Il dibattito pubblico, per quanto reso aspro dallimminenza elettorale, non può far ricorso ad allusioni o falsità. È falso dire che la Città non abbia tenuto fede agli impegni assunti per il Salone Internazionale del libro 2018 e per il prossimo triennio: nel 2018 ha stanziato 700 mila euro a favore della Fondazione per la Cultura per la realizzazione del Salone che a sua volta ha raccolto sponsorizzazioni per oltre 500 mila euro. In attesa dei bilanci consuntivi delle due fondazioni possiamo dire che saranno garantite tutte le risorse necessarie. Dal 2019 al 2021 i fondi sono garantiti da un protocollo di intesa tra Città, Regione e Circolo dei Lettori. Questo per fare chiarezza su ciò che è vero e ciò che è falso.

Come molti sanno il nostro Comune è il più indebitato dItalia e, al predissesto che avrebbe comportato tagli lineari ed eliminato le spese non obbligatorie, si è preferito percorrere la strada più difficile del piano di rientro, stabilizzando le risorse per la cultura. Una scelta politica che ribadisce limportanza del settore per questa Amministrazione e abbiamo tenuto fede a tutti gli impegni. Non solo, in questi tre anni la città è riuscita a recuperare le dilazioni accumulate negli anni nel pagamento dei contributi.

Separare le deleghe da quelle del turismo vuole dire assegnare alla cultura un valore a sé, non ancillare rispetto a qualcosa daltro. La cultura è motore di conoscenza, di partecipazione attiva, di ricerca, produzione e innovazione non solo uno strumento di attrazione turistica. Oggi la città è attrattiva per tantissimi aspetti, tutti importanti: bellezza della città, laccoglienza, lofferta culturale, lenogastronomia, i grandi eventi. Stupisce leggere che il turismo familiare non interessi e che alcuni pensino che occorra puntare solo sul turismo culturale puro. E poi se oltre al patrimonio culturale cominciamo a essere riconosciuti anche come città di eccellenza enogastronomica e per i grandi eventi sportivi, credo sia un risultato importante.

Il nostro sistema culturale è rigido, pensato su una dimensione verticale che ha tralasciato negli anni quel tessuto creativo e produttivo diffuso, forse da alcuni considerato minore che dovrebbe essere il tessuto connettivo e dinamico del sistema culturale di una città. Una organizzazione che si traduce in una rigidità della spesa che ha come conseguenza che la quasi totalità dei fondi dellAssessorato alla cultura sono destinati agli enti culturali partecipati. In dieci anni i contributi alla cultura sono calati del 65% senza che venisse affrontato il tema della sostenibilità. Inevitabile che i nodi venissero al pettine e oggi li stiamo affrontando.

Le difficoltà del Teatro Regio nascono dal conferimento di immobili al posto di contributi con conseguente aggravamento della posizione debitoria rischiando il commissariamento. Lazione di indirizzo della città ha permesso di elaborare un piano di sviluppo che ha portato a un investimento da parte del Mibac di 8 milioni e mezzo. La riorganizzazione di Torino Arti Performative ha permesso di dare continuità ai finanziamenti alle compagnie consolidate, opportunità a quelle giovani, promuovendo le attività internazionali, restituendo valore strategico al settore della danza, chiedendo ai teatri partecipati di condividere strategie, risorse e attività.

Abbiamo dato voce alle competenze del nostro territorio nel mondo del jazz mettendo per la prima volta in primo piano i musicisti e i club. I risultati parlano da soli e questanno anche la Regione ha voluto affiancare il nostro lavoro. Siamo lieti di esportare modelli, così come è successo con Torino che legge e la volontà di mettere al centro delle nostre azioni un sistema bibliotecario dinamico e competente. Ed è con questa filosofia che ci prepariamo ad entrare nella Fondazione Circolo dei Lettori: per fare sistema tra Circolo dei lettori, Servizio bibliotecario cittadino insieme ai protagonisti della filiera del libro. Fare politica culturale vuol dire attivare sinergie, fare rete e far sì che le istituzioni destinatarie della quasi totalità delle risorse destinate al settore siano attive nella costruzione del tessuto connettivo creativo della nostra città. È quello che questa Amministrazione sta facendo anche in unottica di sviluppo turistico intorno a Leonardo da Vinci Disegnare il futuro e a Torino Città del Cinema nel 2020.

Veniamo poi al sistema museale. Nel 1998 i visitatori nei musei erano 800 mila visite. Oggi sono 5 milioni 200 mila. Una crescita ulteriore è possibile ma soprattutto in luoghi come la Venaria e le Residenze Sabaude. Oggi, però, il sistema delle residenze è ancora al blocco di partenza, così come spero nella rapida riapertura del Museo Regionale di Scienze Naturali.

Ma le attività di un museo non si valutano solo in base al numero dei visitatori, piuttosto dalla capacità di fare ricerca, di parlare a un pubblico sempre più vasto per costruire percorsi di senso insieme ai cittadini e al tempo stesso costruendo opportunità di sviluppo sulla scena internazionale: un caso esemplare è lattività del museo egizio lungi da me lintento di attribuirmi meriti esemplificata mirabilmente nella mostra Archeologia Invisibile che dimostra la capacità di una istituzione culturale di produrre innovazione, utilizzando le opportunità e gli strumenti della rivoluzione digitale.



news

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

13-09-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 13 settembre 2019

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

29-12-2018
A proposito dell'appello agli archeologi: "Firme e coerenza" di Pier Giovanni Guzzo

18-12-2018
APPELLO AGLI ARCHEOLOGI

28-11-2018
Nell'anniversario dei Washington Principles. Lo Stato italiano ha fatto poco per la restituzione dei beni culturali di proprietà ebraica

Archivio news